A Trieste i bambini imparano la parità di genere

Si chiama Pari o dispari, il gioco del rispetto ed è il progetto ludico-didattico che sta per partire nelle scuole di infanzia di Trieste finalizzato a sensibilizzare i più piccoli sul tema del genere e delle pari opportunità. Un'iniziativa lodevole che, però, sta scatenando enormi polemiche. 

Articoli Correlati

A Trieste i bambini imparano la parità di genere


Fatta passare come proposta di lezioni porno all'asilo dal giornale Libero e da Matteo Salvini, l'iniziativa ludico-didattica Pari o Dispari. Il gioco del rispetto finanziata dalla Regione Friuli Venezia Giulia e rivolta alle scuole dell'infanzia di Trieste, quindi a bambini dai 3 ai 6 anni, sta facendo molto discutere. Non solo i genitori e le strutture coinvolte, ma il mondo della politica. Che si interroga e si sta interrogando sulla bontà di simili progetti, sulla loro utilità e sul ruolo educativo che le scuole, in questo caso quelle dei più piccini, debbano avere.


In realtà, come si legge nella documentazione ufficiale legata all'attività, l'intento è quello di promuovere tra i più piccoli un cambio di atteggiamento e il superamento degli stereotipi per quanto riguarda il tema del genere e delle pari opportunità, nella convinzione che un radicale cambiamento culturale, quello che vuole le bambine vestite di rosa e destinate a prendersi cura della casa, dei figli e della famiglia, e i maschietti vestiti di azzurro e pronti per una vita in carriera, possa raggiungere il suo pieno compimento solo ed esclusivamente solo passando attraverso le nuove generazioni.

Il progetto, che è già stato testato in via sperimentale in 4 strutture triestine, sarà avviato in modo attivo nelle prossime settimane in 45 classi dove bambini dai 3 ai 6 anni saranno invitati, uilizzando un kit di giochi creati appositamente per l'occasione e sempre sotto la guida delle educatrici, a esplorare i copri dei compagni (questo per dimostrare che alcune sensazioni provate sono le medesime per maschi e femmine), a indossare i panni normalmente indossati da bimbi del sesso opposto, a trasformarsi in personaggi di fantasia, a immaginarsi in un'ipotetica situazione del 'se fossi'.

Al contempo, saranno presentati dei questionari, diversi per le insegnanti e i bambini, per capire quanto gli stereotipi di generi siano presenti e radicati nelle attività normalmente svolte in classe e nelle idee dei piccoli.

Le polemiche rispetto a questa iniziativa sono state innumerevoli. Dalle associazioni genitori alle associazioni cattoliche, dai gruppi politici ai dibattiti intellettuali. Tra i principali detrattori gli esponenti della Lega. Salvini, per esempio, in merito ha commentato:
Pazzesco. Il Comune di Trieste porterà in 45 scuole dell'Infanzia un 'Gioco del Rispetto' per spiegare ai bambini un punto di vista alternativo rispetto a quello tradizionale, arrivando a far esplorare ai bambini i corpi dei loro compagni, e facendo loro scambiare i vestiti. Ma il maschetto è maschietto, la bimba è bimba! Qualcuno vuole costruire un mondo al contrario. Io non ci sto!

Osservando, però, il kit che è stato distribuito (immagini nelle quali uomo e donna svolgono le medesime funzioni domestiche e professionali, per esempio) sono abbastanza esemplificative di quelli che sono gli intenti reali del progetto. Che non vuole mettere in discussione il genere di appartenenza. Ma vuole mostrare come, in realtà, le differenze tra uomo e donna, spesso, siano pura apparenza, stereotipo appunto. E possano e debbano essere superate.

Nulla a che vedere, quindi, con Egalia, l'asilo svedese la cui esistenza qualche anno fa aveva sconvolto il web e i benpensanti. Un asilo in cui i bambini perdono il loro genere di appartenenza per diventare semplicemente persone, chiamati con nomi neutri e, di fatto, incoraggiati a sviluppare un approccio neutrale, appunto, con l'altro sesso.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Minitennis

Tutti a scuola di minitennis!

Se il tennis è sconsigliato nei bambini troppo piccoli, il minitennis che sempre più centri sportivi stanno proponendo ai bimbi è un sport completo perfetto già a partire dai 3 anni. Ecco di cosa si tratta. 

continua »
FakeNews_Mascherine2

No-mask: mascherine e fake news

Dopo i no-vax ora è la volta dei no-mask di diffondere false informazioni, in questo caso, sull'uso delle mascherine e più in particolare sull'uso delle mascherine nei bambini. Ecco 5 bufale smentite anche dalla Società Italiana di Pediatria.

continua »
Back-to-school-qualita-aria

3 regole per un Back to school in sicurezza

A scuola in sicurezza. Non solo per limitare eventuali focolai di covd, ma anche per diminuire il rischio di contagio da altri virus che, normalmente, circolano nelle classi.

continua »
Vaccino-antinfluenza2020

Perché gli operatori sanitari spingono verso il vaccino influenzale?

Dal momento che distinguere il Covid dalla comune influenza è pressoché impossibile senza il tampone, l'unica soluzione per tracciare eventuali focolai è praticare la vaccinazione influenzale almeno a un italiano su quattro.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network