Nella testa di un remigino

Grandi emozioni per i bambini che quest'anno concluderanno il ciclo della Scuola Materna per accedere, il prossimo anno, alla scuola elementare. Cosa passa loro per la testa? Come vivono questa importante fase di passaggio?

Articoli Correlati


Nelle scuola materne, i bambini dell'ultimo anno che l'anno prossimo frequenteranno la scuola elementare si chiamano remigni. Il nome deriva dalla riforma scolastica del 4 agosto 1977, quando l'inizio della scuola era fissato ovunque, per tutti, e cadeva il 1° ottobre. Giorno di San Remigio. Da cui l'usanza di chiamare gli alunni di prima 'remigini'.
Per questi bimbi non ancora grandi, non più piccoli, la fine dell'anno scolastico si riveste di significati particolari. Un po' come per i bambini di quinta elementare con la differenza che mentre per questi il passaggio è chiaro dal momento che hanno la capacità di comprendere quello che accadrà, gli altri si muovono nel buio, mischiando paura e eccitazione e comprendendo che nulla più sarà come prima.



Cosa prova, dunque, un remigino?
Inevitabilmente gioia. Per la fine della scuola e l'inizio, finalmente, delle vacanze.

Sicuramente un pizzico di tristezza. Per le maestre tanto amate da salutare, per i compagni lasciati indietro.
Indubbiamente paura, per quella grandissima incognita che è la scuola elementare.
Sicuramente orgoglio, per gli occhi lucidi di mamma e papà durante la festa di fine anno. Per il tocco che in molte strutture viene donato loro. Per quel modo diverso di dire 'com'è grande!' che spesso è associato ai bimbi di 6 anni.

Sebbene la scuola elementare sia stato un argomento trattato e affrontato con i piccoli remigini, il passaggio tra la scuola materna e il nuovo mondo, rappresenta per un bambino il primo vero punto di domanda della sua vita. Il primo di innumerevoli momenti in cui il piccolo prima e l'adulto poi dovrà fermarsi, respirare e chiedersi 'E adesso?'
E adesso cosa succede?
E adesso come andrà?
E adesso dove sono esattamente?

Se la paura i bambini l'associano al lupo, alla strega o al castigo, l'incognita che aleggia in questi giorni nella testa del remigino, è la prima paura astratta che dovrà affrontare, vivendo insieme quel misto di gioia e terrore che i salti nel buio spesso si portano dietro.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Bambini-tiranni

Come comportarsi se il bambino è un tiranno

Prepotenti, dispotici, arroganti. Sono i bambini tiranni, abituati a sfidare gli adulti e ad averla vinta sempre loro. La causa è quasi sempre un modello educativo sbagliato, che non tiene conto dell'esigenza primaria di un bimbo: avere delle regole. Ecco cosa fare se il bambino è un piccolo tiranno.

continua »
Tucanbox

Toucan Box: creatività in una scatola

Una bella idea per un regalo di compleanno diverso dal solito o per intrattenere il proprio bambino con una proposta creativa unica e divertente, facile da realizzare: toucanBox

continua »
Saldi2018

Saldi: 3 negozi online per acquisti a basso costo

I saldi sono iniziati ma il tempo per lo shopping tradizionale scarseggia? Niente panico. I negozi online ci vengono in soccorso con vetrine e sconti di tutto rispetto.

continua »
Primini

A scuola a 5 anni. I pro e i contro

Per i bambini nati entro il 30 aprile 2013 è possibile effettuare l'iscrizione a scuola anticipata per l'anno scolastico 2018/2019. I pro e i contro della scelta.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network