La Disney e l'amore omosessuale

Apertura mentale e superamento degli stereotipi femminili in casa Disney: il prossimo film potrebbe, infatti, raccontare l'amore tra due donne. Inoltre, si vocifera che anche Elsa potrebbe essere lesbica nel sequel di Frozen.

Articoli Correlati



Che dai tempi di Biancaneve a oggi la Disney abbia compiuto grandi passi in avanti è indubbio.


Dai primi film, infatti, in cui giovani e bellissime principesse, per lo più orfani di madri, affidate a matrigne cattive, indifese e fragili, si innamoravano del principe azzurro che le salvava dal loro destino crudele a Vaiana, l'ultima protagonista di una pellicola targata Disney, di acqua sotto ai ponti ne è passata parecchia.

Non è, infatti, solo la storia raccontata a essersi evoluta (già in Frozen il principe azzurro, di fatto, non esisteva), ma anche il modello femminile proposto è cambiato: Vaiana è tozza, non ha il fisico della top model, le mancano gli zigomi alti e gli occhi blu profondi e non è figlia di re e regina. È solo un'adolescente coraggiosa e curiosa come se ne possono incontrare tante nella vita vera.

Inoltre, da qualche anno a questa parte, anche le principesse sembrano essersi svegliate. Sono loro, infatti, le artefici del loro destino e non vivono più in attesa di un presunto principe azzurro che potrebbe non arrivare mai.

Elsa, per esempio, amata da tutte le bambine del mondo, non ha pretendenti, non sembra essere interessata ad averne, non ambisce a una vita di coppia tradizionalmente intesa. 
Il suo personaggio è stato così disruptive rispetto agli altri precedenti, che da tempo sul web si chiede alla regista di darle un fidanzato. O meglio, una fidanzata (#GiveElsaAGirlfriend).
Non si esclude, quindi, che il sequel (che dovrebbe arrivare nelle sale a novembre 2019) potrebbe vedere la dolce Regina del Ghiaccio alle prese con un amore lesbo.



D'altra parte, però, sono anni che si vocifera che sebbene la Disney non abbia mai apertamente preso posizione in merito, non si sia nemmeno tirata indietro dal raccontare in modo velato l'amore omosessuale e si dice che molti personaggi e scene siano ispirati a modelli LGBT: Francis di A Bug’s Life, il teatrale governatore Ratcliffe di Pochaontas, il travestitismo di Ursula della Sirenetta palesemente ispirata dall’iconica drag Divine, il genio di Aladin spesso vestito con abiti femminili...

Che i tempi siano maturi, quindi, è indubbio. E nonostante l'avversione di molti per l'argomento e le polemiche che ogni vota che si annuncia un cambiamento in casa Disney si scatenino, sono tantissimi ad augurarsi un'ulteriore passo in avanti verso la modernità anche da parte della più grande casa di produzione per bambini al mondo.



 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Equitazione-bambini2019

Equitazione: uno sport completo

L'equitazione è uno sport a tutti gli effetti, completo sia dal punto di vista fisico che per quanto riguarda l'aspetto educativo e di responsabilizzazione del bambino. Ecco perché.

continua »
Noia-vacanza

La noia in vacanza

Annoiarsi in vacanza è un diritto che fa bene ai bambini. Lo dicono gli studi più recenti a conferma di quanto si afferma da sempre.

continua »
questura-Milano

Good news: lo spazio bimbi nella questura di Milano

Apre, all'interno della Questura di Milano, un piccolo spazio destinato ai bambini: pareti colorate, sedioline e una tv che trasmette i cartoni animati.

continua »
Scottature

Cosa fare in caso di scottature

Per quanto sia fondamentale cercare di evitare che il bambino si scotti nei primi anni della sua vita per le conseguenze che questo può avere in età adulta, come intervenire qualora questo dovesse succedere?

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network