Anche i single possono adottare

La sentenza 3572 della Cassazione apre la possibilità di adozione anche per i single. Naturalmente, in proposito, l’opinione pubblica si è divisa…

È di questi giorni la notizia che la Corte di Cassazione, con la sentenza 3572, ha, di fatto, aperto la possibilità di adozione anche per i single rinviando al Parlamento la richiesta di una legge specifica in materia.
Il 14 febbraio, infatti, la Corte Suprema ha affidato una bimba a un single di Genova spiegando che la Convenzione di Strasburgo sui bambini del 1967 che contiene le linee guida in materia di adozione non specifica da nessuna parte l’impossibilità per un genitore unico di farsi carico della vita di un bimbo abbandonato.


Naturalmente la notizia ha fatto scalpore destando le proteste della Chiesa Cattolica ma anche di coloro che ritengono che un bambino abbia diritto ad avere l’affetto di entrambi i genitori e che una madre o un padre single non sarebbero, comunque, in grado di amarlo e aiutarlo a crescere come una coppia.

 
I DETRATTORI

Tra i principali accusatori della sentenza, la Chiesa si è schierata in prima linea e il cardinale Ennio Antonelli ha specificato, senza entrare nel merito della specifica questione genovese, che il diritto a un padre e a una madre dovrebbe essere per ogni bambino adottato la normalità.


Il fatto di affidare un orfano a un solo genitore rappresenta, quindi, secondo questa posizione, una sorta di passo indietro rispetto a quanto è stato fatto fino a ora e uno svantaggio per il bimbo che si troverebbe a crescere, rispetto ai suoi coetanei, in una famiglia (anzi, non famiglia) dimezzata.

 

 
ADOZIONE PER I SINGLE: PERCHÉ SÌ

Il problema dell’adozione è piuttosto complesso. A monte di tanti bambini in cerca di famiglia e di tante coppie in attesa di un bimbo, la burocrazia procede a rilento e i futuri genitori, sottoposti a ogni tipo di test, si trovano, talvolta, a dover aspettare per anni l’arrivo del piccolo.
Esistono, poi, liste d’attesa infinite e i parametri di giudizio sono rigidissimi. Ogni richiesta viene analizzata, valutata, schedata. Le coppie vengono classificate in base al loro reddito, alla casa in cui vivono, all’età che hanno, al lavoro, alla disponibilità di tempo da dedicare al piccino, all’amore presunto con cui lo copriranno…
Naturalmente, tutto questo viene fatto per tutelare, per quanto possibile, l’interesse del bimbo. Ed è giusto che sia così.
Ma non va dimenticato che si tratta pur sempre di bambini abbandonati, spesso chiusi per anni dentro orfanotrofi e casa per l’infanzia dove di amore, coccole, giochi e balocchi ne ricevono ben pochi. E che sveltire le pratiche sarebbe conveniente per tutti.
Dare anche ai single la possibilità di fare richiesta di adozione, non significa uscire da questo meccanismo. Il “futuro” genitore entrerebbe in una graduatoria con dei malus evidenti. Davanti a lui sfilerebbero le coppie benestanti sposate (perché, naturalmente, le coppie non sposate precipitano in questa classifica dell’amore dove, in realtà, molti dei parametri presi in considerazione con l’amore hanno ben poco a che fare), le coppie benestanti sposate in cui uno o entrambi i genitori possono permettersi di non lavorare, le coppie benestanti sposate che possono dare al piccolo una dimora signorile, un contesto affidabile, un futuro invidiabile…
Alla fine di questa classifica, poco sotto i conviventi, i single. Persone il cui cuore, probabilmente, scoppia di affetto come quello di tutti gli altri. Ma che rispetto a tutti gli altri non hanno avuto la fortuna, nella loro vita, di incontrare l’anima gemella.
Certo, e questo è indubbio, il figlio adottivo di un genitore single, probabilmente, si troverebbe a vivere con un padre (o una madre) costretto a lavorare per sostentarsi. Con poco tempo a disposizione. Ma in quante coppie di genitori felicemente sposati i figli crescono da soli perché sia mamma che papà durante il giorno lavorano?
 

