Perché esce sangue dal naso e cosa fare

Abbastanza frequente nei bambini, la perdita di sangue dal naso non deve destare preoccupazione, tranne in rarissimi casi. Ecco come comportarsi nel caso dovesse verificarsi. 

Perché esce sangue dal naso e cosa fare



La perdita di sangue dal naso, o epistassi, è piuttosto frequente nei bambini tra i 4 e i 10 anni con maggiore incidenza dopo i 6 anni.
Generalmente, non deve destare nessuna preoccupazione e non richiede l'intervento di uno specialista. Le cause sono diverse e non sempre facilmente riscontrabili: un forte trauma all'altezza del setto nasale, l'abitudine dei piccoli a infilarsi le dita nel naso, un raffreddore, l'esposizione a fonti di calore o sole o, al contrario, ad ambienti con aria condizionata eccessivamente forte...


Il motivo principale, però, va ricercato nella maggiore fragilità capillare che riguarda il setto nasale, in particolare la parte anteriore, perché è molto vascolarizzata.

COME COMPORTARSI

Innanzitutto, tranquillizzate il bambino che potrebbe essere piuttosto spaventato. Eliminate eventuali coaguli presenti nel naso e, se occorre, comprimete la parte anteriore del naso con forza fino a dove inizia la parte ossea.
Continuate a farlo fino a quando il sangue non avrà cessato di fuoriuscire (normalmente, non occorrono più di 5 minuti affinché si arresti). 

Un mito da sfatare:
a dispetto di quanto si pensi, la testa del bambino non deve essere reclinata all'indietro per evitare che il sangue finisca nelle vie respiratorie.
Lasciatela, invece, in posizione eretta o leggermente inclinata in avanti in modo da facilitare la fuoriuscita del sangue.
Inoltre, non fate sdraiare il bambino, ma tenetelo in piedi o seduto.

Utili rimedi:
posate sulla fronte del bambino una pezza bagnata o del ghiaccio. Può essere anche utili fargli mettere entrambi i polsi sotto all'acqua fredda. In caso di episodi ripetuti, acquistate in farmacia una crema emostatica da applicare direttamente all'interno della narice con un tampone.

QUANDO RIVOLGERSI AL MEDICO

Come dicevamo sopra, l'epistassi è piuttosto frequente e, normalmente, non provoca nessun problema. È necessario, però, rivolgersi a un medico se il bambino è molto piccolo (sotto ai 2 anni), o quando in concomitanza con l'uscita di sangue dal naso compaiono anche lividi sul corpo (potrebbe essere segnale di una fragilità capilare che andrebbe indagata meglio).

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Michelle-Obama-Netflix

Michelle Obama su Netflix per i bambini

Michelle Obama approda su Netflix per svelare ai bambini, con l'aiuto di due simpatici amici, i misteri della cucina. Disponibile dal 16 marzo. 

continua »
Obesita-lockdown

Covid e obesità: in aumento i casi tra i bambini

Lockdown prolungati, mancanza di attività fisica, isolamento... Il Covid continua a fare danni tra i più giovani che, se è vero che vengono risparmiati dalla malattia, rimangono le principali 'vittime' dei danni collaterali che questa si lascia dietro. L'obesità è uno dei tanti.

continua »
Pedagogia-del-rischio

Pedagogia del rischio

Contro genitori sempre più iperprotettivi e preoccupati delle conseguenze che le azioni dei bambini potrebbero avere sulla loro salute si oppone la pedagogia del rischio, secondo cui i bimbi hanno diritto di correre alcuni pericoli.

continua »
gongiabili_hp

Come arredare una ludoteca 'a misura di bambino'

Arredare uno spazio adibito al gioco e al divertimento dei più piccoli richiede una certa esperienza, ma anche un pizzico di creatività. 

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network