I 15 minuti di gloria di Edie…

Ovvero, Factory Girl, l’ultimo film con Sienna Miller, che racconta la parabola di Edie Sedgwick, musa di Andy Warhol intorno alla metà degli anni Sessanta, morta di overdose nel 1971 a soli 28 anni.

Articoli Correlati


Sienna Miller (alias Edie Sedgwick) e Hayden Christensen (alias Billy) in Factory Girl



Video da G:iovani

Andy Warhol, il grande Andy Warhol che intorno alla metà degli Anni Sessanta ha stravolto tutti i canoni estetici e tutte le passate teorie sull’arte imponendo uno stile nuovo, un nuovo modo di pensare e vedere le cose, le opere, gli oggetti e, in definitiva, il mondo, così ha dichiarato una volta, con il suo tono mellifluo, rallentato, antitetico rispetto al trend che andava costruendo: In futuro, tutti saranno famosi per 15 minuti….


E Edie Sedgwick, ricca ereditiera californiana, figlia di miliardari apparentemente benpensanti (il padre, in realtà, aveva abusato di lei durante l’infanzia, il fratello omosessuale si era suicidato, lei stessa aveva avuto problemi con il cibo ed era stata rinchiusa in un centro di recupero. Il tutto davanti alla più completa indifferenza della madre), questa ragazza, insomma, bella e tormentata, affascinante e inquietante al contempo, i suoi 15 minuti di gloria li aveva avuti. Eccome se li aveva avuti! Edie Sedgwick, infatti, giunta nella pulsante New York della metà degli Anni Sessanta, per circa un anno era stata la musa ispiratrice proprio di Warhol che con i suoi film (i suoi film che con gli occhi di poi possono essere considerati gli antesignani degli attuali reality) ne aveva fatto una Superstar, un’icona della cultura underground di quegli anni.

FACRORY GIRL, il film di George Hickenlooper con Sienna Miller, Hayden Christensen e Guy Pearce, racconta questa storia. La storia dei 15 minuti di gloria di Edie Sedgwick nella mitica Factory di Wharol, consumatisi rapidamente a colpi di speed, eroina, alcol e amori tragici (nel film, infatti, Edie si innamora di un folk singer, un menestrello impegnato, cinico e affascinante quanto basta per attirare una giovane strampalata, desiderosa di stimoli e bisognosa di affetto quale lei era, dietro al quale molti hanno voluto vedere il leggendario Bob Dylan. Il cantautore, però, ha negato qualunque tipo di legame sentimentale con la Sedgwick e sceneggiatori e produttori si sono beccati una bella querela per diffamazione che ha rischiato di bloccare l’uscita americana della pellicola).

Un biopic, quindi, al quale manca, forse, la capacità di entrare nelle viscere di un’epoca che viveva al fulmicotone. Che non sa raccontare l’atmosfera di delirante entusiasmo che doveva respirarsi nella Factory di Warhol rimanendo sulla superficie del cliché del sesso (poco), droga (molta) e rock ‘n roll. Che lascia New York sullo sfondo negandole il ruolo di forza trainante di ogni idea, progetto, sogno mai pensata, realizzato, sognato.
Ma un biopic che in qualche modo è capace di esaltare. Perché Edie Sedgwick, alias Sienna Miller, è bella e tormentata, un’icona pop, come venne definita da chi la conosceva, capace di dettare mode e tendenze semplicemente indossando un paio di collant e un body. Perché Edie Sedgwick incarna l’eroina giovane e dannata, la principessa americana che poteva avere tutto tranne ciò di cui più aveva bisogno: l’amore. Come James Dean. Marlyn Monroe. Jim Morrison. La “Gioventu bruciata” che ha reso mitici i favolosi Sixties.
E FACTORY GIRL esalta perché tutti, forse, sotto sotto, nel profondo più profondo, stiamo aspettando i nostri 15 minuti di gloria. Comunque vada a finire.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Ginnastica-intima-donne

Ginnastica intima per donne

Per prevenire i dolori mestruali, per una pancia piatta, per la gravidanza o il parto, Ginnastica intima per donne. Riscopri la tua femminilità con il metodo Gymintima® è il libro di Simona Oberhammer pensato per le donne.

continua »
Pasta_madre

Pasta madre: pane in casa, decisamente biologico

Impazza la moda del pane in casa fatto con pasta madre. Sano, sottoposto a un corretto processo di lievitazione che lo rende più leggero e digeribile e sicuramente più economico del pane acquistato in panetteria. Una mini guida per coloro che vogliono percorrere questa strada.

continua »
Unicorno-mania

Unicorno-mania: ecco alcune idee regalo

Il tuo bambino impazzisce per gli unicorni? La tua migliore amica si è riempita la casa di mini-pony come se avesse ancora 10 anni? Ecco alcune idee regalo in grado di soddisfare l'unicorno-mania che impazza ovunque (e a qualunque età).

continua »
Black-Friday

6 consigli per prepararsi al Black Friday

L'attesa sta per finire e Black Friday è dietro l'angolo. Venerdì 24 novembre, tutti con le mani sulla tastiera per gli acquisti più economici e convenienti. Ecco 6 consigli per vivere al meglio questa giornata.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network