 

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da il 10 ottobre 2017 alle ore 01:21

    Forza aiutiamo ad uscire questi piccini dagli orfanotrofi anche i single che sono in grado di educare debbono farlo subito la legge! !! Brava Laura raVetto

  • Commento inserito da anna gicht il 27 novembre 2016 alle ore 11:04

    io penso che un bimbo sottratto alla freddezza affettiva,alla solitudine di un orfanatrofio possa vivere una vita di calor umano, di amore anche con un genitoresingle che è single per sua sfortuna ,ma che ha tanto amore da dare.....forse anche di piu'. e poi quanti bambini sono cresciuti senza padre perché abbandonati?o perché il padre è deceduto? è un'opportunità stupenda.

  • Commento inserito da deborah il 31 agosto 2016 alle ore 17:55

    verissimo, anche perché anche le coppie possono sempre separarsi, divorziarsi litigare ecc... vengono guardate tante cose inutili, ma non i bisogni dei bambini, dove la stragrande maggioranza resta fino a 18 anni negli orfanotrofi. anche le varie associazioni chiedono dai 15000 euro in su....questo è uno schifo. e non venitemi a dire che questi soldi vengono usati per i documenti perché non ci credo. guardate i video degli orfanotrofi in russia, dove i bambini vengono frustati, legati alle seggioline, dove si dibattono, bambini messi a pane e acqua anche da quelli gestiti dalle suore. io vorrei tanto adottare un bambino come genitore single, ma il mondo purtroppo è fatto di gente cattiva e menefreghista che preferisce farli muorire di stenti prima che darli ad un solo genitore, senza capire che esistono tante ragazze madri come me, o vedove, con figli comunque amati e felici.

  • Commento inserito da Sabrina il 8 maggio 2015 alle ore 00:02

    Sono d'accordo all'adozione per i single, soprattutto perchè ad oggi, una donna single può utilizzare l'inseminazione eterologa ed avere un figlio da sola. Ovviamente dovrà farlo all'estero visto che la legge italiana non lo permette.

  • Commento inserito da cristina il 24 settembre 2013 alle ore 23:07

    Io vorrei che domandaste a quei bambini se preferiscono crescere in strutture dove sei solo un numero o con un genitore che magari non avra molto tempo, ma sicuramente gli leggera una favola, gli asciughera le lacrime, passera notti in bianco quando stara male , ecc. Al giorno d'oggi sono piu' i figli di separati che quelli con due genitori. Bisogna anche tener conto che tutti vogliono dei batuffoli appena nati, ma ci sono anche bambini piu' grandi che rischiano di passare la loro vita in strutture , e una volta arrivati alla maggiore eta' che fine fanno???

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
maschera-capelli-hp

Maschere per capelli: fai-da-te!

Yogurt, miele, olio d'oliva, avocado, banane, sono i principali ingredienti per preparare maschere per capelli: ecco alcune ricette

continua »
Mascherine-stoffa-efficacia

Le mascherine di stoffa proteggono davvero?

Da una ricerca della Unsw Sydney, pubblicata su BMJ Open e riportata in questi giorni da Repubblica, le mascherine di stoffa proteggono dal contagio del Covid, ma ad alcune condizioni.  

continua »
Amazon_prime_Day_2020_shop_deals

Amazon Prime Day, per risparmiare alla grande

Il 13 e il 14 ottobre sarà Amazon Prime Day, due giornate speciali per gli abbonati al servizio di spesa veloce, con tantissime offerte e promozioni per risparmiare alla grande.

continua »
loyoga_home

Il personal trainer di yoga si ordina via app

Il personal trainer di yoga si ordina via app: lezioni all'aperto e a domicilio di yoga, quando e come vuoi  

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network