Il bambino non mangia. Aiuto!

La selettività alimentare dei bambini. Il rifiuto verso alcuni alimenti. Momentanei periodi di inappetenza. Come comportarsi di fronte a questi comportamenti che la maggior parte dei genitori considera anomali? Serve il braccio di ferro a tavola?

Articoli Correlati

Il bambino non mangia. Aiuto!


Le mamme e i papà nell’esprimere le loro preoccupazioni riguardo i comportamenti alimentari dei propri bambini riferiscono di frequente: mio figlio fa i capricci! Non mangia niente!.
Approfondendo il discorso dei genitori, può emergere, tuttavia, che, in realtà, il bimbo mangia, anche se non tutto quello che gli viene proposto. Il 'non mangia niente', quindi, denunciato da mamme e papà si riferisce, in realtà, solo ad alcuni piatti o alimenti.


Che cosa si intende, allora, con “selettività alimentare”?
Alcuni bimbi fanno fatica a mangiare particolari cibi, di determinati colori o consistenze, o si rifiutano di assaggiare cibi nuovi, manifestando una certa rigidità nelle loro scelte alimentari. “É come se Braccio di Ferro si rifiutasse di mangiare gli spinaci!” e tutti gli alimenti di colore verde.

Ciò che si osserva, inoltre, è un effettivo “braccio di ferro” a tavola tra genitori e bambini, fatto di insistenze e rifiuti. La caparbietà del rifiuto dei piccoli, che si oppongono alla proposta di alimenti in precedenza accettati e mangiati volentieri e con gusto, spesso stupisce e preoccupa le mamme e i papà.
Sebbene questi comportamenti possano spaventare, la selettività non riguarda necessariamente situazioni patologiche: si tratta di quadri che potremmo definire di “bizzarria alimentare”, in cui i genitori vedono che il proprio bambino si comporta “normalmente”, tranne che nei momenti del pasto e nel rapporto con il cibo (ovvero sono assenti disturbi del sonno, del gioco, delle condotte evacuatorie e nell’ambiente familiare non sono presenti particolari problematiche).

Ciò che si osserva è che “l’insistenza genera sempre un certo grado di resistenza”: può crearsi, cioè, un circolo vizioso controproducente che crea un cortocircuito e può condurre a una forma di rifiuto caparbio o a un’apparente regressione.
In questi casi, la selettività dei cibi può attestare un malessere del mondo interiore del bambino e affinché tale comportamento possa assumere un significato che lo traduca, ad esempio, in una domanda, in un appello, è necessario che qualcuno lo ascolti e gli dia un senso.
É necessario, dunque, che gli adulti non lo considerino solo “un capriccio alimentare”.
Il bambino chiudendo la bocca e vietando l’accesso a ciò che l’altro propone e a ciò che dall’altro proviene, sta provando a segnalare che il vero motivo del suo pianto e del suo rifiuto non è la fame, ma il dubbio sull’amore: “Che posto ho io nel tuo cuore?”. Attraverso il “no” ad alcuni alimenti e rifiutandosi di mangiare, il bambino desidera che l’altro lo ascolti, lo accolga e lo riconosca non solo come un oggetto da nutrire, ma come soggetto.
Il rifiuto del cibo può manifestarsi anche all’interno di quadri più generali in cui sono presenti anche altre condotte oppositive, come per esempio, difficoltà a stare seduti a tavola e ad accettare la tripartizione del pasto, oppure fatica ad adattarsi all’uso corretto delle posate oppure, ancora, improvvise predilezioni per un certo tipo di cibo a discapito di quelli proposti.
In tali casi, potrebbe trattarsi di una strategia del bambino che cerca di modificare una politica educativa familiare eccessivamente rigida nella quale non si sente riconosciuto.

Queste condotte, quindi, possono costituire un’espressione transitoria di un malessere, di un’impossibilità a fare, a dire, a capire o ad affrontare uno specifico momento evolutivo. É importante cercare di contestualizzare la protesta alimentare, che riguarda il rapporto del bambino con le regole e le aspettative dei genitori, per poter interpretare e dare un senso al rifiuto all’interno della storia di quel bambino, di quei genitori e di quella famiglia in particolare. Dunque come’è possibile cercare di alleviare l’atmosfera familiare e far sì che il momento del pasto divenga meno teso?

Ridimensionando il braccio di ferro a tavola a volte è possibile che il nodo si sciolga. I bambini fin da piccoli devono poter essere e sentirsi accolti nella loro particolarità e devono poter esprimere i loro gusti alimentari così come poter manifestare transitori periodi di inappetenza, senza incontrare negli adulti insistenze controproducenti, ma trovando nelle mamme e nei papà interlocutori disposti ad accogliere e tradurre, oltre che assegnare un significato ed uno statuto specifico ed importante, ai comportamenti di ciascuno.

 

Per maggiori informazioni:
Associazione Pollicino e Centro Crisi Genitori Onlus
Via Amedeo d'Aosta 6 - Milano
info@pollicinoonlus.it
www.pollicinoonlus.it
Numero Verde: 800.644.622
 

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Regali-maestre2022

Regali per le maestre: qualche idea

Ultime settimane di scuola tra verifiche, feste da preparare, spettacoli da allestire. Avete già pensato al regalo per le maestre?

continua »
Epatite-bambini2022

Epatite acuta nei bambini: cosa ne sappiamo

Cresce l'allarme per la segnalazione di casi di epatite acuta nei bambini sotto ai 10 anni in diversi Paesi europei tra cui l'Italia. Di cosa si tratta? Quanto dobbiamo preoccuparci?

continua »
Musicose-Rovereto

Musicose, esperienza multisensoriale al MART di Rovereto

Ideato da Giuseppe Aceto, Musicose è un progetto del Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Rovereto per avvicinare i più piccoli all'arte e alla musica.

continua »
Gardening-children

Giardinaggio con i bambini: come coinvolgerli

Sviluppare il pollice verde nei bambini è importante perché li aiuta a responsabilizzarsi, li avvicina alla natura e li rende partecipi di un qualcosa di cui gode tutta la famiglia. Ecco come coinvolgerli.

continua »
Cerca altre strutture