In Lazio, l'educazione all'aperto diventa legge

È la prima regione in Italia ad d approvare il Decreto Legislativo 65/2017 che cambia il modo di intendere il percorso formativo per la fascia da 0-6 anni

Articoli Correlati

In Lazio, l'educazione all'aperto diventa legge




Dopo tante notizie sconcertanti e sconfortanti che arrivano dal mondo della Scuola, in una situazione in cui a nessuno è ancora ben chiaro cosa accadrà a settembre, una bella notizia arriva dalla regione Lazio dove nei giorni scorsi è stata approvata una legge che avrà un notevole impatto sulla formazione dei bambini nella fascia di età compresa tra gli 0 e i 6 anni.
Di cosa si tratta?


Con l'approvazione del Decreto Legislativo 65/2017, per la prima volta in Italia, una regione trasforma l'asilo nido da 'servizio di assistenza sociale' a vero e proprio percorso formativo della primissima infanzia che si conclude al termine della Scuola materna con l'ingresso alle elementari.
Questo, per le famiglie, significa soprattutto cancellazione delle rette e gratuità di tutto il ciclo che, appunto, inizia al Nido e termina alla Scuola di Infanzia. Dal punto di vista sociale, invece, implica l'inclusione di tutti i bambini dagli 0 ai 6 anni, a prescindere dal loro ceto sociale, etnia, religione... in un percorso accessibile per tutti che abbatte le differenze e getta le basi per l'integrazione.


Sempre all'interno dello stesso Decreto, poi, viene promossa l'Outdoor Education, ovvero la possibilità da parte delle strutture di praticare l'insegnamento all'aperto, all'interno di parchi, cortili, giardini, spazi urbani dismessi, agriturismi, fattorie, riserve naturali...
Si tratta di una grandissima opportunità che trasforma iniziative quali il nido nel bosco, l'agrinido... in veri e propri percorsi formativi proposti alle famiglie all'interno di tutto il pacchetto formativo.

Così, sull'argomento, Marta Bonafoni, consigliera regionale Lazio:
La #legge è stata approvata ieri, e contiene un articolo nuovo di zecca, che profuma di prati e di futuro: per la prima volta riconosciamo l'educazione all'aperto come parte del sistema. Le diamo la forza di una norma, senza metterle le redini, permettendole di crescere insieme ai suoi bambini. Riconoscendo politicamente il valore di una scuola fatta a contatto con la natura, gli spazi cittadini: la piazza come aula, un albero come maestro.

L'approvazione della legge è avvenuta nell'ambito del più alto investimento destinato alla scuola realizzato negli ultimi anni dalla Regione Lazio: si parla di 10,5 milioni per il 2020, 17 milioni per il 2021 e 21 milioni per il 2022.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Liberta-estate

12 cose che i bambini devono fare durante l'estate

Estate, per un bambino, significa, soprattutto, libertà. Libertà dalla scuola, dagli impegni del pomeriggio, libertà di correre e giocare all'aria aperta. Di trasgredire, di quando in quando alle regole date. Ecco un elenco di 12 cose che, secondo noi, i piccoli dovrebbero sperimentare in questi mesi estivi.

continua »
passeggiateguinzaglio_cv

Bambini al guinzaglio. Favorevoli o contrari?

In Inghilterra pare essere una prassi consolidata e molto usata dalle mamme. In Italia l'idea di portare in giro il bimbo 'al guinzaglio' fa storcere un po' il naso. Sono utili, quindi, o no le redinelle? E se sì, in quali casi?

continua »
primosoccorso_cv

Primo soccorso: ferite

Come comportarsi in caso di ferite, tagli, sbucciature... per evitare infezioni.

continua »
pronto intervento_cv

I bambini. Come proteggerli. Come soccorrerli

Un corso di pronto soccorso chiaro, semplice e certificato per tutti. Presentato a Palazzo Marino, aggiornato secondo le nuove normative europee, torna il video I nostri bambini. Come proteggerli. Come soccorrerli.

continua »
Cerca altre strutture