Perché esce sangue dal naso e cosa fare

Abbastanza frequente nei bambini, la perdita di sangue dal naso non deve destare preoccupazione, tranne in rarissimi casi. Ecco come comportarsi nel caso dovesse verificarsi. 

Perché esce sangue dal naso e cosa fare



La perdita di sangue dal naso, o epistassi, è piuttosto frequente nei bambini tra i 4 e i 10 anni con maggiore incidenza dopo i 6 anni.


Generalmente, non deve destare nessuna preoccupazione e non richiede l'intervento di uno specialista. Le cause sono diverse e non sempre facilmente riscontrabili: un forte trauma all'altezza del setto nasale, l'abitudine dei piccoli a infilarsi le dita nel naso, un raffreddore, l'esposizione a fonti di calore o sole o, al contrario, ad ambienti con aria condizionata eccessivamente forte...
Il motivo principale, però, va ricercato nella maggiore fragilità capillare che riguarda il setto nasale, in particolare la parte anteriore, perché è molto vascolarizzata.

COME COMPORTARSI

Innanzitutto, tranquillizzate il bambino che potrebbe essere piuttosto spaventato. Eliminate eventuali coaguli presenti nel naso e, se occorre, comprimete la parte anteriore del naso con forza fino a dove inizia la parte ossea.
Continuate a farlo fino a quando il sangue non avrà cessato di fuoriuscire (normalmente, non occorrono più di 5 minuti affinché si arresti). 

Un mito da sfatare:
a dispetto di quanto si pensi, la testa del bambino non deve essere reclinata all'indietro per evitare che il sangue finisca nelle vie respiratorie.
Lasciatela, invece, in posizione eretta o leggermente inclinata in avanti in modo da facilitare la fuoriuscita del sangue.
Inoltre, non fate sdraiare il bambino, ma tenetelo in piedi o seduto.

Utili rimedi:
posate sulla fronte del bambino una pezza bagnata o del ghiaccio. Può essere anche utili fargli mettere entrambi i polsi sotto all'acqua fredda. In caso di episodi ripetuti, acquistate in farmacia una crema emostatica da applicare direttamente all'interno della narice con un tampone.

QUANDO RIVOLGERSI AL MEDICO

Come dicevamo sopra, l'epistassi è piuttosto frequente e, normalmente, non provoca nessun problema. È necessario, però, rivolgersi a un medico se il bambino è molto piccolo (sotto ai 2 anni), o quando in concomitanza con l'uscita di sangue dal naso compaiono anche lividi sul corpo (potrebbe essere segnale di una fragilità capilare che andrebbe indagata meglio).

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Self_esteem_children

Autostima: 10 cose da non dire ai bambini

Può capitare di essere stressati e non darci peso, ma certe frasi, pronunciate spesso senza volontà di ferire, ma semplicemente con superficialità in momenti di rabbia o fretta, andrebbero evitate del tutto con i bambini. Il rischio è quello di minare il processo di acquisizione dell'autostima personale, fondamentale per affrontare al meglio le sfide della vita presenti e future.

continua »
Aquiloni

Costruisci il tuo aquilone

Ecco come costruire un fantastico aquilone da far volare in spiaggia o da inseguire sui prati in montagna. Basta seguire tutti i passaggi.

continua »
Creme-solari-bambini2022

10 cose da sapere sulle creme solari per i bambini

Come scegliere i solari per i bambini? E' davvero necessaria la protezione totale o si possono utilizzare creme con fattori di protezione più bassa? Quante volte va applicata la crema? 10 risposte per fugare i dubbi delle mamme in materia di protezione solare.

continua »
Eritema-solare

Eritema solare: come intervenire

L'eritema solare è, di fatto, una scottatura che provoca un arrossamento della pelle e una fastidiosa sensazione di prurito. Ecco come prevenire e cosa fare per alleviare il fastidio.

continua »
Cerca altre strutture