Come trattare la forfora dei bambini

Sebbene sia un fenomeno raro nei bambini, la forfora può comparire anche nei più piccoli ben prima della pre-adolescenza. Si tratta di un 'disturbo' che non deve preoccupare e che può essere risolto con alcuni piccoli accorgimenti.

Come trattare la forfora dei bambini



La forfora è causata da un'abbondante desquamazione del cuoio capelluto che appare ricoperto di piccole scaglie bianche, secche e perlate.


Generalmente, è un fenomeno piuttosto raro nei bambini (la forfora tende, infatti, a comparire intorno all'adolescenza quando si verificano i principali cambiamenti ormonali); può capitare, però, in quei bambini che tendono a rinnovare la pelle più rapidamente.

Il fenomeno non deve assolutamente destare problemi. Non si tratta di una malattia e bastano alcuni accorgimenti per risolverlo.

COME COMPORTARSI

  • Rimuovete la forfora con una spazzolina a denti stretti 
     
  • Lavate i capelli frequentemente con un shampo a base oleosa specifico per bambini che non irriti l'epidermide della cute, ma la nutra
     
  • In generale, evitate di utilizzare prodotti (shampo e balsamo) troppo aggressivi
     
  • Se il cuio capelluto appare arrossato e se le squame sono gialle e grasse, lavate i capelli per 3 giorni consecutivi con una shampo antiforfora studiato per i più piccoli procedendo in questo modo:
    insaponate la testa del bambino praticando un leggero massaggio sulla cute; avvolgete i capelli ancora insaponati in una salvietta e lasciateli così per una decina di minuti; risciacquate abbondantemente (questa operazione va, poi, ripetuta almeno una volta a settimana fino a quando il problema non sarà risolto)
     
  • Curate la dieta del bambino evitando i cibi spazzatura, quelli ad alto contenuto di zuccheri e i formaggi, spesso responsabili della secchezza cutanea.


RIMEDI NATURALI


Tra i rimedi naturali più efficaci, sicuramente l'utilizzo di olio di semi di lino o tea tree che, grazie alle loro proprietà antibatteriche e antisettiche, aiutano a nutrire l'epidermide e a contrastare la comparsa della forfora.
Esistono, poi, dei preparati formidabili per nutrire il cuoio capelluto e prevenire il problema:

  • Tuorli d'uovo: preparate un impacco con 3 tuorli d'uovo mescolati con acqua tiepida. Massaggiate il cuoio capelluto con la crema ottenuta e lasciatela agire per 15 minuti. Risciacquate abbondantemente e lavate i capelli con un shampo a base oleosa non aggressivo.
     
  •  Infuso di fiori d'ortica: mettete in infusione un cucchiaino di fiori d'ortica in 250 ml di acqua bollente. Lasciate raffreddare e utilizzate per risciacquare i capelli del bambino dopo lo shampo.
     
  • Aceto di mele: una volta a settimana, frizionate la cute del bambino con aceto di mele che deterge e stimola la circolazione sanguigna.
     
  • Rosmarino: sbriciolate qualche foglia di rosmarino fino a renderla una polvere mescolata con pari quantità di sale. Applicate la polvere ottenuta sul cuoio capelluto massaggiando con delicatezza. Ripetete l'operazione 2 volte alla settimana per 6 settimane.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Un-click-per-la-scuola

Un click per la scuola

Un'iniziativa completamente grauita di Amazon a sostegno di tutte le scuole italiane: per ogni acquisto effettuato sul noto sito di e-commerce, Amazon donerà il 2,5% della spesa alle scuola aderente all'iniziativa.

continua »
Bambini-scacchi

Perché insegnare ai bambini a giocare a scacchi

Ci attendono lunghi pomeriggi in casa cercando di far passare il tempo. Un po' per la stagione. Un po' per il lockdown che sta calando sulle teste di tanti. Gli scacchi possono essere un'alternativa al contempo educativa e ludica alla noia.  

continua »
conte-camera-021120

Nuovo DPCM: cosa cambia a scuola

Con il nuovo DPCM che dovrebbe entrare in vigore giovedì 5 novembre, torna la DAD, che si chiamerà ora DID, nelle scuole superiori e sembrerebbe anche per le classe II e III delle medie. Novità anche per i bambini della Primaria.

continua »
Influenza-o-covid

Covid o influenza? Come distinguerli?

Mentre alcuni pediatri lanciano un allarme per il numero eccessivo di tamponi eseguiti sui bambini, come possono i genitori distinguere i sintomi influenzali da quelli del covid?

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network