Come fare i compiti delle vacanze

E’ arrivato il momento di affrontare i compiti delle vacanze: ecco qualche consiglio per aiutare i bambini a farli più volentieri!

Articoli Correlati

Come fare i compiti delle vacanze



Alla fine della scuola i bambini hanno bisogno di riposarsi ma, arrivati a metà vacanza, se non si è ancora iniziato, bisogna organizzarsi per non trovarsi in “panico da compiti” nei giorni prima dell’inizio della scuola.
 
Alcuni bambini (ahimè, pochi!) affrontano i compiti delle vacanze come un gioco, un’attività divertente e stimolante da svolgere nei caldi pomeriggi estivi . La maggior parte dei bambini invece, non ne vuole sapere di fare i compiti, li affrontano controvoglia e trovano sempre mille scuse per “rimandare a domani” quello che non hanno voglia di fare oggi!
 
Ma i compiti delle vacanze servono davvero? Le vacanze non dovrebbero essere solo ed esclusivamente vacanze durante le quali rigenerarsi potendo rallentare i ritmi stressanti della scuola?

 
Come in tutte le questioni ci sono diverse opinioni: alcuni insegnanti ritengono che i compiti durante le vacanze non servano assolutamente a nulla perché il bambino ha bisogno di “staccare completamente la spina” per ripartire a settembre pieno di energia. Altri pensano che se non si tiene allenata la mente questa in 3 mesi rischia di dimenticare tutto ciò che si è fatto a scuola.
 
Come spesso accade probabilmente la verità sta nel mezzo. Se abbiamo la fortuna di avere un figlio che fa i compiti con interesse o, perlomeno, senza farne una malattia non ci dobbiamo neanche porre la domanda.

 
Se invece nostro figlio non vuole neanche sentire nominare i compiti, prima di perdere il sonno e la tranquillità usiamo qualche piccolo accorgimento per riuscire a fargli svolgere i suoi “doveri” da scolaro.
 
Ecco qualche consiglio:
  1.  Suddividere i compiti in base ai giorni di vacanza che restano. Prendete un calendario e, con l’aiuto dei bambini, scrivere  su ogni giorno quante pagine di ogni materia dovranno essere fatte  per non arrivare a settembre con “l’acqua alla gola”.
     
  2. Non demoralizzate il bambino con frasi del tipo “non ce la farai mai a fare tutto!”.
  3. Seguitelo da lontano: fare i compiti al posto loro rende il bambino insicuro e inconsapevole delle sue reli capacità.
     
  4. Se possibile organizzare dei “gruppi di studio” con qualche amico, vicino di casa o vicino di ombrellone. Può diventare divertente incontrarsi un’ora al giorno al fresco e fare i compiti insieme.
  5. Fate scegliere a vostro figlio il momento in cui preferisce dedicarsi allo studio.
  6.  Dedicate ai compiti al massimo 1 ora al giorno possibilmente in un luogo tranquillo e lontano da qualsiasi tipo di distrazione.

 

 
 

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Di Battista Dalila il 8 agosto 2017 alle ore 11:47

    Utile,

    Indispensabile,

    Bello,

    Educativo.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
COPERTINA come-indossare-le-ballerine-dai-unocchiata-a-un-po-di-idee-di-styling-per-bambine

Come indossare le ballerine? Dai un'occhiata a un pò di idee di styling per bambine

Con l'arrivo della bella stagione, non solo gli adulti, ma anche i bambini sentono il bisogno di abbandonare stivali e scarponcini e di indossare delle scarpe più leggere come le ballerine, un classico intramontabile nel guardaroba di ogni bambina. Con il loro grazioso design e il comfort imbattibile, sono perfette per ogni occasione, dalla scuola alla festa di compleanno. Comode e raffinate, fanno sentire le bambine delle vere principesse. Ecco cinque idee creative per far indossare le scarpe da ballerina alle bambine in modo stiloso e divertente.  

continua »
bambino2 felice_cv

12 cose che rendono felice un bambino

Sottotitolo: senza mettere mano al portafogli. Ossia quali sono le cose che i bambini amano fare e che possono essere proposte loro che non prevedano spese e che non rientrino nella categoria 'vizi'.

continua »
bambino felice_cv

10 cose da dire che rendono felice un bambino

La tendenza è quella di dire al bambino quello che non deve fare. Spesso il suo operato viene messo in discussioni con frasi fortemente negative che minano l’autostima del piccolo. Con i figli si tende a essere più critici che costruttivi. Cosa dire, invece, a un bimbo per renderlo più felice?

continua »
disagicibo_cv

Le difficoltà dei bambini a tavola: disagi o disturbi?

 Disturbi e disagi alimentari non sono la stessa cosa. In entrambi i casi, però, spesso c'è una richiesta di attenzione da parte del bambino che attraverso il cibo manifesta problemi di altro genere.

continua »
Cerca altre strutture