Nidi e centri estivi: le regole per la riapertura

Si va verso la riapertura di nidi e centri estivi per l'infanzia a partire da giugno. Queste le regole che si stanno mettendo a punto per garantire sicurezza ai bambini e agli operatori.

Articoli Correlati

Nidi e centri estivi: le regole per la riapertura



Dopo tante discussioni, finalmente qualcosa si è mosso e si va in direzione di una riapertura per centri estivi e nidi che potrebbero essere operativi già a partire da giugno con nuove regole e procedure da seguire.


L'obiettivo è quello di garantire ai più piccoli il diritto al gioco e alla socializzazione senza, però, mettere a rischio la loro salute e quella di chi dovrà prendersene cura.
Ecco, dunque, le regole che si sta cercando di mettere a punto, che indubbiamente trasformeranno il modo in cui i bimbi fruiscono dei servizi loro dedicati, ma che al contempo non metteranno in gioco la salute pubblica.

CONDIZIONI DI SALUTE

I bambini dovranno essere visitati dal pediatra che dovrà rilasciare un nulla osta alla frequentazione della struttura. Certificati medici di buona salute dovranno, poi, essere presentati più volte nell'arco del periodo di frequentazione per attestare che non siano intervenuti cambiamenti dalla prima visita.
I bambini con temperatura uguale o superiore a 37.5 e altri segni di malattia non devono essere ammessi nella struttura. Giornalmente vanno fatte le seguenti verifiche: chiedere ai genitori se il bambino ha avuto la febbre, tosse, difficoltà respiratoria o è stato male a casa. Osservare il bambino per rilevare segni evidente di malattia, come intenso rossore sulle gote, tosse, difficoltà a respirare, spossatezza o irritabilità. Dopo aver igienizzato le mani, verificare la temperatura corporea con rilevatore di temperatura corporea o termometro senza contatto.

CRITERI DI SELEZIONE

Oltre al certificato di buona salute del pediatra che rappresenta di per sé un criterio di selezione, sarà data la precedenza alle famiglie che hanno maggiori difficoltà a conciliare la cura dei piccoli con il lavoro. E a chi si ritrova a doversi prendere cura di più bambini contemporaneamente.

DIVISIONE PER FASCE DI ETÀ

Viene portato avanti il sistema a 'isole': i bambini saranno divisi in piccoli gruppi per fasce di età che non entrano mai in contatto tra loro. Ogni gruppo è gestito sempre da un unico operatore, in modo da evitare troppi contatti con persone differenti. E ogni gruppo agisce in piena autonomia.
Per i più piccoli dagli 0 ai 3 anni è previsto un adulto ogni 3 bambini; per i bambini da 3 ai 5 anni un adulto ogni 5; per la fascia di età dai 6 ai 10 uno ogni 7.

ACCOMPAGNAMENTO

I bambini dovranno essere accompagnati e ripresi in base a fasce orarie che consentano di non crerare assembramenti al di fuori delle strutture. Ogni bambino dovrebbe essere accompagnato sempre dallo stesso adulto, possibilmente non anziano o con problemi di salute. Anche gli adulti accompagnatori saranno sottoposti al termoscanner e dovranno indossare mascherine.

DPI E SANIFICAZIONE DELLE AREE

Per gli adulti accompagnatori e per gli operatori è obbligatorio l'uso di mascherine. Per i bambini, dipenderà dalle fasce di età e per il momento non è ancora stato stabilito a partire da quale sarà obbligatorio.
Il consiglio è quello, per quanto possibile, di svolgere attività all'aria aperta. Se, però, fosse necessario utilizzare strutture chiuse, meglio lasciare sempre le finestre aperte. Tutti gli ambienti devono essere sanificati al termine delle attività.
 

 


 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
faba3

Bambini, è tempo di socialità: il sondaggio

Fantasia e resilienza, ma ora via libera alla stare all'aria aperta insieme agli altri bimbi: il sondaggio FABA tra le mamme italiane.

continua »
Visite-nonni-fase2

Andare a trovare i nonni all'epoca del Covid

Alcuni consigli della Regione Lombardia per effettuare in sicurezza le visite ai nonni durante la fase 2. Dall'uso delle mascherine al distanziamento fisico.

continua »
La-regola-dei-3-minuti

La regola dei 3 minuti

Ogni giorno, a prescindere dal tempo che avete a disposizione da trascorrere con i vostri bambini, dedicate loro almeno 3 minuti per abbracciarli, coccolarli e informarvi su cosa hanno fatto nelle ultime ore, i loro pensieri, le loro sensazioni. 

continua »
Norvegia-Primo-Ministro

La premier norvegese parla ai bambini per rassicurarli

Succede in Norvegia ed era successo qualche settimana fa in Nuova Zelanda. I politici sentono il dovere di rivolgersi anche ai bambini, i piccoli dimenticati della nostra realtà, per rassicurarli sul tema del coronavirus.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network