5 regole per coltivare l'autostima in età scolare

Coltivare l'autostima è importante perché aiuta il bambino a crescere sereno fidandosi delle proprie capacità. Ecco 5 regole da seguire per farlo in ambito scolastico. 

Articoli Correlati


Come coltivare l'autostima di un bambino in ambito scolastico? DI seguito alcuni consigli per farlo e aiutarlo a essere sicuro delle sue capacità.

  1. NON AIUTARLO A FARE I COMPITI

    Per quanto molti genitori aiutino i figli nello svolgimento dei compiti a fin di bene, farlo è un po' come ammettere che da soli i bambini non possono farcela. Ovviamente, furbescamente, i piccoli non aspettano altro. Ma lasciare che ciascuno scolaro se le cavi da solo, guidandolo eventualmente nel ragionamento e non sostituendosi a quello, è indubbiamente più proficuo sia per quanto riguarda l'apprendimento, sia per ciò che concerne l'autostima.
     
  2. NON CONFRONTARE I SUOI RISULTATI CON QUELLI DEGLI ALTRI
    La scuola non è una arena di gara ma un luogo di apprendimento. Continuare a confrontare i risultati del bambino con quelli dei compagni è poco proficuo e per nulla utile per elevare la sua autostima. Nel bene e nel male (è sbagliato anche confrontare il bambino agli altri quando prende un voto più alto), il piccolo va spronato (non giudicato) in quanto singolo individuo e non perché nel confronto con gli altri ne esce perdente.

     
  3. NON GIUDICARLO PER QUELLO CHE E', MA PER QUELLO CHE FA
    Mai dire a un bambino 'sei uno stupido', 'sei un asino'. Il consiglio, di fronte a un risultato negativo, è annullare il giudizio e provare a capire insieme al piccolo cosa è andato storto. Se semplicemente si tratta di poco studio o scarsa attenzione durante le lezioni, è quell'atteggiamento che va preso in esame ed eventualmente criticato, non il bimbo.
     
  4. SPRONARLO A MIGLIORARSI SENZA GIUDICARE QUELLO CHE HA FATTO FINO A QUEL MOMENTO
    Il bambino non deve mai sentire venire meno il supporto dei genitori in ambito scolastico, qualunque siano i risultati raggiunti. Ciò che deve arrivargli è la sensazione che mamma e papà avranno sempre fiducia in lui e lo sosterranno a prescindere dai risultati a scuola. Ciò non significa sottovalutare un brutto voto o fare finta di nulla. Ciò significa contestualizzarlo, comprenderne le ragioni e confinarlo all'ambito scolastico, senza farlo diventare un metro di giudizio per ogni azione a scuola.
     
  5. RIVOLTARE IN POSITIVO IL GIUDIZIO
    I voti non servono, in teoria, per screditare l'alunno, ma per fornirgli un parametro dal quale partire per migliorarsi. Se un voto è negativo, quindi, ne vanno comprese le ragioni e vanno trovate delle soluzioni che il bambino possa facilmente praticare: studiare di più, applicarsi maggiormente, ascolare la maestra in classe...

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Daniela il 7 febbraio 2018 alle ore 22:50

    Mi piace

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Scratch30

Scratch 3.0: programmare non è mai stato così facile

Da gennaio 2019 è disponibile Scratch 3.0, una nuova generazione di Scratch che aumenta enormemente le possibilità di creare con il codice.

continua »
Bicibanco-Sondrio

La bici-banco per i bambini affetti da Adhd

Un banco speciale o una bicicletta fuori dal comune. La bici-banco, progettata per aiutare i bambini affetti da Adhd (Deficit d'Attenzione), arriva per la prima volta in una scuola di Sondrio.

continua »
Mixerpiece

Mixeripiece. L'app che insegna l'arte ai bambini

Creata da un artista italiano, Giuseppe Ragazzini, l'app vuole avvicinare i bambini all'arte stimolando la loro creatività e coltivando il loro interesse.

continua »
Puberta

Primi segnali di pubertà

Il passaggio dall'infanzia all'adolescenza non avviene in un colpo solo dall'oggi al domani. Alcuni segnali precoci, infatti, sono forieri del cambiamento che si verifica, generalmente, intorno agli 11/12 anni.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network