A scuola, quale merenda?

Quali caratteristiche deve avere lo spuntino di metà mattina? Ecco qualche idea per lo merenda da portare a scuola diversa dalle solite merendine confezionate (e senza troppo lavoro da parte vostra).

Articoli Correlati

A scuola, quale merenda?




Leggera per evitare di appesantire il bambino. Sana per abituarlo a un'alimentazione corretta. Nutriente per fornirgli tutte le energie di cui il piccolo ha bisogno per affrontare gli impegni scolastici. Non unta per evitare di trasformare libri e quaderni in una friggitoria. Facile da trasportare affinché non si riduca in briciole durante il trasporto nella cartella divenendo immangiabile. Varia, per un'alimentazione differenziata anche quando si tratta di snack.
Così dovrebbe essere lo spuntino per la scuola, un 'pasto' importante in quanto interrompe il digiuno della mattina e aiuta i bimbi a ritrovare la concentrazione per le attività che seguiranno.


Ma cosa mettere, dunque, nella cartella del piccolo?
Di seguito qualche idea, dolce e salata, particolarmente indicata in questo senso.


'MACEDONIA' DI FRUTTA SECCA E DISIDRATATA

La frutta secca, fonte di energia, ricchissima di minerali, vitamine e fibre, è un'ottima scelta per la merenda della scuola. Al posto, però, di mettere le solite tre noci nella cartella, preparate un mix di frutta secca (noci, mandorle, nocciole, anacardi...) e di frutta disidratata (uva passa, albicocche, prugne, mele essiccate...) da mangiare con le mani durante l'intervallo: una merenda leggera, sana, equilibrata e nutriente. 
Tempo di preparazione: 10 minuti
Indice di gradimento per i bambini: 7

AL POSTO DELLA SOLITA MELA

La frutta rappresenta sempre una valida alternativa alle merendine confezionate o ai prodotti troppo unti. Soprattutto se il bambino non ne mangia dopo pranzo e cena, è un modo per inserirla nella sua dieta. Inoltre, fonte di vitamine e sali minerali, aiuta davvero ad affrontare meglio gli impegni della vita di tutti i giorni.
Se, però, il piccolo non ama particolarmente mela e pera, provate a dargli qualche alternativa: perfetti i frutti di bosco, perché no alle fettine di caco, pesca, ananas... a seconda della stagione. Si anche all'uva (meglio se tagliate i chicchi a metà) e alle le banane (per il trasporto delle quali esistono contenitori appositi per evitare che in cartella diventino una marmellata).

VERDURA FRESCA

Vale lo stesso discorso di cui sopra. Infilare la verdura nello zaino scolastico è un modo per abituare il bambino a mangiare le verdure durante la giornata, consumandole a crudo. Si, quindi, alle carote sbucciate, ai finocchi, ai pomodorini tagliati a metà, ai ravanelli.

PARMIGIANO REGGIANO

Una merenda davvero nutriente, che generalmente incontra il favore dei piccoii, è rappresentata dal parmigiano reggiano che una volta alla settimana può sostituire il solito snack. Porzionatelo voi a casa o comprate le confezioni monodose già disponibili nei supermercati. Poichè, poi, la merenda salata normalmente mette sete, date al bambino anche una bottiglietta piccola con l'acqua.

TORTA CASALINGA O BISCOTTI FATTI IN CASA

La merenda dolce non è affatto bandida dalla scuola. Anzi. Una volta alla settimana può rappresentare l'alternativa e la coccola per il piccolo scolaro. Non ripiegate, però, sulle solite merendine confezionate. Optate, piuttosto, per una merenda preparata in casa, con ingredienti freschi e controllati: biscotti homemade, una fetta di crostata preparata in casa, una torta morbida tipo Paradiso.
Il lunedì, per antonomasia il giorno più brutto della settimana, potrebbe essere la giornata perfetta per questo tipo di merenda. Così smaltite il dolce della domenica e regalate al bambino una merenda gustosa che senz'altro gli piace.



 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
bambino2 felice_cv

12 cose che rendono felice un bambino

Sottotitolo: senza mettere mano al portafogli. Ossia quali sono le cose che i bambini amano fare e che possono essere proposte loro che non prevedano spese e che non rientrino nella categoria 'vizi'.

continua »
bambino felice_cv

10 cose da dire che rendono felice un bambino

La tendenza è quella di dire al bambino quello che non deve fare. Spesso il suo operato viene messo in discussioni con frasi fortemente negative che minano l’autostima del piccolo. Con i figli si tende a essere più critici che costruttivi. Cosa dire, invece, a un bimbo per renderlo più felice?

continua »
disagicibo_cv

Le difficoltà dei bambini a tavola: disagi o disturbi?

 Disturbi e disagi alimentari non sono la stessa cosa. In entrambi i casi, però, spesso c'è una richiesta di attenzione da parte del bambino che attraverso il cibo manifesta problemi di altro genere.

continua »
bambinicibo_cv

Bambini e cibo: nutriamo il cuore dei bambini

La dottoressa Cristina Savatteri ci spiega come molti dei disturbi alimentari dei bambini derivino da una sbagliata interiorizzazione del cibo nella primissima infanzia. 

continua »
Cerca altre strutture