10 giocattoli vintage che valgono una fortuna

Se avete in casa uno dei giocattoli elencati sotto ritenetevi fortunate. Oggi, infatti, valgono una fortuna. Devono, però, essere ben conservati e possibilmente disponibili ancora con la loro scatola di imballaggio.

Articoli Correlati

10 giocattoli vintage che valgono una fortuna



I giocattoli di una volta. Per lo più non tecnologici o con una tecnologia talmente basica che i bambini di oggi non riuscirebbero a interagirvi. Eppure, per chi ha avuto l'accortezza di conservarli, possibilmente integri e nel loro imballaggio originale, ora valgono una fortuna.


Ve ne segnaliamo qualcuno. Ma i giochi vintage che potrebbero rendervi felici da adulti sono tantissimi. Li trovate in un elenco completo qui.

BARBIE VINTAGE (1959)


La prima Barbie non si scorda mai. Se, poi, stiamo parlando della prima Barbie in assoluto le emozioni al riguardano assumono i colori dei soldi. La primissima bambola è del 1959, sfoggia una pettinatura curata e, come è giusto che sia, decisamente Anni Cinquanta, un costume zebrato, immancabili scarpine con il tacco e un paio di occhiali da sole che completano il look.  Le bambine di oggi forse le preferiscono Barbie più moderne e aggressive nello stile. Questa Barbie, però, può valere fino a 23.000$.



GAME BOY NINTENDO (ANNI '90)

Siamo in pieni anni Novanta. Gli adolescenti ascoltavano Kurt Cobain, le ragazzine guardavano Beverly Hills 90210 e i bambini chiedevano a Babbo Natale che portasse loro il Game Boy Nintendo. Anche in questo caso, questo oggetto ante litteram che vantava una tecnologia notevole per l'epoca lascerebbe perplessi i giovani alpha abituati a scrollare con un dito e a comandare ripetitori vocali come fossero maggiordomi al loro servizio. Eppure il Game Boy era un oggetto del desiderio per tanti. Adesso può valere dai 750 a 1500$.

 

FURBY (1998)

Era il 1998 e molti genitori si appostarono fuori dai negozi di giocattoli nel periodo sotto Natale per riuscire ad accaparrarsi almeno un Furby, l'animaletto robotico creato da Dave Hampton e Caleb Chunge divenuto nel giro di pochissimo tempo un must have imprescindibile (in tutto il mondo ne sono stati venduto 41 milioni). Costava circa 30€. Ora può essere rivenduto a 900$. Non male per un robottino di pelo dotato di sei sensori che 'si limita' a sbattere occhi e orecchie, aprire la bocca e richiedere attenzioni!



LUKE SKYWALKER (1978)

Ora ci sono i Pop Vinyl che riproducono le sembianze dei personaggi più amati del cinema (e non solo). Nel 1978 i bambini volevano il pupazzetto di Luke Skywalker che oggi, per chi possiede l'originale, vale davvero una fortuna. Ne esistono, infatti, solo 20 esemplari e a un'asta è stato venduto a 25.000$.



HOT WHEELS 

Le macchinine Hot Wheels sono trasversali alle epoche e alle generazioni. Ne esistono di centinaia di serie, collezioni e modelli. E hanno fatto giocare e divertire i bimbi di tutto il mondo. Per capire quanto valgono occorre controllare a che anno e modello appartengono: la Volkswagen Beach Bomb del 1969 rosa è stata battuta a un'asta a 72.000$ (d'altra parte ne era stata prodotta solo una). Le altre costano meno. Ma sicuramente, per i modelli più rari, il guadagno per chi decide di disfarsene è maggiore della spesa effettuata ai tempi.



BAMBOLE AMERICAN GIRLS (1986)

Chi è stato negli Stati Uniti con una bambina lo sa: American Girl è parte integrante del tour del Paese. Il paradiso delle bambole, nel 1986, ha lanciato sul mercato la bambola Molly McIntire che nel 2013 è uscita fuori produzione. Ora vale una piccola fortuna, tanto da essere stata venduta a 5000$. Non messe peggio sono altre bambole del noto brand uscite fuori produzione: Kirsten Larson, Samantha Parkington, Felicity Merriman e Kanani Akina.


TRANSFORMERS (Anni Ottanta)

Quale uomo che è stato bambino negli anni Ottanta non ha avuto un Transformers tra i suoi giocattoli? Ebbene. Se è così e se per qualche arcano motivo non ci avete mai giocato e ne possedete uno in una confezione ancora integra, ritenetevi fortunati: ora vale 2000$ (100 volte il valore di mercato dei tempi).



CABBAGE PATCH KIDS (Anni '80)

Ve le ricordate queste bambole in stoffa per le quali noi, bambine degli Anni Ottanta, eravamo disposte anche a raddoppiare la dose dei compiti, rinunciare a tutte le puntate di Candy Candy e metterci al servizio dei fratelli maggiori pur di averne una? Ecco. Ora sono un piccolo patrimonio. Venivano vendute con una specie di certificato di nascita che ne attestava l'origine, la data e il nome. Nascevano sotto un cavolo, come tutti i bambini d'altra parte, ed erano tutte diverse l'una dall'altra. A pensarci torna la voglia di giocarci. La James Dudley del 1985 ora vale 3000$.

 

POLLY POCKET (Anni '80 e '90)

Un altro giocattolo cult per le bambine degli Anni Ottanta e Novanta: le Polly Pocket. Chi non ha avuta o desiderata una? Bamboline tascabili vendute con tanto di play set in miniatura da portarsi dietro ovunque. Ora valgono davvero una fortuna. In alcuni casi si è arrivati a venderli fino a 1900$. Ovviamente devono essere originali, integre e senza nessuna parte mancante.



TEDDY RUXPIN (1985)

Teddy Ruxpin era l'orsacchiotto che leggeva le fiabe e che a un certo punto tutti i bambini hanno iniziato a desiderare di avere come compagno per la nanna. Le storie erano registrate su un'audiocassetta e i bimbi potevano ascoltarle ogni volta che lo desideravano sui loro lettori. Nell'epoca di Alexa e Google Home fa davvero sorridere. Ma all'epoca rappresentava una grande novità. Teddy Ruxpin è stato venduto oggi anche 600$.




 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Smartworking-piattaforme

Le piattaforme per rimanere connessi

Per chi è a casa in smart working. Per gli studenti che devono seguire lezioni online. Per continuare ad avere relazioni sociali. Ecco alcuni strumenti molto utili se dovete organizzare call e video conferenze con colleghi, clienti, insegnanti e amici.

continua »
Smart-working-coronavirus

10 regole per lo smart worker felice

Vita da smart worker anche per chi allo smart work non è abituato o non lo ha mai desiderato come standard lavorativo. Di seguito qualche simpatico consiglio per viverlo al meglio, nonostante la presenza dei bambini.

continua »
Disney-anelli-fidanzamento

Gli anelli di fidanzamento ispirati alle principesse Disney

Quando si dice 'vivere una favola'. La Disney, in collaborazione con Lloyd ha realizzato anelli di fidanzamento ispirati alle principesse. Un regalo stupendo anche per San Valentino.

continua »
too-good-to-go

Too good to go: l'app contro lo spreco alimentare

Un terzo del cibo prodotto al mondo non viene consumato e viene gettato via. Too good to go è l'app che combatte lo spreco alimentare e aiuta le famiglie a risparmiare.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network