DaD no problem. Un'assaciozione aiuta i bambini rimasti indietro

Un progetto speciale lanciato da un gruppo di universitari fiorentini per aiutare i bambini rimasti indietro a causa della didattica a distanza. Ecco come funziona.

Articoli Correlati

DaD no problem. Un'assaciozione aiuta i bambini rimasti indietro



DaD. Ovvero di quando agli studenti è stata sottratta la scuola. Alcuni insegnanti la difendono, sostenendo che questo possa essere, a prescindere dalla situazione contingente, il futuro. I genitori che, però, si sono trovati ad averci a che fare, in particolare con i bambini delle scuole primarie, sanno che per molti di loro è stato un passo indietro, un ostacolo all'apprendimento, uno strumento che ha diviso più che unire e che ha penalizzato, in particolare, i bimbi che vivono in situazioni di difficoltà.


A supporto di questi scolari, è nata a Firenze un'associazione finalizzata ad aiutare i piccoli delle scuole elementari e medie rimasti indietro a causa della didattica a distanza.

Il progetto si chiama Students4Students e vede coinvolti, su base volontaria, un gruppo di studenti universitari sostenuti dall'Associazione fiorentina Le mille e una rete che, già a partire dal primo lockdown, si sono impegnati a dare una mano ai bambini in difficoltà che faticano a seguire le lezioni online.

Con la collaborazione del Comune di Firenze, sono state selezionate 5 scuole dislocate sul territorio comunale che avranno la possibilità di avvalersi degli studenti universitari che, in qualità di tutor, daranno supporto ai ragazzini in difficoltà segnalati dagli Istituti stessi.
Per il momento il servizio viene erogato a distanza, ma l'obiettivo è quello di passare quanto prima a un affiancamento in presenza, estendendolo anche agli studenti delle Scuole secondarie di secondo grado.
In cambio del servizio svolto, che, ricordiamo, si basa su prestazione volontaria, gli studenti potranno otterranno dei crediti formativi che potranno essere riscattati per il conseguimento della laurea.

A chi si rivolge il progetto?
Ai genitori che per motivi lavorativi non riescono a seguire i figli durante le ore di lezione online. Ai bimbi che hanno problemi ad accedere agli strumenti digitali. A quelli che hanno difficoltà a mantenere una soglia di attenzione alta proprio a causa dello strumento utilizzato per l'erogazione delle lezioni.

Per saperne di più ed essere sempre aggiornati, seguite la pagina Facebook dell'Associazione dove troverete tutte le informazioni del caso e gli aggiornamenti relativi al progetto Students4Students.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
bambo_desideri

La scuola e il Banco dei Desideri

Quarta edizione di questa bella iniziativa della Fondazione Mission Bambini per donare materiale scolastico a bambini e ragazzi in difficoltà.

continua »
bambina-scrittrice-hp

Si torna sui banchi di scuola

Anche quest’anno le vacanze per tutti i bambini e/o ragazzi stanno volgendo al termine, si abbandonano i luoghi di gaie spensieratezze per far ritorno alla routine quotidiana scandita dai ritmi scolastici

continua »
notte_bianca_aidf

Notte bianca: letture per educare all'ascolto

Grazie alla partnership fra AID (Associazione Italiana Dislessia) e Audible è nato un progeto di educazione all’ascolto con l'obiettivo di scoprire o riscoprire il piacere della lettura anche in presenza di dislessia.

continua »
primo-giorno-scuola-2

Il primo giorno di scuola

I giorni che precedono l’inizio della scuola e quelli immediatamente successivi possono costituire per un bambino una fonte di ansia e stress. Ma perché la scuola fa paura? E come aiutare il piccolo?

continua »
Cerca altre strutture