Come appassionare i bambini alla lettura

L'educazione alla lettura è un processo lungo che richiede tempo e che non sempre avviene in modo automatico. Anzi, spesso il confronto con smartphone e tablet rende il libro obsoleto e poco attrattivo. Ecco come fare.

Articoli Correlati

Come appassionare i bambini alla lettura



Se in età prescolare i libri vengono percepito come un giocattolo e i bambini amano sfogliarli e ascoltare mamma e papà che leggono le storie che contengono, in età scolare le cose potrebbero cambiare e anche accaniti 'lettori' potrebbero arrivare ad associare il libro a qualcosa di noioso, obsoleto, che richiede tempo e fatica inutili.


Come fare, dunque, ad appassionare un bambino alla lettura negli anni della scuola? 
  1.  LETTURA PER DOVERE VS LETTURA PER PIACERE
    La lettura come hobby è molto diversa dalla lettura per dovere e non può essere in alcun modo imposto. Se, dunque, il bambino è obbligato a leggere quanto gli viene assegnato in classe, diversamente non può essere obbligato a trascorrere il suo tempo libero su un libro. È molto importante che sia ben chiaro a tutti che gli insegnanti hanno il ruolo di far leggere lo scolaro perché deve e che ai genitori spetta, invece, il compito di proporre la lettura per diletto.


  2. NON OBBLIGARE, PROPORRE
    Visto quanto sopra, la lettura nel tempo libero non può essere imposta, ma solo proposta, suggerita, consigliata. Senza che, però, si trasformi in un terreno di lotta tra genitori e figli. Non è attraverso lo scontro che si ottiene un risultato. Occorre, tempo, pazienza, forza per accettare un eventuale 'no' e perseveranza.
     
  3. LIMITARE IL TEMPO TRASCORSO SU SMARTPHONE E TABLET
    Se un tempo la vera antagonista del libro era la TV, ora i nemici del libro si sono moltiplicati e, rispetto a prima, sono diventati spesso, e per tutti, oggetti immediatamente disponibili, carichi di un fascino, magnetici.
    In un'epoca in cui tutto è veloce, in cui l'immagine prevale sul testo, in cui il video dominca su ogni cosa, il libro può risultare un oggetto obsoleto, che richiede uno sforzo, un'attenzione, una perseveranza, che non fanno parte del vissuto di un bambino della nuova generazione. Ecco perché, e questo sin dalla prima età, andrebbe limitato l'utilizzo dei device multimediali, definendo un orario ben preciso in cui al piccolo è consentito utilizzarli (non più di un'ora al giorno).
     
  4. L'ESEMPIO CONTA
    I piccoli lettori sono spesso figli di genitori che leggono. Non importa che sia il giornale, i fumetti  o un romanzo rosa. Vedere mamma e papà che si dedicano alla lettura è senz'altro un esempio che non passa inosservato. Cosa ci troveranno in quelle pagine che stanno catturando la loro attenzione da tutto questo tempo? È questo quello che arriverà a chiedersi un bambino vedendo le persone della propria famiglia trascorrere così tanto tempo di fronte a pagine scritte.
    Non serve fingere, naturalmente. O imporsi un passatempo che non si ha. Ma se i genitori o i fratelli per primi trascorrono la maggior parte del loro tempo libero con un telefono in mano, è molto difficile che il bambino possa crescere diversamente.

  5. COLTIVARE GLI INTERESSI
    Cosa piace al vostro bambino? Qualunque sia la sua passione (il calcio, i dinosauri, i videogiochi, la danza....), per qualsiasi interesse, esiste un libro a cui fare riferimento. Se vuoi, quindi, che tuo figlio si appassioni alla lettura, proponigli libri che parlano di ciò che gli piace. Che siano, anzi, un di cui di ciò che gli piace. Non è necessario che legga necessariamente libri di narrativa. Può leggere qualsiasi cosa. Quello che conta è che capisca il valore del testo scritto e ne percepisca il fascino. Il resto, probabilmente, arriverà da sé con il tempo.
     

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
psicologo_bonus

Bonus psicologo: ultimi giorni per richiederlo

Entro il 24 ottobre bisogna farne richiesta per ottenere fino a 600 euro. Ecco come si fa.

continua »
bambo_desideri

La scuola e il Banco dei Desideri

Quarta edizione di questa bella iniziativa della Fondazione Mission Bambini per donare materiale scolastico a bambini e ragazzi in difficoltà.

continua »
bambina-scrittrice-hp

Si torna sui banchi di scuola

Anche quest’anno le vacanze per tutti i bambini e/o ragazzi stanno volgendo al termine, si abbandonano i luoghi di gaie spensieratezze per far ritorno alla routine quotidiana scandita dai ritmi scolastici

continua »
notte_bianca_aidf

Notte bianca: letture per educare all'ascolto

Grazie alla partnership fra AID (Associazione Italiana Dislessia) e Audible è nato un progeto di educazione all’ascolto con l'obiettivo di scoprire o riscoprire il piacere della lettura anche in presenza di dislessia.

continua »
Cerca altre strutture