A tavola con i nonni

Perché alcuni bambini mangiano tutto a casa dei nonni e a casa di mamma e papà no? Che cosa caratterizza la relazioni nonni-nipoti e perché è importante coltivarla? Ce ne parla l'Associazione Pollicino.

Articoli Correlati


I nonni, al giorno d’oggi, costituiscono una risorsa sempre più preziosa nella crescita dei bambini. Assorbiti dalle molteplici routine lavorative e domestiche, i genitori si ritrovano infatti a dover affidare il proprio bambino ad altre figure di accudimento.
La preoccupazione che più frequentemente caratterizza i neogenitori è quella di individuare una persona affidabile e sicura, in grado di favorire lo sviluppo sereno del bambino.


Nella maggior parte dei casi, la scelta ricade sui nonni – qualora questi ultimi siano disponibili e in grado di prendersi cura del piccolo.
La casa dei nonni diventa, quindi, per il bambino un secondo luogo affettivo ed educativo. Una parte fondamentale dell’incontro tra nonni e nipoti si gioca intorno alla tavola. A casa dei nonni tutto ha un altro sapore: la pasta fresca fatta in casa, le torte preparate insieme, i piatti tipici cucinati dalla nonna, le ricette raccolte nel diario di famiglia tramandate di generazione in generazione e preparate insieme passo per passo.
La tavola diventa luogo di convivialità, di trasmissione di valori, di atti di cura – come far trovare al proprio nipotino il suo piatto preferito al rientro da scuola – e di insegnamenti di “altri tempi”.

Una frase che viene spesso pronunciata dai genitori è: “da loro mangia tutto e a casa invece fa i capricci!”.

Non è, infatti, infrequente che mentre a casa dei nonni i bambini appaiano aperti all’assaggio di nuove pietanze e curiosi verso nuovi sapori, con i genitori si dimostrino più selettivi nello scegliere quali cibi mangiare e quali rifiutare ostinatamente.
Allo stesso modo, non è insolito che gli stessi piatti preparati dalle mani materne risultino più gustosi se cucinati dalla nonna. Si tratta di manifestazioni a cui non è possibile attribuire un significato universale ma che potrebbero trovare risposta nell’opportunità, offerta dalla casa dei nonni, di incontrare un ambiente tranquillo, in cui il “tempo della tavola” scorre lento'.

La cornice culturale che accompagna da sempre il cibo con le sue tradizioni e ritualità, infatti, trova spesso posto e cura proprio nella casa dei nonni. Ci sono delle situazioni in cui, tuttavia, i bambini rischiano di non poter fare esperienza di un tale arricchimento: si tratta di quei casi in cui i nonni tendono a sostituirsi alle figure genitoriali, imponendo regole e metodi educativi nella crescita del nipote e determinando, così, nei genitori sentimenti di gelosia e prevaricazione e, nei bambini, confusione. Questo “sconfinamento di ruolo” genera una sorta di competizione tra i genitori e le rispettive figure parentali, con il rischio di privare il bambino del tempo “della casa e della tavola dei nonni”.
La relazione nonni-nipoti è, dunque, una preziosa risorsa educativo-affettiva che è necessario coltivare e nutrire giorno per giorno.

Per maggiori informazioni:
Associazione Pollicino e Centro Crisi Genitori Onlus
Via Amedeo d'Aosta 6 - Milano
info@pollicinoonlus.it
www.pollicinoonlus.it
Numero Verde: 800.644.622


Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Bambini-tiranni

Come comportarsi se il bambino è un tiranno

Prepotenti, dispotici, arroganti. Sono i bambini tiranni, abituati a sfidare gli adulti e ad averla vinta sempre loro. La causa è quasi sempre un modello educativo sbagliato, che non tiene conto dell'esigenza primaria di un bimbo: avere delle regole. Ecco cosa fare se il bambino è un piccolo tiranno.

continua »
Tucanbox

Toucan Box: creatività in una scatola

Una bella idea per un regalo di compleanno diverso dal solito o per intrattenere il proprio bambino con una proposta creativa unica e divertente, facile da realizzare: toucanBox

continua »
Saldi2018

Saldi: 3 negozi online per acquisti a basso costo

I saldi sono iniziati ma il tempo per lo shopping tradizionale scarseggia? Niente panico. I negozi online ci vengono in soccorso con vetrine e sconti di tutto rispetto.

continua »
Primini

A scuola a 5 anni. I pro e i contro

Per i bambini nati entro il 30 aprile 2013 è possibile effettuare l'iscrizione a scuola anticipata per l'anno scolastico 2018/2019. I pro e i contro della scelta.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network