Storia della bambina che dà da mangiare ai corvi

Gabi Mann ha 8 anni. Da 4 anni, tutti i giorni, dà da mangiare ai corvi che si fermano nel giardino della sua casa di Seattle. Dal canto loro, i corvi, la ringraziano portandole piccoli regali. Che, chissà, potrebbero diventare la collezione di un museo davvero fuori dal comune!

Articoli Correlati

Storia della bambina che dà da mangiare ai corvi


Dare da mangiare a uccellini, pesciolini, papere, cani, gatti…. è una delle attività che maggiormente divertono i bambini. Quanti se ne vedono, infatti, intorno ai laghetti dei parchi, seduti sui moli delle città di mare, appollaiati sulle panchine cittadine a nutrire con briciole di pane, semini, pezzetti di merenda…. animali di tutte le forme e dimensioni? Il “gioco” è così divertente che nei parchi naturistici americani (ma non solo), le guardie forestali sono state costrette a mettere dei cartelli per ammonire i visitatori dal “nutrire gli animaletti selavitici”.
D’altra parte, è anche vero che le ultime campagne delle associazioni che tutelano uccelli e volatili (la LIPU in testa), incoraggiano la popolazione a trasformare balconi, terrazzi e giardini in birdgarden, ossia uno spazio all’aperto dove attrarre e accogliere gli uccelli (e altri animali selvatici).


Insomma, questa è la storia di una bambina, che un po’ per gioco un po’ per caso, si è trovata a dar da mangiare ai corvi che transitavano nel giardino della sua casa di Seattle.
Anno dopo anno, per ben 4 anni, questa bambina e la sua mamma facevano trovare ai corvi qualcosa da mettere sotto al becco. E i corvi, anno dopo anno, hanno cercato di sdebitarsi con chi si prendeva cura di loro.

Lei si chiama Gabi Mann, ora ha 8 anni. E la sua storia sta facendo il giro del web. Perché è una storia tenera. Ma perché da questa storia potrebbe nascere qualcosa di molto molto particolare.
In 4 anni, Gabi ha raccolto di tutto. I doni che i corvi le hanno portato erano piccole viti, bulloni, chiavi, orecchini, bottoni, spille, portachiavi, anelli, ciondoli, pietre, graffette, mollette, persino una piccola lampadina e una targhetta con scritto la parola “migliore”….
Un tesoro in miniatura che per una bimba di quell’età rappresenta un vero e proprio patrimonio da conservare e custodire gelosamente. E che, infatti, Gabi ha custodito e conservato gelosamente in una scatola, catalogandolo come fossero piccoli reperti museali.
E chissà che un giorno, questi piccoli oggetti apparentemente di scarso valore, ma che raccontano come tra esseri umani e animali possa esistere un rapporto speciale, non diventino davvero pezzi da collezione di un museo ad hoc. Per insegnare ai bambini l’amore e il rispetto della natura.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Distanziamento-e-malattie

Le malattie che mascherine e distanziamento hanno cancellato

Secondo uno studio condotto dalla Harvard Medical School distanziamento sociale e mascherine avrebbero debellato ben 12 malattie tipiche dell'infanzia.

continua »
Minitennis

Tutti a scuola di minitennis!

Se il tennis è sconsigliato nei bambini troppo piccoli, il minitennis che sempre più centri sportivi stanno proponendo ai bimbi è un sport completo perfetto già a partire dai 3 anni. Ecco di cosa si tratta. 

continua »
FakeNews_Mascherine2

No-mask: mascherine e fake news

Dopo i no-vax ora è la volta dei no-mask di diffondere false informazioni, in questo caso, sull'uso delle mascherine e più in particolare sull'uso delle mascherine nei bambini. Ecco 5 bufale smentite anche dalla Società Italiana di Pediatria.

continua »
Back-to-school-qualita-aria

3 regole per un Back to school in sicurezza

A scuola in sicurezza. Non solo per limitare eventuali focolai di covd, ma anche per diminuire il rischio di contagio da altri virus che, normalmente, circolano nelle classi.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network