A Novara zainetto uguale per tutti

Uno zainetto uguale per tutti i bambini. Succede a Novara dove una scuola elementare ha fornito a tutti gli aluni il medesimo zainetto, anonimo, non griffato e gratuito. La storia nasce sui social e apre il dibattto. 


Tutto nasce da un post pubblicato da Monia Sangermano su Facebook in merito a un'iniziativa adottata dalla scuola elementare di Novata frequentata da sua nipote, 7 anni, dove i dirigenti scolastici hanno deciso di distribuire tra tutti gli alunni uno zainetto blu, anonimo, non griffato e gratuito, da utilizzare al posto delle cartelle e degli zaini personali.
Scopo dell'iniziativa: eliminare, per quanto possibile, le differenze tra chi può permettersi lo zainetto griffato e chi no, chi ha le principesse e chi l'Uomo Ragno, chi usa la cartella e chi lo zaino del fratello più grande.


In poche parole: abbattere le differenze che, inevitabilmente, zaini, astucci, quaderni... mettono in atto tra i bambini e venire incontro a quanti 40/50€ per una cartella proprio non possono permettersele.



Il post è diventato virale. In poco tempo ha ottenuto 179.000 Like e 90.000 condivisioni, segno di un interesse diffuso per l'argomento che, proprio sui social, ha visto i genitori prendere posizione in merito, sia favorevolmente che sfavorevolmente.
Oltre, infatti, a chi ha appoggiato l'iniziativa, lodandola come lungimirante e come un primo passo verso l'abbatimento delle differenze economiche e culturali all'interno delle scuole, c'è anche chi ha accusato l'autrice del post di essere comunista (o fascista a seconda dei casi) e di volere annullare, in questo modo, la personalità dei bambini e il loro diritto a scegliere cosa indossare e come.

In poche parole due strade di pensiero:
da una parte chi loda l'impegno della scuola e riconosce il valore educativo dell'iniziativa e dall'altra chi taccia esempi come questi di massificazione 'maoista' in cui l'annullamento delle differenze avviene solo attraverso l'omollogazione esteriore a modelli imposti dall'alto.
C'è chi, poi, ma è la minoranza, ha fatto notare come un simile zainetto non sia adatto a bambini così piccoli provocando danni alla loro colonna vertebrale.

Il progetto, in realtà, rientra in un quadro più ampio. Come ha spiegato la stessa Sangermano sempre su Facebook: i bambini vengono dotati anche di astucci anonimi che possono personalizzare come credono trasformandoli in piccole opere d'arte, esattamente come possono dare un tocco personale agli zainetti attaccando peluche e spillette e rendendoli più vicini ai propri interessi e ai propri gusti.

A noi la domanda nasce abbastanza spontanea: 
la scuola distribuisce zainetti tutti uguali e viene tacciata di annullare le personalità dei bambini.
Invece, bambine di 6/7 anni che indossano tutte zainetti di Elsa quanta personalità dimostrano di avere?

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Puberta

Primi segnali di pubertà

Il passaggio dall'infanzia all'adolescenza non avviene in un colpo solo dall'oggi al domani. Alcuni segnali precoci, infatti, sono forieri del cambiamento che si verifica, generalmente, intorno agli 11/12 anni.

continua »
Carnevale2019-tendenze

Carnevale 2019: tutte le tendenze

Quali sono le maschere più trendy del Carnevale 2019? Cosa andrà per la maggiore tra adulti e bambini? Una carrellata tra i travestimenti che spopoleranno quest'anno.

continua »
ScuolaSenzaZaino

I 3 valori della Scuola senza Zaino

Dalla disposizione dell'aula alla responsabilizzazione dell'alunno, Scuola Senza Zaino cerca di promuovere un'idea nuova di scuola e di lavoro in classe. Ecco i 3 valori principali di questa teoria.

continua »
Album-figurine

L'album delle figurine: un gioco completo

Cosa imparano i bambini quando cercano di completare un album di figurine? Quali valori trasmette questo gioco antico ai più piccoli?

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network