10 regole di buona educazione a tavola

L'educazione a tavola va insegnata sin dalle primissime pappe, stabilendo regole chiare e condivise da tutte la famiglia. Ecco, dunque, cosa si dovrebbe e cosa non si dovrebbe fare durante i pasti.

Articoli Correlati


 
È spesso durante i pasti che la famiglia si riuniusce e trova un momento per condividere gli accadimenti della giornata e raccontare le esperienze del giorno. Ecco perché è così importante che a tavola ci siano regole chiare valide per tutta la famiglia.


  1. Si mangia tutti assieme allo stesso orario. Se i bambini sono molto piccoli (in età da svezzamento) possono mangiare prima in base alle loro esigenze. È, peròò, importante che li abituiate a stare a tavola con voi mentre cenate o pranzate.
     
  2. Durante i pasti, si spengono televisione, tablet, computer e smartphone. Non si mangia con il cellulare in mano. O con un occhio puntato verso la televisione. Spegnete i device e accendete la conversazione.
     
  3. SI mangia tutti la stessa cosa, fatta eccezione per casi o esigenze particolari (allergie, intolleranze, malattia...). Abituate i piccoli a condividere con voi anche il gusto dei piatti che proponete a tavola. Se li abituate a un menu differente, difficilmente riuscirete a togliere loro il vizio di chiedere altro rispetto ai piatti che mangiano gli altri.

     
  4. A tavola si chiacchiera, si parla, si ride, si scherza. Ma non si urla. E non si litiga.
     
  5. A tavola non si gioca. Durante il pasto, giochi e giochini vanno tolti dalla tavola. Il bambino deve abituarsi a conversare e mangiare senza altre distrazioni. Diversamente, al ristorante, dove i tempi d'attesa sono più lunghi, potrete portare con voi un gioco o un libro da colorare che, però, vanno fatti sparire quando arrivano i piatti.
     
  6. Non ci si alza da tavola senza il permesso di mamma e papà.
     
  7.  La tavola si apparecchia sempre. Anche per un pasto frugale. Non importa che usiate la tovaglia, le tovagliette o il runner, ma la tavola va apparecchiata ogni volta con tutto quello che siete soliti metterci.
     
  8. I bambini più grandi possono essere abituati ad aiutare i genitori ad apparecchiare e sparecchiare, portare in tavola i piatti, servire.... 
     
  9. Se ne avete la possibilità, invitate gli amichetti dei vostri figli o i vostri amici a mangiare da voi. Abituare i bambini alla convivialità è un buon modo per accrescere la loro capacità di socializzare. 
     
  10. Se vi è possibile, abituate i bimbi ad venire al ristorante con voi e insegnate loro ad avere un comportamento educato e rirpsettoso anche degli altri commensali.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
MarkRothko

L'arte spiegata ai bambini (da Rothko)

Mark Rothko, pittore statunitense esponente dell'espressionismo astratto, ha indicato quali sono le sei regole base per spiegare l'arte ai bambini. 

continua »
Analfabetismo-motorio-scuola

Analfabetismo motorio tra i bambini

Per analfabetismo motorio tra i bambini si intende una sempre maggiore incapacità da parte dei più piccoli di approcciare attività motorie semplici quali correre o fare le capriole. Perché questo succede?

continua »
Sindrome-di-Asperger

Sindrome di Asperger: di cosa si tratta

Ricorre oggi la Giornata Mondiale della Sindrome di Asperger, un disturbo che presenta alcune caratteristiche dell'autismo ma che interessa, soprattutto, la sfera relazionale e sociale del comportamento.

continua »
Meditazione-bambini

Meditazione per bambini. Come riscoprire il silenzio interiore

La meditazione è una pratica che, con i dovuti aggiustamenti del caso, è adatta anche ai più piccoli: attraverso la meditazione, infatti, possono imparare a rilassarsi a scoprire il proprio io interiore. 

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network