L'arte spiegata ai bambini (da Rothko)

Mark Rothko, pittore statunitense esponente dell'espressionismo astratto, ha indicato quali sono le sei regole base per spiegare l'arte ai bambini. 

Articoli Correlati



Per oltre 20 anni Mark Rothko, esponente dell'espressionismo astratto e tra i più grandi pittori del Novecento, fu insegnante d'arte in una scuola elementare di Brooklyn. In questo periodo, inizò ad appuntare su un diario quelli che riteneva essere i capisaldi per poter avvicinare i bambini e i ragazzi (i suoi alunni avevano tra i 3 e i 14 anni) all'arte in modo semplice e senza annoiarli.


Questi, in sintesi, i suoi consigli.

#1 SPIEGA AL BAMBINO CHE L'ARTE È UNA FORMA DI ESPRESSIONE SEMPLICE

I bambini hanno idee ed emozioni che cercano continuamente di comunicare a chi sta loro intorno. Questo sforzo significa 'fare arte', ossia esprimere e comunicare il proprio pensiero e il proprio vissuto a una platea che possa comprenderlo e apprezzarlo. Si tratta di un esercizio che ai più piccoli riesce in modo naturale e che occorre sostenere e indirizzare verso l'espressione visuale.

#2 NON SOPPRIMERE LA CREATIVITÀ DEL BAMBINO CON INSEGNAMENTI TECNICI E TEORICI
Per sostenere la creatività dei suoi alunni, Rothko li invitava a servirsi di qualsiasi strumento, supporto e tecnica. Senza alcuna limitazione. Sebbene, infatti, la creatività sia innata nei bambini, è facilmente compromettibile attraverso l'assegnazione di compiti ed esercizi con parametri troppo rigidi e regole tecniche da riprodurre. In questi casi, generalmente, dalla forma si passa al conformismo. I più piccoli, invece, devono essere invitati a sperimentare perché l'obiettivo non è insegnare una tecnica, ma insegnare la capacità di individuare le idee e comunicarle.

#3 ORGANIZZA MOSTRE APERTE AL PUBBLICO CON I LAVORI DEI RAGAZZI

Per quanto possa sembrare strampalato, organizzare mostre pubbliche con i disegni e i lavori prodotti dai bambini, significa dar loro valore e importanza. Cosa che permette di rafforzare l'autostima dei più piccoli e la fiducia nelle loro capacità. Rothko in questo ha sempre creduto. Tanto che spesso le sue opere venivano esposte all'interno dei musei accanto a quelle dei suoi studenti con l'obiettivo di mettere in luce, anche con la critica, le potenzialità espressive e l'intensità emotiva dell'arte dei bambini.

#4 UTILIZZA L'ARTE CONTEMPORANEA PER AVVICINARE I BAMBINI ALLA STORIA DELL'ARTE

L'arte contemporanea, in generale, parla un linguaggio molto vicino a quello delle nuove generazioni. Per questo Rothko era convinto che per creare una connessione tra i suoi giovani studenti e l'insegnamento della storia dell'arte, le lezioni dovessero partire dal presente per, poi, avventurarsi nel passato

#5 LAVORA PER FORMARE MENTI CREATIVE E NON FIGURE PROFESSIONALI
Il compito di un insegnante di storia dell'arte che si rivolge al target dei giovanissimi, non è quello di avviarli verso una professione legata all'arte stessa. Ma di indirizzarli verso la comprensione delle forme espressive che li circondano. In altre parole, l'amore e la passione per l'arte deve precedere la sua conoscenza tecnica.



 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
legionella-Milano

Allarme legionella a Milano: cos'è e come si trasmette

Dopo i casi di legionella segnalati a Milano e che interessano un palazzo abitato da circa 200 persone, ecco il vademecum dell'ATS locale per prevenire il contagio.

continua »
Elenco-paure-bambino

Da 0 a 16 anni come cambiano le paure dei bambini

Un elenco schematico ed esaustivo che racconta come cambino le paure dei bambini in base alla loro età e alla loro percezione di se stessi nella realtà.

continua »
La-pazienza-dei-sassi

Come dire a un bambino che la mamma è molto malata

La pazienza dei sassi è un albo illustrato che racconta la malattia della mamma (un tumore al seno) attraverso gli occhi del figlio di 9 anni.

continua »
Spina-pesce-gola

Spina di pesce incastrata nella gola. Cosa fare?

Cinque metodi, testati da generazioni, per far 'scendere' la spina di pesce rimasta incastrata in gola. Qualora questa provochi solo fastidio e non stia realmente causando un problema al bambino.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network