Associazione genitori ragazzi non vendenti e ipovedenti

Un aiuto concreto alle famiglie da una associazione genitori per i bambini e ragazzi con problemi di vista.

Articoli Correlati

Associazione genitori ragazzi non vendenti e ipovedenti


Intervista alla dott.ssa Silvia Seno Truccolo, presidente dell’Associazione genitori ragazzi non vedenti e ipovedenti.

 
Come nasce una Associazione genitori?


 L’A.Ge.Ra.N.V.I. nasce nel 1984 a Milano per iniziativa di un gruppo di famiglie con figli non vedenti e ipovedenti. A seguito della chiusura degli Istituti speciali il Ministero decise di aprire ai non vedenti le scuole normali: un cambiamento di rotta che anticipava fin dall’infanzia la loro integrazione sociale. Una scuola che però fatica a fornire tutta l’assistenza necessaria, gli ausili e il materiale didattico a loro indispensabili per un percorso completo. Da questa motivazione iniziale delle famiglie, ha fatto seguito la ricerca per colmare un vuoto dovuto alla mancanza di attività ed esperienze che il bambino/ragazzo deve svolgere per progredire verso la vera autonomia.
Per questo motivo, tra gli obiettivi principali dell’Associazione, vi è la promozione di progetti, sviluppati da istruttori qualificati, per dare una risposta concreta al soddisfacimento dei prerequisiti di base dei ragazzi. I bambini non vedenti e ipovedenti devo essere supportati e indirizzati per sviluppare la propria autonomia e vivere al meglio la relazione con l’altro favorendo l’inserimento in società. Questo percorso va intrapreso il prima possibile, perché più è piccolo il bambino più è ricettivo alle attività riabilitative.
 
Cosa si propone l’associazione?

 L’associazione, che ha sede legale a Milano ed è ONLUS dal 2007, ha come primo scopo l’agevolare lo scambio di informazioni, esperienze e competenze tra le famiglie.
Organizziamo incontri e seminari con specialisti in merito a problematiche fisiche, psicologiche ed educative connesse all’handicap visivo, per aiutare i genitori ad affrontare le difficoltà della crescita.
Organizziamo corsi e laboratori, tenuti da specialisti, che trasmettano ai genitori le tecniche e le strategie utili allo sviluppo delle autonomia personali, domestiche e di mobilità dei ragazzi. Promuoviamo attività culturali, riabilitative, sportive e ricreative indirizzate ai ragazzi per favorirne la socializzazione, lo sviluppo delle autonomie e rafforzare in loro la consapevolezza delle proprie capacità.
 
Un progetto per i più piccoli?

Da alcuni anni lavoriamo ad un progetto chiamato “Intervento precoce” per bambini non vedenti e con pluridisabilità di età compresa da 0 a 10 anni. Finora è stato svolto a livello domiciliare,  sta per partire in un centro specializzato a Monza.
Le attività sono: stimolazione basale, psicomotricità e musico terapia.
Stimolando tutti i sensi, si agevola un percorso di crescita più lineare.
Per i ragazzi di età compresa tra gli 11 anni fino ai 26, organizziamo vacanze studio, week-end fuori porta, e attività di atletica con Istruttori di autonomia personale, domestica,  di orientamento e mobilità.
 
Per saperne di più A.Ge.Ra.N.V.I.  

Email segreteria@ageranvi.org
 

 

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da giovanni di biase il 8 giugno 2018 alle ore 19:32

    gradirei sapere se sono previsti dei contributi baby sitter bambini di mamma non vedenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Distanziamento-e-malattie

Le malattie che mascherine e distanziamento hanno cancellato

Secondo uno studio condotto dalla Harvard Medical School distanziamento sociale e mascherine avrebbero debellato ben 12 malattie tipiche dell'infanzia.

continua »
Minitennis

Tutti a scuola di minitennis!

Se il tennis è sconsigliato nei bambini troppo piccoli, il minitennis che sempre più centri sportivi stanno proponendo ai bimbi è un sport completo perfetto già a partire dai 3 anni. Ecco di cosa si tratta. 

continua »
FakeNews_Mascherine2

No-mask: mascherine e fake news

Dopo i no-vax ora è la volta dei no-mask di diffondere false informazioni, in questo caso, sull'uso delle mascherine e più in particolare sull'uso delle mascherine nei bambini. Ecco 5 bufale smentite anche dalla Società Italiana di Pediatria.

continua »
Back-to-school-qualita-aria

3 regole per un Back to school in sicurezza

A scuola in sicurezza. Non solo per limitare eventuali focolai di covd, ma anche per diminuire il rischio di contagio da altri virus che, normalmente, circolano nelle classi.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network