Haloterapia: curarsi con il sale

Simulando il microclima di una grotta di sale naturale, l'haloterapia consiste nell'assorbimento, per inalazione, di particelle saline efficaci per contrastare asma e allergie e per depurare le prime vie aeree dalla presenza di virus e batteri. È utile per aiutare i più piccoli a liberarsi, in modo naturale, di tosse e raffreddore.

Articoli Correlati

Haloterapia: curarsi con il sale



Si chiamano stanze o grotte di sale, sono caratterizzate da un ambiente ipoallergenico, hanno una temperatura costante che si aggira tra i 18 e i 24 gradi un tasso di umidità pari al 40/60% e utilizzano la cromoterapia per aumentare l’effetto rilassante. Una seduta di 40 minuti all’interno di una di queste stanze ha sull’organismo gli stessi effetti positivi di un soggiorno di tre giorni al mare.
Le particelle di sale nebulizzate a secco in questi ambienti, infatti, raggiungono facilmente tutte le vie respiratorie con un’azione detergente e battericida che ostacola il proliferare di virus e batteri e migliora la risposta del sistema immunitario.
I benefici dell’haloterapia (dal greco halos, sale) sull’organismo sono noti sin dai tempi più antichi e riconosciuti dalla medicina tradizionale che considera le sedute all’interno delle stanze del sale complementari (non alternative) alle tradizionali cure farmacologiche.


In particolare, l’haloterapia sembra rivelarsi efficacia nel caso di sinusiti, laringiti, bronchiti e otiti dal momento che consente un aumento della produzione di muco nasale facilitando l’espettorazione dello stesso. Il sale ridotto in particelle microscopiche, infatti, riesce a raggiungere in profondità le vie respiratorie e a migliorare il funzionamento delle ciglia che trasportano il muco verso il cavo orale. In questo modo, si ottiene una continua pulizia dell’intero albero respiratorio.

HALOTERAPIA E BAMBINI?
I primi a beneficiare delle sedute di haloterapia sono i bambini, soprattutto quelli che frequentano nidi e scuole, ai quali vengono spesso consigliate in affiancamento ai lavaggi nasali e all’aerosol per prevenire e curare le affezioni alle vie respiratorie. Si consigliano normalmente una decina di sedute da ripersi a giorni alterni durante le fasi acute di tosse e raffreddore e da diradare a una volta alla settimana in seguito, per un effetto che può durare anche per tutto l’anno.
Non esistono limiti di età e la maggior parte delle grotte accoglie i piccoli e i loro genitori con giochi e intrattenimenti da fare durante la permanenza nella stanza.
Unica controindicazione un’allergia dichiarata e manifesta allo iodio.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Mara il 28 ottobre 2013 alle ore 15:19

    A Napoli ci siano queste strutture??? Io abito a castellammare di Stabia qual'e' la più vicina a me!!!! Grazie

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
passeggiateguinzaglio_cv

Bambini al guinzaglio. Favorevoli o contrari?

In Inghilterra pare essere una prassi consolidata e molto usata dalle mamme. In Italia l'idea di portare in giro il bimbo 'al guinzaglio' fa storcere un po' il naso. Sono utili, quindi, o no le redinelle? E se sì, in quali casi?

continua »
primosoccorso_cv

Primo soccorso: ferite

Come comportarsi in caso di ferite, tagli, sbucciature... per evitare infezioni.

continua »
pronto intervento_cv

I bambini. Come proteggerli. Come soccorrerli

Un corso di pronto soccorso chiaro, semplice e certificato per tutti. Presentato a Palazzo Marino, aggiornato secondo le nuove normative europee, torna il video I nostri bambini. Come proteggerli. Come soccorrerli.

continua »
abbautunno_cv

Abbigliamento bimbi: capi must have per l'autunno

8 capi che ogni bambino dovrebbe avere nell'armadio per affrontare l'autunno. Dagli stivali al trench ecco alcuni capi moda indispensabili e il consiglio per gli acquisti.

continua »
Cerca altre strutture