Come festeggiare la fine dell'anno scolastico

Stanche della solita pizzata di fine anno? Ecco qualche idea alternativa per festeggiare la fine dell'anno scolastico con compagni, genitori e insegnanti (se ne hanno voglia). 

Articoli Correlati

Come festeggiare la fine dell'anno scolastico


É la pizzata di classe il modo tradizionale con cui alunni e genitori festeggiano la conclusione dell'anno scolastico, si salutano e si preprano a vivere la lunga estate che li attende. 
Esistono, però, modalità differenti per salutarsi e, soprattutto, quando i bambini sono piccoli (quindi, per le scuole primarie e le scuole di infanzia) varrebbe la pena cercare soluzioni alternative in grado di coinvolgere maggiormente anche loro (si sa, infatti, che i bimbi non amano particolarmente trascorrere lunghe ore chiusi in un ristorante e, soprattutto, se questi non sono kidfriendly quella della pizzata risulta più una costrizione che una festa).


Ecco, dunque, alcune idee alternative.

UNA FESTA NEL PARCO

La stagione lo consente, ormai, in tutta Italia. Si tratta solo di organizzarsi, scegliere il pomeriggio più adatto e coinvolgere quante più persone possibile nella partecipazione e nell'allestimento.
A dire il vero non è poi così complicato e si può proporre anche a scuole già chiuse, per passare qualche ora tutti assieme, non troppo lontani dal proprio quartiere e lasciando ai bambini la possibilità di giocare e divertirsi tutti assieme come in una grande ricreazione.
Sarà sufficiente procurarsi un tavolo per il buffet, qualche plaid da stendere per terra, coinvolgere quante più mamme (e papà) possibile nella preparazione della merenda (torte, biscotti, succhi di frutta, spiedini di frutta, salatini...), organizzare qualche gioco di gruppo (non è necessario pensare a chissà che cosa. Lo spazio c'è, i bambini anche. Possono andare bene i classici giochi all'aperto - bandiera, la pignatta, il salto coi sacchi...).
Invitate anche gli insegnanti e godetevi un pomeriggio di chiacchiere e relax! Sarà divertente per tutti, potrete portare anche i fratellini e le sorelline più piccoli e senz'altro piacerà ai bambini, che non dovranno rimanere per ore seduti a tavola ad aspettare che tutti finiscano di mangiare la loro pizza.

UNA GIORNATA IN CASCINA
Questo è senz'altro più complicato. Ma se conoscete una struttura adatta e avete buone dose organizzative, potrebbe essere un'idea. 
Sarà necessario: contattare la struttura per fissare il giorno chiedendo se esistono riduzioni di prezzo per i gruppi; prenotare il tavolo se all'interno della struttura è presente il ristorante oppure informarsi se c'è la possibilità di fare un picnic sull'erba; chiedere informazioni in merito a eventuali laboratori; contattare genitori e insegnanti (che potranno prendere parte alla giornata con i loro familiari) per comunicare il giorno scelto e il luogo; stabilire un orario e un punto di ritrovo per tutti.
Un po' più complesso, ma perfetto per passare un sabato o una domenica d'estate all'aria aperta, all'insegna del divertimento e del relax.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
bambo_desideri

La scuola e il Banco dei Desideri

Quarta edizione di questa bella iniziativa della Fondazione Mission Bambini per donare materiale scolastico a bambini e ragazzi in difficoltà.

continua »
bambina-scrittrice-hp

Si torna sui banchi di scuola

Anche quest’anno le vacanze per tutti i bambini e/o ragazzi stanno volgendo al termine, si abbandonano i luoghi di gaie spensieratezze per far ritorno alla routine quotidiana scandita dai ritmi scolastici

continua »
notte_bianca_aidf

Notte bianca: letture per educare all'ascolto

Grazie alla partnership fra AID (Associazione Italiana Dislessia) e Audible è nato un progeto di educazione all’ascolto con l'obiettivo di scoprire o riscoprire il piacere della lettura anche in presenza di dislessia.

continua »
primo-giorno-scuola-2

Il primo giorno di scuola

I giorni che precedono l’inizio della scuola e quelli immediatamente successivi possono costituire per un bambino una fonte di ansia e stress. Ma perché la scuola fa paura? E come aiutare il piccolo?

continua »
Cerca altre strutture