Cosa fare se il bambino fa la pipì a letto

Il controllo sfinterico rappresenta una conquista nel percorso di crescita di ogni bambino e di tutti i genitori. Capita, però, che un bimbo, in un'età in cui questo dovrebbe essere un dato acquisito, continui ugualmente a bagnare il letto. Cosa fare, quindi, in caso di enuresi infantile?

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Se intorno ai 2/3 anni i bambini raggiungono il controllo sfinterico approdando a una di quelle che viene considerata tra le più importanti tappe di crescita della loro vita, è anche vero che può succedere, molto meno raramente di quanto si potrebbe pensare, che ben oltre quest’età, in un momento in cui si presuppone che la capacità di controllare gli sfinteri sia raggiunta e acquisita, i bambini tornino a farsi la pipì addosso. Il problema, spesso notturno, va affrontato e circoscritto, tenendo sempre presente, però, che non si tratta di una lacuna irrisolvibile e che, nella maggior parte dei casi, con il passare degli anni, tende a risolversi da sola.
Ciò non toglie che per un bimbo in età scolare, in un periodo della sua vita in cui aumentano le possibilità di socializzazione e di confronto con amici e compagni, quello della pipì a letto posso diventare un vero e proprio incubo, con ripercussioni anche sul piano psicologico e dell’autostima.



TRUCCHI E CONSIGLI PER RIDURRE LA PIPÌ A LETTO DEI BAMBINI
Qualora il bimbo dovesse bagnare il letto, non è difficile mettere in atto piccoli accorgimenti per aiutarlo a vivere al meglio la situazione, prevenendo, eventualmente, episodi spiacevoli.

Innanzitutto, però, è fondamentale che i genitori evitino qualsiasi tipo di rimprovero, presa in giro, discussione. Non solo, infatti, sarebbero inutili dal momento che l’enuresi non è controllabile da parte del piccino, ma alla lunga potrebbero compromettere l’autostima del bambino, facendolo sentire diverso dai coetanei e non amato da mamma e papà.
Piccoli trucchi da mettere che migliorano la situazione:
  • Evitare di far bere il bambino ripetutamente nell’orario serale e, comunque, prima di andare a nanna (da circa tre ore prima di andare a dormire).
  • Dare maggiore consapevolezza al bambino di ciò che avviene nel suo corpo, spiegandogli, in modo chiaro e semplice, cos’è la pipì, come viene prodotta e come viene espulsa. Questo li aiuta a comprendere meglio il processo e ad averne un maggiore controllo.
  • Abituare il bambino ad andare in bagno in modo regolare (almeno con una cadenza di ogni tre ore) svuotando completamente la vescica.

Per saperne di più, cliccate qui.
Enuresi: trucchi per superarla

ENURESI: CAUSE E FATTORI EREDITARI
Si parla di enuresi quando un bambino dopo i 5 anni continua a bagnare il letto in modo continuativo (quindi non una volta ogni tanto).
Spesso, esiste una sorta di predisposizione familiare a questo tipo di problema, anche se non si può parlare di ereditarietà dal momento che l’enuresi non può essere considerata una vera e propria malattia o una deformazione genetica (cliccate qui per il parere dell'esperta, la dottoressa Maria Eleonora Basso, sull'argomento).
Ciò non toglie che la possibilità che genitori che abbiano sofferto di enuresi durante l’infanzia abbiano un bambino che manifesti la stessa problematica sia uguale al 70% (40% se solo uno dei due genitori ha sofferto di enuresi, 10/15% se nessuno dei due genitori ha mai accusato un disturbo simile).
Tra le cause principali, oltre appunto a una certa predisposizione, un’eccessiva produzione di urina durante la notte dovuta o a troppa assunzione di liquidi prima di andare a nanna o alla scarsa secrezione di un ormone prodotto dall’ipofisi (l’ADH) che agisce concentrando le urine in modo che la notte si formi meno pipì di quanto non accada di giorno.
Enuresi: cause e fattori ereditari

Per saperne di più sull’argomento e conoscere la gamma di prodotti Drynites pensati appositamente per i bambini che soffrono di enuresi, consultate il sito www.nottiasciutte.it.

Questo articolo è sponsorizzato

  • Commento inserito da Vincenza il 29 settembre 2014 alle ore 15:31

    Io ho scoperto dalla pagine Facebook di Huggies Italia la mutandina assorbente DryNites e devo dire che mi trovo molto bene, e anche a Rossella piace...noi usiamo la taglia 4-7 anni!

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Modulo-TempoPieno

Iscrizioni a scuola: modulo o tempo pieno?

In vista delle iscrizione a scuola di gennaio, facciamo un po' di chiarezza sul Tempo Scuola: meglio modulo o tempo pieno?

continua »
Iscrizioni-scuola2018-2019

Dal 16 gennaio iscrizioni aperte per l'anno scolastico 2018/2019

Dal 16 gennaio al 6 febbraio sarà possibile inoltrare le domande per le iscrizioni alle classi prime della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado per l'anno scolastico 2018/2019. Le domande andranno presentate online

continua »
Scrivania-bambini

L'angolo studio: come arredarlo

Creare un angolo studio per i bambini significa anche progettare uno spazio in cui piccoli possano sostare a lungo e che non provochi disagio alla schiena o alla vista. Ecco come scegliere tavoli, sedie e complementi d'arredo.

continua »
Shultute

Il primo giorno di scuola nel resto del mondo

Mentre il countdown è iniziato e i giorni di vacanza si contano sulle dita delle mani, ecco cosa succede il primo giorno di scuola nel resto del mondo. Tra prassi consolidate e tradizioni.

continua »

Cerca altre strutture








Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network