La scatola dei travestimenti

Travestirsi è uno dei giochi che i bambini tra i 2 e i 6 anni amano fare di più. Indossando, spesso, vecchi abiti di mamma e papà, scarpe più grandi di loro, colorate parrucche. Ecco cosa occorre per creare in casa un angolo dei travestimenti.

La scatola dei travestimenti


Quello del travestimento è un gioco antico che, da sempre, piace a tutti i bambini del mondo, compresi i nativi digitali appassionati di tablet, smartphone e consolle.
Non è un caso, infatti, che in tutti i nidi e in tutte le scuole materne sia previsto un angolo destinato proprio al travestimento, alla possibilità di fingere di essere qualcun altro, di cammuffarsi con abiti non propri.


Travestendosi, il bambino, impara a riconoscere un'altra immagine di sé, a prenderla in considerazione e ad accettarla, riproducendo situazioni e comportamenti che gli arrivano dal mondo degli adulti, che per lui è un'incognita dentro cui addentrarsi, o della fantasia (spesso, infatti, il travestimento è finalizzato a imitare i personaggi più amati, visti al cinema, in televisione o sui vari dispositivi digitali).
Il travestimento, poi, è fondamentale come strumento per accrescere, in modo libero e spontaneo, creatività e fantasia, per rafforzare l'autostima, per aumentare la capacità di socializzazione e interazione con gli altri (spesso, infatti, travestendosi i bambini giocano ad assumere ruoli che, per forza di cose, si trovano a dovere interagire tra loro: dottore/malato; insegnante/alunni; parrucchiere/clienti...).

COME CREARE UN ANGOLO DEI TRAVESTIMENTI IN CASA
In una stanza pensata davvero a misura di bambino, l'angolo dei travestimenti non dovrebbe mai mancare.
Realizzarlo è molto semplice, economico e, tutto sommato, stimolante.

Non occorre chissà cosa: 
- Una cesta o una scatola colorata
- Uno spacchio ad altezza bimbo
- Tanti vestiti colorati con cui travestirsi
- Parrucche
- Accessori vari cinture, borse, shopping bag...)
- Stoffe, nastri, fermagli...
- Cappelli
- Vecchie coperte o lenzuola

Entrando nello specifico dei vestiti necessari, non dovrete acquistare nulla (non servono i travestimenti, per esempio, venduti per Carnevale o Halloween). Piuttosto, riempite la cesta con vecchi abiti che non usate più, cravatte usurate, camicie lise, maglioni infeltriti, vecchie scarpe o ciabatte...
Insomma, tutto quello che normalmente finisce nel sacco dei vestiti usati può andare bene per far divertire il piccolo.
Che sarà stimolato a utilizzare, secondo il suo gusto e la sua fantasia, gli oggetti che ha disposizione, trasformandoli in base alle esigenze del momento e ai sogni a occhi aperti che vivrà di volta in volta.

La scatola (ed, eventualmente, la presenza di mamma e papà) faranno parte del gioco. E non sarà raro che il bambino chieda ai genitori di travestirsi insieme a lui o che lui stessi si diverta a farlo.


 

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Pedagogia-del-rischio

Pedagogia del rischio

Contro genitori sempre più iperprotettivi e preoccupati delle conseguenze che le azioni dei bambini potrebbero avere sulla loro salute si oppone la pedagogia del rischio, secondo cui i bimbi hanno diritto di correre alcuni pericoli.

continua »
gongiabili_hp

Come arredare una ludoteca 'a misura di bambino'

Arredare uno spazio adibito al gioco e al divertimento dei più piccoli richiede una certa esperienza, ma anche un pizzico di creatività. 

continua »
Sport-invernalia-aperto

Come vestire i bambini che praticano attività sportiva all'aperto

Chiuse palestre, piscine e centri sportivi, resistono, per il momento, le strutture che offrono ai bambini la possibilità di praticare sport all'aperto. Come vestiri i bambini nei mesi invernali che abbiamo di fronte?

continua »
Giocare-autunno2020

Giocare con l'autunno

Idee per giocare con foglie, pigne, castagne e materiale raccolto in questa stagione al parco o in campagna. Il fascino dell'autunno in tanti laboratori creativi da fare in casa in questi giorni senza sport e senza amici.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network