10 trucchi per aiutare il bambino a finire i compiti delle vacanze

Dopo la metà di agosto le vacanze possono dirsi agli sgoccioli e tantissimi bambini si trovano alle prese con i compiti delle vacanze da finire. Ecco alcuni trucchi per aiutarli a terminare tutto in tempo per il primo giorno di scuola.

Articoli Correlati

10 trucchi per aiutare il bambino a finire i compiti delle vacanze



Se tutto va bene, e speriamo sia così, superata la metà di agosto, le vacanze dovrebbero essere agli sgoccioli per i bambini di tutta Italia e la scuola lì lì per iniziare da qui a un mese.

Sebbene per i più piccoli il tempo sia relativo e la ripartenza appaia ancora lontana, è bene iniziare a focalizzarsi sui compiti delle vacanze per quanti ancora non li hanno iniziati/completati/affrontati.
Di seguito 10 consigli per aiutare i bambini a portare avanti l lavoro senza troppa fatica.
  1. Eliminare ogni fonte di distrazione.

    Insieme al bambino, cercate un luogo della casa silenzioso, togliete di mezzo computer, tablet e smartphone. Spegnete la tv. 
     
  2. Scegliere il momento adatto.
    Scegliete un orario che possa andare bene con le esigenze di gioco del bimbo. Se, per esempio, è abituato a passare la mattina al parco o al mare con amici e fratelli, optate per il pomeriggio, cercando di riempire le sue 'ore buche'. In questo modo gli peserà meno rimanere concentrato sui libri.
     
  3. Stabilire un orario.
    Il modo migliore per favorire la concentrazione, è stabilire un momento di inizio e un momento di fine. Due ore è un buon tempo per un bambino della Scuola Primaria. Meno sarebbe poco produttivo. Di più anche per la perdita crescente di attenzione man mano che i minuti passano.
     
  4. Fissare un programma giornaliero.
    Andare a casaccio è dispersivo e alla lunga controproducente. Fate un programma, fissando i giorni in cui il bambino dovrà impegnarsi in quella o l'altra materia, andando a esaurimento, in modo tale da depennare definitivamente dalla lista ogni materia.
     
  5. Offire piccole gratificazione giornaliere.
    Ovviamente nulla di trascendentale. Ma mentre il bambino svolge i suoi compiti potrebbe fargli piacere sorseggiare un succo di frutta, un frullato, un tè freddo. Oppure mangiare un panino, una fetta di torta, un frutto. A seconda dell'orario scelto e dei suoi gusti, gratificatelo con uno spuntino di suo gradimento.
     
  6. Allontanare gli 'scocciatori'.
    Fratelli, cugini, amichetti della porta accanto.... andrebbero tenuti sotto controllo durante lo svolgimento dei compiti. Oltre, Sinceratevi che nessuna distrazione esterna possa togliere voglia e concentrazione al bambino.
     
  7. Tempo libero a volontà!
    Una volta terminate le ore stabilite per i compiti, non gravate il piccolo con ulteriori fastidi. Se non gli piace venire con voi a fare la spesa, per negozi, a  trovare le amiche... assecondatelo. 
     
  8. La lettura prima di andare a nanna!
    La lettura di schede, passi antologici, schede... può essere effettuata prima di andare a nanna. Non sarà come leggere un romanzo, una novella o guardare il proprio film preferito. Ma per qualche giorno, anche i più svogliati troveranno sensato fare il sacrificio.
     
  9. Siate un po' carabinieri!
    A nessuno genitore piace questo ruolo. Ma anche i bambini più diligenti tendono a distrarsi e a non aver voglia durante le vacanze estive. Controllate che, effettivamente, nelle ore stabilite il piccolo studi e che effettivamente gli esercizi siano svolti nel modo corretto.
     
  10. Abbiate fede!
    Le prime due settimane di settembre passano in fretta come in fretta è passata l'estate. In men che non si dica la scuola riaprirà i cancelli e tutti si potrà tornare a una sorta di normalità. E l'incubo compiti non avrà lo stesso aspetto di ora (ne avrà un altro!)

     

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Capoeira-2020

Capoeira: tra danza e lotta

Salti, calci, piroette e movimenti dolci. In una parola Capoeira. La danza che arriva dal Brasile e piace tanto ai bambini di tutte le età. Perché sceglierla tra i corsi sportivi.

continua »
Kumon

Kumon. Un metodo di apprendimento per inglese e matematica

Nato in Giappone 60 anni fa e molto diffuso nel mondo, il metodo Kumon ha l'obbiettivo di fornire ai bambini, dall'età di 2 anni, gli strumenti per 'imparare a imparare'. Facilitando, in questo modo, l'apprendimento delle lingue straniere.

continua »
Shopping-scuola-2020

Back to school: i must have del 2020

Oltre a penne, matite e quaderni, ecco i must have che non devono assolutamente mancare nella lista delle cose da comprare per la scuola.

continua »
Mascherine-Backtoschool

Mascherine in classe? Vince il buonsenso

Back to school 2020: tra gli accessori che i bimbi dovranno portare con loro in cartella, oltre a penne, astucci e quaderni, anche le mascherine. Su cui, parrebbe, si è finalmente arrivati a un accordo.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network