Antibiotico. 10 cose da sapere

Prima o dopo i pasti? Una, due o tre volte al giorno? in che dosi? Come si prepara? Come si conserva? Un veloce vademecum per l'uso dell'antibiotico e la sua somministrazione.


 In caso di infezione di natura batterica, il solo farmaco in grado di agire tempestvamente è l'antibiotico. Sebbene non se ne debba abusare e sia del tutto inutile di fronte a infezioni virali, l'antibiotico è uno degli alleati più preziosi per l'uomo per contrastare alcune malattie.
Generalmente, si acquista con prescrizione medica e dovrebbe, comunque, essere il pediatra a stabilire se va somministrato oppure no, dopo una visita accurata del bambino.


Qui, una piccola guida in 10 punti per un uso corretto dell'antibiotico.

Come si prepara:

  1. Spesso l'antibiotico va preparato. Nella confezione, troverete, dunque, il farmaco in polvere che va mesoclato con la precisa quantità di acqua. La maggior parte delle volte nella confezione è già presente il misurino per dosarla, altrimenti sono indicate nelle tacche sul flacone e dovrete aggiungere un po' d'acqua per volta fino a raggiungere la dose richiesta.
  2. Prima di somministrare l'antibiotico al bambino, miscelate sempre il farmaco agitando il flacone per alcuni secondi. 
          

Quando si somministra:

  1. Nella confezione è indicato quando deve essere dato l'antibiotico al bambino: a stomaco vuoto (il bimbo deve essere a digiuno da almeno due ore e non deve mangiare per l'ora successiva); a stomaco pieno (immediatamente dopo i pasti per evitare che il farmaco venga a contatto con la mucosa gastrica irritandola); non c'è scritto nulla (è indifferente).
  2. L'antibiotico va somministrato per tutto il periodo richiesto e indicato dal pediatra anche qualora il bambino sembrasse perfettamente guarito. Non interrompere mai la cura a metà per evitare che il piccolo possa sviluppare una resistenza all'uso degli antibiotici.
  3. Generalmente, si richiede che l'antibiotico venga somministrato a orari precisi: ogni 8 ore, ogni 12 ore, 3 volte al giorno (di solito al mattino, nel primo pomeriggio e la sera a intervalli regolari), 2 volte al giorno (al mattino e la sera).

Come si conserva:

  1. Una volta aperto, l'antibiotico va conservato in frigorifero.
  2. Dopo l'uso, l'antibiotico aperto scade nell'arco di una/due settimane e va buttato. Non utilizzare un vecchio antibiotico aperto per una seconda cura richiesta a distanza di tempo.

Come si somministra:

  1. Con i neonati, si può utilizzare una siringa (senza ago) da infilare in bocca del bambino in modo da rendere più semplice la somministrazione. Con i bambini più grandi, va bene il cucchiaino infilato delicatamente in bocca per evitare che l'antibiotico vada di traverso o provochi singhiozzo o tosse.
  2. Se al bambino l'antibiotico non piace, lo si può dare con altre bevande liquide a lui gradite,un cucchiaino di gelato o di miele.
  3. Se il bambino dovesse vomitare subito dopo la somministrazione del farmaco, ridateglielo. Se vomita nell'arco di mezz'ora, invece, non è necessario ripetere la somministrazione.


Fonte: Amico Pediatra.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Bambini-tiranni

Come comportarsi se il bambino è un tiranno

Prepotenti, dispotici, arroganti. Sono i bambini tiranni, abituati a sfidare gli adulti e ad averla vinta sempre loro. La causa è quasi sempre un modello educativo sbagliato, che non tiene conto dell'esigenza primaria di un bimbo: avere delle regole. Ecco cosa fare se il bambino è un piccolo tiranno.

continua »
Tucanbox

Toucan Box: creatività in una scatola

Una bella idea per un regalo di compleanno diverso dal solito o per intrattenere il proprio bambino con una proposta creativa unica e divertente, facile da realizzare: toucanBox

continua »
Saldi2018

Saldi: 3 negozi online per acquisti a basso costo

I saldi sono iniziati ma il tempo per lo shopping tradizionale scarseggia? Niente panico. I negozi online ci vengono in soccorso con vetrine e sconti di tutto rispetto.

continua »
Primini

A scuola a 5 anni. I pro e i contro

Per i bambini nati entro il 30 aprile 2013 è possibile effettuare l'iscrizione a scuola anticipata per l'anno scolastico 2018/2019. I pro e i contro della scelta.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network