Analfabetismo motorio tra i bambini

Per analfabetismo motorio tra i bambini si intende una sempre maggiore incapacità da parte dei più piccoli di approcciare attività motorie semplici quali correre o fare le capriole. Perché questo succede?

Articoli Correlati



L'Italia, secondo i dati dell'ISTAT, è il Paese più sedentario d'Europa. E a conferma di questo, la crescente preoccupazione degli esperti rispetto all'incapacità dei bambini di oggi di affrontare attività fisiche basilari che si imparano non tanto con la frequentazione di palestre e centri sportivi, quanto con il normale gioco all'aperto.


I bambini di oggi, a quanto sembra, hanno grosse difficoltà a coordinare i movimenti, non sono più capaci di correre, saltare alla corda, fare le capriole. Ed è in questo senso che gli esperti hanno iniziato a parlare di 'analfabetismo motorio'.

ALCUNI DATI


D'altra parte, i dati sono abbastanza allarmanti, anche se in lieve crescita.
Nel 2017, nella fascia d’età tra i 6 e i 10 anni, i bambini che non praticavano sport e attività fisica erano il 18,8%. Un dato alto ma in calo rispetto al 2016 quando si raggiungeva il 23,3%. Stabile la quota dei bambini che fanno sport in modo continuativo: 60,5% nel 2017 contro il 59,7% dell’anno prima. Aumenta, sempre nella fascia 6-10, chi fa solo qualche attività fisica: il 15,3% del 2017 contro il 10,8 del 2016.
Se si prende in considerazione la fascia d’età precedente – 3-5 anni – i dati sono ancora più preoccupanti: Il 48,8% non fa né sport né attività fisica 

CONSEGUENZE

Oltre alla difficoltà di raggiungere la coordinazione motoria e di prendere possesso dello spazio, l'assenza di attività fisica e gioco libero ha avuto, sinora, una conseguenza molto grave: in Italia, i bambini obesi oggi sono 3 volte di più di quanto non lo fossero negli Anni Settanta. Se in parte questo è da attribuire a una cattiva alimentazione e ad abitudini alimentari errate, una buona parte della responsabilità si nasconde proprio in questo analfabetismo motorio dilagante.

Di chi è la colpa? Difficile stabilirlo. Sicuramente, però, i genitori dovrebbero assumersi le loro responsabilità. I bambini non giocano più nei cortili e nei parchi. Non sono più lasciati liberi di sperimentare le possibilità del loro corpo. Vivono chiusi in casa in ambienti protetti in cui l'attività motoria si riduce a qualche saltello sul divano o sul letto.
È diffuso un timore per sbucciature e slogature. Molti bimbi hanno il divieto di correre, salire sugli alberi, saltare...
Mamma e papà dovrebbero, invece, imparare a non preoccuparsi. Dovrebbero coltivare la passione dei bambini per lo sport. Dovrebbero spingerli a passare all'aperto il loro tempo libero, lasciandoli liberi di mettersi alla prova. 
Anche a scapito di ferito e ossa rotte.
 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Equitazione-bambini2019

Equitazione: uno sport completo

L'equitazione è uno sport a tutti gli effetti, completo sia dal punto di vista fisico che per quanto riguarda l'aspetto educativo e di responsabilizzazione del bambino. Ecco perché.

continua »
Noia-vacanza

La noia in vacanza

Annoiarsi in vacanza è un diritto che fa bene ai bambini. Lo dicono gli studi più recenti a conferma di quanto si afferma da sempre.

continua »
questura-Milano

Good news: lo spazio bimbi nella questura di Milano

Apre, all'interno della Questura di Milano, un piccolo spazio destinato ai bambini: pareti colorate, sedioline e una tv che trasmette i cartoni animati.

continua »
Scottature

Cosa fare in caso di scottature

Per quanto sia fondamentale cercare di evitare che il bambino si scotti nei primi anni della sua vita per le conseguenze che questo può avere in età adulta, come intervenire qualora questo dovesse succedere?

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network