Perché i bambini dovrebbero giocare nel fango?

5 motivi per permettere ai bambini di giocare nel fango, rotolarsi nella terra, sporcarsi a più non posso. Soprattutto ora che con l'arrivo della bella stagione le occasioni per vivere all'aperto esperienze uniche non mancheranno di certo. 

Articoli Correlati



Quale bambino non si è tuffato, almeno una volta nella vita, dentro a una pozzanghera fangosa ridendo come un matto per la gioia di sentire il cif ciaf delle scarpe (o dei piedi) nell'acqua, gli schizzi scuri sui vestiti, il brivido di aver fatto qualcosa di proibito.


E perché giocare nel fango, nudi o vestiti, è un'esperienza educativa che non andrebbe negata ma, al contrario, incoraggiata?
  1. Giocare nel fango è divertente:
    il divertimento è dato da innumerevoli fattori, non ultimo il senso di libertà che un'esperienza simile si porta dietro. La certezza di star facendo qualcosa di fuori dall'ordinario, il coinvolgimento di tutti i sensi, la condivisione con gli altri bambini, rendono i tuffi nel fango uno dei giochi in assoluto più divertenti che un bimbo possa provare.

     
  2. Giocare nel fango affina le capacità sensoriali
    non esiste un'età giusta per giocare nel fango. Da 0 anni in su, ogni bambino trarrà dal fango, dal mix di terra e acqua, dalla sensazione di freddo, morbido, liscio, viscido... che prova, un insegnamento diverso che andrà a stimolare questo o quell'altro senso. A essere coinvolti soprattutto tatto, vista, olfatto (l'odore del fango è uno di quegli odori che dall'infanzia ci portiamo dietro per sempre, associato a ricordi piacevoli della nostra vita). 
     
  3. Giocare nel fango aiuta a rafforzare il sistema immunitario
    È stato scientificamente dimostrato che i bambini che vivono in ambienti protetti, sterilizzati sviluppano più facilmente patologie e allergie. I microbi presenti, invece, nel fango aiutano a rafforzare il sistema immunitario del bambino rendendolo più forte e più sano. L'esposizione allo sporco, infatti, serve per preparare il sistema immunitario a rispondere alle più comune malattie dell'infanzia e a prevenire l'insorgere di allergie.
     
  4. Giocare nel fango facilita le relazioni coi coetanei
    Il gioco nel fango può essere solitario (il bambino si sofferma a sperimentare le sensazioni provate) ma, molto più spesso, un gioco di gruppo in cui la relazione con l'altro viene favorita proprio dal tipo di attività in sé: saltare, correre, tuffarsi, sporcarsi.... sono tutte azioni che presuppongono un'emulazione, una condivisione dell'esperienza, una complicità.
     
  5. Giocare nel fango stimola la creatività
    Un po' come la sabbia, anche il fango è un 'materiale' che può essere utilizzato per creare altro e dar vita ad altri giochi. Può diventare 'palta' per erigere castelli e ponti, base per gustose ricette improvvisate, argilla per dare forma a sculture e statue, colore per riempire fogli e quaderni..
    Insomma, il gioco non si riduce solo al saltare. Ma può dar vita a qualcos'altro, in un continuo stimolo di creatività, esperienza cognitiva, sviluppo sensoriale.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
MarkRothko

L'arte spiegata ai bambini (da Rothko)

Mark Rothko, pittore statunitense esponente dell'espressionismo astratto, ha indicato quali sono le sei regole base per spiegare l'arte ai bambini. 

continua »
Analfabetismo-motorio-scuola

Analfabetismo motorio tra i bambini

Per analfabetismo motorio tra i bambini si intende una sempre maggiore incapacità da parte dei più piccoli di approcciare attività motorie semplici quali correre o fare le capriole. Perché questo succede?

continua »
Sindrome-di-Asperger

Sindrome di Asperger: di cosa si tratta

Ricorre oggi la Giornata Mondiale della Sindrome di Asperger, un disturbo che presenta alcune caratteristiche dell'autismo ma che interessa, soprattutto, la sfera relazionale e sociale del comportamento.

continua »
Meditazione-bambini

Meditazione per bambini. Come riscoprire il silenzio interiore

La meditazione è una pratica che, con i dovuti aggiustamenti del caso, è adatta anche ai più piccoli: attraverso la meditazione, infatti, possono imparare a rilassarsi a scoprire il proprio io interiore. 

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network