A Piacenza, la prima scuola senza cellulari

Grazie a una speciale tecnologia che isola i cellulari rendendoli di fatto inutilizzabili, l'Istituto Sportivo San Bernardo di Piacenza sarà la prima scuola 'phone-free' d'Italia. 

Articoli Correlati


 
Yondr è una speciale tasca che isola i cellulari rendendoli, di fatto, inefficaci. Si tratta di un dispositivo che gli insegnanti dell'Istituto Sportivo San Bernardo di Piacenza attivano al mattino all'inizio delle lezioni e disattivono al pomeriggio al termine della giornata scolastica, rendendo così la scuola la prima phone-free d'Italia.


Il sistema viene già utilizzato con successo negli Stati Uniti e durante eventi quali concerti, matrimoni, processi in tribunale...
L'obiettivo: rieducare le persone, in questo caso gli studenti, a una sana socialità fatta di relazioni personali e scambi reali e non interazioni digitali tramite social o messaggi.
Alcuni studi, infatti, rivelano che la sola presenza del telefono nello zaino e la consapevolezza di poterlo utilizzare quando e come si vuole, abbasserrebbe il livello di concentrazione del ragazzo e il suo grado di attenzione, con conseguente peggioramento del suo rendimento scolastico.


La scelta dell'Istituo è stata naturalmente accompagnata da critiche, prime fra tutti quelle degli studenti (ma anche di molti genitori), che non vedono di buon occhio la decisione del preside; se, infatti, le intenzioni sono buone, ci si è chiesti se davvero è impendendo di usare il cellulare che si educa un ragazzo.
Non sarebbe, forse, meglio, in generale, predisporre un percorso, anche scolastico, che accompagni i bambini prima e gli adolescenti poi a un uso consapevole della tecnologia?

Sebbene, infatti, il target sia diverso, l'atteggiamento degli adulti - genitori e insegnanti - nei confronti dell'uso della tecnologia da parte dei minori, può essere esteso anche ai ragazzini delle medie e ai bambini della primaria.
A questo proposito, è interessante sapere che circa il 10% dei bimbi di 9/10 anni dispone di uno smartphone personale e che il primo 'utilizzo' di un telefono avviene, normalmente, intorno ai 2/3 anni. 

Da anni i pediatri mettono in guardia genitori e insegnanti sulle conseguenze nefaste che l'uso del telefono induce nei più piccoli. La domanda, però, è d'obbligo: ci si chiede sempre a che età un bimbo dovrebbe entrare in possesso di un telefono e se è giusto che a scuola gli adolescenti possano usare il loro smartphone senza problemi.
Non sarebbe, però, meglio domandarsi, piuttosto che quando e quanto, come il cellulare potrebbe essere fruito?
Purtroppo, in quasi nessun livello di istruzione e in quasi nessuna scuola esiste un corso di 'Educazione alla tecnologia', che significa affrontare il problema dal punto di vista prettamente tecnico (banalmente i corsi di codec), etico, comportamentale, sociale.



 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Puberta

Primi segnali di pubertà

Il passaggio dall'infanzia all'adolescenza non avviene in un colpo solo dall'oggi al domani. Alcuni segnali precoci, infatti, sono forieri del cambiamento che si verifica, generalmente, intorno agli 11/12 anni.

continua »
Carnevale2019-tendenze

Carnevale 2019: tutte le tendenze

Quali sono le maschere più trendy del Carnevale 2019? Cosa andrà per la maggiore tra adulti e bambini? Una carrellata tra i travestimenti che spopoleranno quest'anno.

continua »
ScuolaSenzaZaino

I 3 valori della Scuola senza Zaino

Dalla disposizione dell'aula alla responsabilizzazione dell'alunno, Scuola Senza Zaino cerca di promuovere un'idea nuova di scuola e di lavoro in classe. Ecco i 3 valori principali di questa teoria.

continua »
Album-figurine

L'album delle figurine: un gioco completo

Cosa imparano i bambini quando cercano di completare un album di figurine? Quali valori trasmette questo gioco antico ai più piccoli?

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network