Tutti a scuola di minitennis! - Età prescolare - Bambinopoli




Tutti a scuola di minitennis!

Se il tennis è sconsigliato nei bambini troppo piccoli, il minitennis che sempre più centri sportivi stanno proponendo ai bimbi è un sport completo perfetto già a partire dai 3 anni. Ecco di cosa si tratta. 

Articoli Correlati



Il Minitennis è la nuova frontiera delle discipline sportive per bambini: non solo, infatti, l'aspetto ludico prevale su quello didattico, ma anche campi e attrezzature sono a misura di bambino, per garantirgli il massimo comfort durante il gioco. 


Ecco, dunque, che le racchette sono più piccole per semplificare la presa ed essere più maneggevoli, le palline depressurizzate per avere un rimbalzo minore, il campo leggermente ridimensionato per faciitare gli spostamenti da una parte all'altra.

Ciò che, però, davvero fa la differenza, è l'approccio previsto durante le lezioni.

Se, infatti, i corsi di tennis tradizionali sono, per lo più, improntati sull'insegnamento della tecnica, le lezioni di minitennis partono dal presupposto che la prima esigenza di un bambino, soprattutto in età pre-scolare, sia il gioco. La dimensione ludica, perciò, non solo è parte integrante della lezione, ma è il metodo educativo utilizzato per arrivare poi, in un secondo momento, all'insegnamento vero e proprio della disciplina. 
Questo presuppone che il bambino sia coinvolto durante tutto il corso senza lasciargli la possibilità di annoiarsi o ripetere all'infinito sempre gli stessi movimenti.

LA FASE DI ATTIVAZIONE
Nei corsi di minitennis grande importanza è data alla fase di attivazione, ovverso di riscaldamento, durante la quale il maestro è chiamato a creare il clima giusto tra i partecipanti proponendo esercizi di riscaldamento che coinvolgano tutti e, al contempo, diano la possibilità al bambino di utilizzare tutti i muscoli sviluppando attività motoria, coordinazione ed equilibrio.
Questa fase, normalmente assente nelle lezioni per adulti, è utile per iniziare a impostare la lezione ed è il momento in cui vengono proposti giochi ed esercizi finalizzati a sviluppare tutta la muscolatura (anche quella degli arti meno coinvolti): attività che esaltino la resistenza, l'equilibrio, la coordinazione, la concentrazione... 
Il bimbo si sente, perciò, partecipe della lezione ed è stimolato a continuare, senza che l'aspetto più tecnico sia davvero penalizzato.

GLI OBIETTIVI DEI CORSI
L'obiettivo dei corsi di minitennis, dunque, non è quello di sfornare un perfetto tennista, ma fornire al bambino gli strumenti base per poi poter accedere ai corsi tradizionali e alle prime partite vere e proprie.
  • acquisire dimestichezza con la racchetta
  • acquisire dimestichezza con la palla
  • imparare le tecniche di base
  • mettere alla prova le proprie capacità coordinative
  • conoscere le regole del gioco
  • familiarizzare con lo spazio di gioco

Proposto in questo modo, con un approccio più blando agli insegnamenti tecnici (che, comunque, vengono forniti) e più incentrato sugli aspetti ludici, il tennis può essere praticato anche da bambini di 4 anni, generalmente esclusi dai corsi tradizionali.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Libri-Santa-Lucia

Libri sul Natale: Santa Lucia

Torna il settimanale appuntamento con i libri su Natale. Questa settimana il focus è su Santa Lucia, festa molto sentita in diverse zone d'Italia e che noi vogliamo festeggiare così.

continua »
Letture-sotto-lalbero-di-natale

Libri sul Natale da leggere e regalare

Inizia al conto alla rovescia. Da oggi fino alla Vigilia, ogni settimana, vi segnaleremo 5 libri sul Natale da leggere in questi giorni di attesa o da mettere sotto l'albero. Tornate a trovarci tutti i venerdì.

continua »
13-regole-giocare-con-bambini

12 regole per giocare con i bambini

Giocare con i bambini è una cosa seria. Di seguito vi presentiamo le 12 regole da rispettare sempre quando si passa del tempo con loro. 

continua »
Disney-amore-omosessuale

La Disney e l'amore omosessuale

Apertura mentale e superamento degli stereotipi femminili in casa Disney: il prossimo film potrebbe, infatti, raccontare l'amore tra due donne. Inoltre, si vocifera che anche Elsa potrebbe essere lesbica nel sequel di Frozen.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network