Trucchi per una pancia piatta in poco tempo

A volte pancia gonfia e non perfettamente in linea non significa chili di troppo o grasso in eccesso. Ecco come avere un addome piatto in poco tempo con qualche piccolo semplice accorgimento.

Trucchi per una pancia piatta in poco tempo



Pancia gonfia non è sempre sinonimo di chili di troppo. Spesso i motivi non vanno ricercati tanto nelle calorie ingerite, quanto piuttosto nello stile di vita e nelle abitudini alimentari.


Se in parte, infatti, la pancia gonfia è anche il risultato di cambiamenti ormonali che nelle donne, nell'arco del mese, sono normali, dall'altra dipende da un cattivo transito intestinale dovuto a svariati motivi spesso non strettamente legati alla dieta (anche).
Come intervenire, dunque, per un addome a prova di bikini e, soprattutto, per dare il via a uno stile alimentare e di vita corretto?
Di seguito alcune delle principali cause di rigonfiamento addominale.

  1. NO AL CIBO SPAZZATURA
    Il cibo spazzatura, a prescindere dal numero di calorie, è una delle principali cause di problemi intestinali e, di conseguenza, pancia gonfia. Andrebbe, quindi, limitato ed evitato del tutto quando si vuole ridurre la circonferenza addominale.
     
  2. NO AI DISORDINI ALIMENTARI GIORNALIERI
    A prescindere da ciò che si mangia, è molto importante evitare il cibo fuori pasto a prescindere dal tipo di alimento ingerito.
    Un'alimentazione equilibrata, a orari regolari nell'arco della giornata, aiuta a ripulire l'intestino e a renderlo meno irritabile. Evitate, poi, di ingerire cibo e bevande dopo le 22 e cercate di fare in modo che nelle ore notturne (almeno 10 ore) il tratto intestinale sia sgombro.
     
  3. CIBI DA EVITARE
    Come dicevamo, il gonfiore addominale è causato principalmente dall'alimentazione e da uno stile di vita sbagliato. Spesso, però, alcuni cibi considerati 'sani' sono tra i principali responsabili dell'aria nella pancia. Tra questi:
    legumi, mele, prugne, uva passa,cavoli, cavolfiori, broccoli, cavoletti di Bruxelles, verze, rape, ravanelli, carciofi, cipolla, lattuga...
    Questi alimenti, che per certi versi sono dei toccasana nella dieta di tutti i giorni, andrebbero evitati per qualche periodo e reintrodotti a piccoli dosi con un consumo che non vada oltre le 2 volte alla settimana.
     
  4. MASTICARE LENTAMENTE E NON PARLARE CON LA BOCCA PIENA
    Una masticazione lenta, a bocca chiusa aiuta a ridurre il rischio di produrre aria nell'intestino che si trasforma in una pancia rigonfia e poco estetica. Oltre alla buona educazione, quindi, imparare a mangiare ascoltando e intervenendo solo dopo aver inghiottito un boccone è utile per non avere problemi di gonfiore intestinale.
     
  5.  ACQUA A TEMPERATURA AMBIENTE DA BERE A PICCOLI SORSI
    L'acqua, come è risaputo, aiuta e favorisce il transito intestinale. Ecco perché la quantità di acqua consumata non dovrebbe scendere sotto i 2 litri al giorno da consumare a temperatura ambiente e a piccoli sorsi nell'arco della giornata.
    No, invece, all'acqua gasta che, al contrario gonfia l'addome.
     
  6. AGGIUNGETE LO ZENZERO ALLE VOSTRE RICETTE
    Lo zenzero fresco contiene gingerolo, una sostanzia che aiuta la mobilità intestinale e rende questo alimento particolarmente adatto a essere aggiunto alle proprie ricette per contrastare naturalmente il gonfiore addominale.


ANANAS: VERITÀ O LEGGENDA?

L'ananas aiuta davvero a eliminare l'aria nella pancia con l'effetto di ridurne il gonfiore?
La risposta è no. Si tratta di una leggenda metropolitana che non trova nessun fondamento scientifico.
In realtà, l'ananas contiene bromelina, una sostanza che favorisce la digestione delle proteine

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Decorare-balconi2022

Come trasformare il balcone di casa

Ecco come decorare balconi e terrazze per renderli angoli accoglienti dove riposare e, per chi può, ospitare gli amici. Qualche consiglio di arredamento e la lista dei fiori più adatti da piantare in questi mesi.

continua »
Giornata-inteernazionale-sonno

World Sleep Day

Il 18 marzo si celebra la Giornata Mondiale del Sonno. Ecco le tecniche per dormire meglio

continua »
Criolipolisi

Criolipolisi: in cosa consiste

La criolipolisi è un trattamento di medicina estetica che permette di ridurre le cellule di grasso attraverso l'utilizzo di un aparrecchio che le espone per un'ora a un raffreddamento estremo.

continua »
re-think-your-jeans

Economia circolare: ecco come dare nuova vita ai jeans

Re-Think your jeans è un progetto di economia circolare grazie al quale puoi inserire i propri vecchi capi in jeans nel processo di rigenerazione. Scopri come fare.

continua »
Cerca altre strutture