Vaccini: basta la auto certificazione

Cambiano di nuovo le disposizioni in materia vaccinale. Per la ministra della Salute, la grillina Giulia Grillo per andare a scuola è sufficiente l'autocertificazione dei genitori.

Articoli Correlati

Vaccini: basta la auto certificazione



Cambiano i governi e cambiano le leggi.


Tra le prime azioni portate avanti dalla Ministra della Salute, la grillina Giulia Grillo, la cancellazione delle disposizioni della precedente Ministra Lorenzin in tema di vaccinazioni.
Per la frequenza del prossimo anno scolastico 2018-19, infatti, basterà l'autocertificazione e non sarà più necessario presentare entro il 10 luglio la certificazione ufficiale della Asl che comprovi l'avvenuta vaccinazione. L'autocertificazione potrà essere presentata fino al giorno prima l'inizio delle lezioni scolastiche.

La decisione, che senza appoggiarli apertamente, strizza l'occhio ai no-vax, ha destato non poche preoccupazioni e non poche polemiche. La Ministra si è limitata a dichiarare:  Non sono una no vax, ma ci sono delle legittime preoccupazioni dei cittadini che devono avere risposte. Risposta sibillina che apre spazio a diverse interpretazioni: perché l'autocertificazione dovrebbe dare risposte ai dubbi dei genitori dal momento che, in teoria, non cade l'obbligo alla vaccinazione ma solo l'obbligo di fornire una documentazione seria (ossia, rilasciata dalla ASL)? 
E perché la Ministra parla di 'legittime preoccupazioni', instillando in testa l'idea che le vaccinazioni non siano del tutto sicure?

D'altra parte, la posizione del Movimento 5 Stelle in materia vaccinazioni è sempre stata piuttosto chiara. E sebbene ora si parli di una semplificazione della legge per facilitare ai genitori il compito di presentazione dei documenti all'atto dell'iscrizione, la sensazione sia quella di un primo passo verso la non obbligatorietà della legge.

Sebbene, infatti, le autocertificazioni debbano essere autentiche e le famiglie che dichiarano il falso siano perseguibili per legge, i controlli saranno fatti a tappeto e il rischio di essere intercettati è piuttosto basso.

COSA CAMBIA
La circolare prevede che per i minori da 6 a 16 anni, quando non si tratta di prima iscrizione, restI valida la documentazione già presentata per l'anno scolastico 2017-2018, se il minore non deve effettuare nuove vaccinazioni o richiami. Per i bambini da 0 a 6 anni e per la prima iscrizione alle scuole (6-16 anni), invece, basterà una 'dichiarazione sostitutiva di avvenuta vaccinazione'.

Per maggiori informazioni, cliccate qui.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Coronavirus-bambini-passeggiata

Caro sindaco, liberi i bambini

Lettera aperta a Dario Nardella, sindaco di Firenze, scritta da un gruppo di genitori per chiedere di intervenire affinché anche i bambini, come i cani, abbiano diritto alla loro passeggiata quotidiana in questa situazione di clausura forzata.

continua »
WWF-Coronavirus

I consigli del WWF per passare il tempo con i bambini

Se #iorestoacasa è diventato un imperativo categorico per tutti, molti si stanno muovendo per rendere più scorrevoli le ore trascorse in quarantena dei più piccoli. Così anche il WWF ha lanciato una serie di iniziative e appuntamenti pernsati proprio per i bimbi.

continua »
LeFavole-altelefono-altelefono

Da una baby radio a Rodari per telefono. Così si intrattengono i bambini

Ancora in tema di intrattenimento per bambini reclusi. Due iniziative molto interessanti per i più piccoli. Per passare il tempo nelle lunghe giornate di quarantena.

continua »
Didattica-a-distanza

Bambini chiusi in casa? Ecco come intrattenerli!

E con le scuole chiuse in tutta Italia fino al 3 aprile, per la maggior parte delle famiglie si pone il problema di come intrattenere i bambini nelle lunghe ore di clausura. Ecco alcuni siti utili per distrarli in modo istruttivo.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network