Il barattolo della calma

Ispirato al metodo Montessori, il barattolo della calma o calmang jar è uno strumento che sta riscuotendo un enorme successo tra i genitori e nelle scuole per aiutare i bambini a ritrovare la calma dopo un litigio o un capriccio predisponendoli all'ascolto.

Articoli Correlati

Il barattolo della calma


La difficoltà più grande di un adulto di fronte a un bambino arrabbiato, in lacrime o innervosito, consiste nell'attirare la sua attenzione, aiutarlo a calmarsi e cercare di comprendere quali sono o sono state le ragioni del pianto, delle urla, del nervosismo.
Spesso, infatti, occorrone diversi minuti prima che i piccoli si calmino, riprendano il controllo della situazione e siano in grado di fornire ai genitori o agli insegnanti le spiegazioni del caso.


Il Barattolo della Calma, ispirato al metodo Montessori e ampiamente utilizzato nelle scuole montessoriane, ha proprio questo scopo e finalità: aiutare il bimbo a ritrovare la serenità in modo semplice e, tutto sommato, veloce.
Consiste in un barattolo (ma può andar bene anche una bottiglia) impreziosita da brillantini e glitter colorati che, muovendosi nell'acqua, catturano lo sguardo del bambino e la sua curiosità, riportandolo con l'attenzione al presente e alla realtà.
Una volta tranquillizatosi grazie alla 'magia' del barattolo, il bimbo è pronto per prestare ascolto a chi gli sta intorno e a ciò che gli viene chiesto e detto.


COME SI CREA IL BARATTOLO DELLA CALMA?
Realizzare un barattolo della calma è piuttosto semplice. Si può fare in classe semplicemente chiedendo a ogni bambino di portare un barattolo (o una bottiglia in vetro) e a casa, riciclando i contenitori  in vetro per alimenti o, al limite, bottigliette dei succhi di frutta o di plastica.
Occorrono, poi, colla glitter, acqua calda, brillantini o pailletes e, se lo si desidera, colorante alimentare per un effetto di maggiore scintillio.
In una bacinella si mescolano la colla glitter con i brillantini (o le pailletes) e il colorante, fino a ottenere un liquido denso ma non troppo che va rovesciato nel barattolo (o nella bottiglia).
Si sigilla tutto avendo cura di verificare che la chiusura tenga e, all'occorrenza, si agita il barattolo davanti agli occhi del bambino.

Il movimento del liquido e lo scintillio dei brillantini hanno il potere di catturare lo sguardo prima e l'attenzione poi dei piccolo che, in questo modo, attratto dal barattolo, si calma, mettendo da parte il nervosisimo e la rabbia accumulate.
Una volta tranquillizzatosi, parlare al bimbo, spiegargli e fargli capire la posizione di chi ha di fronte è molto più semplice.




 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Distanziamento-e-malattie

Le malattie che mascherine e distanziamento hanno cancellato

Secondo uno studio condotto dalla Harvard Medical School distanziamento sociale e mascherine avrebbero debellato ben 12 malattie tipiche dell'infanzia.

continua »
Minitennis

Tutti a scuola di minitennis!

Se il tennis è sconsigliato nei bambini troppo piccoli, il minitennis che sempre più centri sportivi stanno proponendo ai bimbi è un sport completo perfetto già a partire dai 3 anni. Ecco di cosa si tratta. 

continua »
FakeNews_Mascherine2

No-mask: mascherine e fake news

Dopo i no-vax ora è la volta dei no-mask di diffondere false informazioni, in questo caso, sull'uso delle mascherine e più in particolare sull'uso delle mascherine nei bambini. Ecco 5 bufale smentite anche dalla Società Italiana di Pediatria.

continua »
Back-to-school-qualita-aria

3 regole per un Back to school in sicurezza

A scuola in sicurezza. Non solo per limitare eventuali focolai di covd, ma anche per diminuire il rischio di contagio da altri virus che, normalmente, circolano nelle classi.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network