Libri per bambini dislessici: quali caratteristiche

A pochi giorni dall'inizio della scuola proviamo anche a orientarci nella mondo della letteratura per l'infanzia... rivolta ai bambini dislessici. Ecco quali caratteristiche dovrebbero avere i libri per loro. 

Articoli Correlati

Libri per bambini dislessici: quali caratteristiche




Che caratteristiche un libro destinato a bambini che soffrono di problemi di dislessia?
L'AID - Associazione Italiana Dislessia - ne ha definiti i parametri.



LIBRI MULTIMEDIALI

Innanzitutto, è fondamentale che i libri siano scelti tenendo presente l'età del bambino. Questo principio, valido sempre, lo è ancora di più in questo caso. I testi, poi, dovrebbero essere corredati di figure e immagini e completati da un supporto multimediale (cd, file audio..). Tutto ciò semplifica la lettura per il bambino e gli permette di appassionarsi alle storie senza la 'fatica' di dover comprendere quanto scritto.

LIVELLO TECNICO
Font, interlinee, colore della pagina... sono tutti elementi che facilitano la lettura e contribuiscono alla sensazione o meno di affaticamento. A questo proposito esistono caratteristiche specifiche per ciascun parametro.

Font : è consigliabile usare font semplici, senza grazie e che distanziano sufficientemente le lettere. Perfetti arial, verdana, tahoma.
La dimensione non dovrebbe scendere sotto i 12 punti.
Grassetti: i grassetti permettono di mettere in evidenza una parola o un concetto. Da evitare, invece, corsivo e sottolineature che danno una sensazione di 'appiccicato'.
Allineamento: l'allineamento è a sinistra, assicurandosi che ogni paragrafo finisca in un punto diverso dal margine a destra. Per le persone con problemi visivo-spaziali, il movimento delle righe è un fondamentale appiglio per riuscire a leggerle. Ecco perché andrebbero evitati i testi in colonna (i giornali, per esempio).
Righe e interlinee: le righe non dovrebbero superare i 60 caratteri, mentre è preferibile un'interlinea di 1,5.
Elenchi puntati: aiutano a orientarsi nel testo e facilitano la lettura.

FACILITARE LA LETTURA
La lettura ad alta voce sin dalla primissima infanzia, l'insegnamento ai bambini di rime e filastrocche quando hanno pochi anni di vita, le letture cantate e il semplice ascolto, sono pratiche consigliate per avvicinare i più piccoli alla lettura facilitandoli nel processo di apprendimento della lingua e nel passaggio di decodifica dal grafema al fonema.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Liberta-estate

12 cose che i bambini devono fare durante l'estate

Estate, per un bambino, significa, soprattutto, libertà. Libertà dalla scuola, dagli impegni del pomeriggio, libertà di correre e giocare all'aria aperta. Di trasgredire, di quando in quando alle regole date. Ecco un elenco di 12 cose che, secondo noi, i piccoli dovrebbero sperimentare in questi mesi estivi.

continua »
passeggiateguinzaglio_cv

Bambini al guinzaglio. Favorevoli o contrari?

In Inghilterra pare essere una prassi consolidata e molto usata dalle mamme. In Italia l'idea di portare in giro il bimbo 'al guinzaglio' fa storcere un po' il naso. Sono utili, quindi, o no le redinelle? E se sì, in quali casi?

continua »
primosoccorso_cv

Primo soccorso: ferite

Come comportarsi in caso di ferite, tagli, sbucciature... per evitare infezioni.

continua »
pronto intervento_cv

I bambini. Come proteggerli. Come soccorrerli

Un corso di pronto soccorso chiaro, semplice e certificato per tutti. Presentato a Palazzo Marino, aggiornato secondo le nuove normative europee, torna il video I nostri bambini. Come proteggerli. Come soccorrerli.

continua »
Cerca altre strutture