Libri per bambini dislessici: quali caratteristiche

A pochi giorni dall'inizio della scuola proviamo anche a orientarci nella mondo della letteratura per l'infanzia... rivolta ai bambini dislessici. Ecco quali caratteristiche dovrebbero avere i libri per loro. 

Articoli Correlati



Che caratteristiche un libro destinato a bambini che soffrono di problemi di dislessia?


L'AID - Associazione Italiana Dislessia - ne ha definiti i parametri.

LIBRI MULTIMEDIALI

Innanzitutto, è fondamentale che i libri siano scelti tenendo presente l'età del bambino. Questo principio, valido sempre, lo è ancora di più in questo caso. I testi, poi, dovrebbero essere corredati di figure e immagini e completati da un supporto multimediale (cd, file audio..). Tutto ciò semplifica la lettura per il bambino e gli permette di appassionarsi alle storie senza la 'fatica' di dover comprendere quanto scritto.

LIVELLO TECNICO
Font, interlinee, colore della pagina... sono tutti elementi che facilitano la lettura e contribuiscono alla sensazione o meno di affaticamento. A questo proposito esistono caratteristiche specifiche per ciascun parametro.

Font : è consigliabile usare font semplici, senza grazie e che distanziano sufficientemente le lettere. Perfetti arial, verdana, tahoma.
La dimensione non dovrebbe scendere sotto i 12 punti.
Grassetti: i grassetti permettono di mettere in evidenza una parola o un concetto. Da evitare, invece, corsivo e sottolineature che danno una sensazione di 'appiccicato'.
Allineamento: l'allineamento è a sinistra, assicurandosi che ogni paragrafo finisca in un punto diverso dal margine a destra. Per le persone con problemi visivo-spaziali, il movimento delle righe è un fondamentale appiglio per riuscire a leggerle. Ecco perché andrebbero evitati i testi in colonna (i giornali, per esempio).
Righe e interlinee: le righe non dovrebbero superare i 60 caratteri, mentre è preferibile un'interlinea di 1,5.
Elenchi puntati: aiutano a orientarsi nel testo e facilitano la lettura.

FACILITARE LA LETTURA
La lettura ad alta voce sin dalla primissima infanzia, l'insegnamento ai bambini di rime e filastrocche quando hanno pochi anni di vita, le letture cantate e il semplice ascolto, sono pratiche consigliate per avvicinare i più piccoli alla lettura facilitandoli nel processo di apprendimento della lingua e nel passaggio di decodifica dal grafema al fonema.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
MarkRothko

L'arte spiegata ai bambini (da Rothko)

Mark Rothko, pittore statunitense esponente dell'espressionismo astratto, ha indicato quali sono le sei regole base per spiegare l'arte ai bambini. 

continua »
Analfabetismo-motorio-scuola

Analfabetismo motorio tra i bambini

Per analfabetismo motorio tra i bambini si intende una sempre maggiore incapacità da parte dei più piccoli di approcciare attività motorie semplici quali correre o fare le capriole. Perché questo succede?

continua »
Sindrome-di-Asperger

Sindrome di Asperger: di cosa si tratta

Ricorre oggi la Giornata Mondiale della Sindrome di Asperger, un disturbo che presenta alcune caratteristiche dell'autismo ma che interessa, soprattutto, la sfera relazionale e sociale del comportamento.

continua »
Meditazione-bambini

Meditazione per bambini. Come riscoprire il silenzio interiore

La meditazione è una pratica che, con i dovuti aggiustamenti del caso, è adatta anche ai più piccoli: attraverso la meditazione, infatti, possono imparare a rilassarsi a scoprire il proprio io interiore. 

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network