Dante Pappamolla

Di Isabella Paglia e Adriano Gon arriva in libreria Dante Pappamolla, un libro che parla di disavventure, sfiga e cose che vanno tutte storte. Fino a che.

Articoli Correlati

Dante Pappamolla


Scritto da Isabella Paglia e illustrato da Adriano Gon, fresco fresco di stampa, é in libreria Dante Pappamolla, un libro che parla di sfiga, disavventure, incomprensioni e disastri.
Perchè a Dante, che già  il nome é tutto un programma, unito al soprannome - Pappamolla - cucitogli addosso dai compagni ancor di più, tutto va male: deve portare gli occhiali, con una montatura economica si intende, a causa della miopia; i suoi genitori sono vegani fanatici e lo nutrono a bacche e germogli (mentre lui preferirebbe hamburger, patatine e maionese); a causa del lavoro dei genitori é stato costretto a trasferirsi in una città  nuova dove non conosce nessuno e, infine, l'adorata nonna Leopoldina, l'unica persona sana di mente di tutta la famiglia, é morta lasciandolo da solo, con le sue bacche salutiste, i suoi occhiali scadenti e la sua solitudine senza fine.


Per farla breve, Dante Pappamolla é un vero sfigato, senza amici, senza interessi e con una famiglia strampalata con cui convivere quotidianamente. Fino a che..
Fino a che, tra le scartoffie lasciate dalla nonna prima di morire, viene recuperata una scatola, sigillata, e una lettera, con una scritta a caratteri cubitali (Per Dante. Da aprirsi SOLO quando sarò partita. E mi raccomando, quando sarai solo.). La lettera é top secret, off limits per i Signori Tertuli e il pacco contiene un sacco di cose strane (foto della nonna ritratta in varie parti del mondo, come se nella sua vita non avesse fatto altro che viaggiare, sabbia, timbri postali.). E tra le varie cose strane, la più stramba di tutte: un sasso grigio, attaccato a un cordino di cuoio..

 


NULLA è QUEL CHE SEMBRA. TUTTI POSSIAMO ESSERE SUPER EROI

Il libro, veloce, avvincente, che alterna le parole di Isabella alle illustrazioni in bianco, nero e blu di Adriano, é un omaggio a tutti quei bimbi che si sentono sempre fuori posto, che non riescono a trovare la loro strada, che sono schiacciati da una famiglia che vorrebbe aiutarli e capirli, ma in realtà  non fa che allontanarli dalla realtà , accentuando la loro solitudine.
Racconta, con uno stile semplice e allo stesso tempo capace di catturare il piccolo lettore, di come dietro a un semplice sasso si possa nascondere un mondo, basta un pizzico di fantasia. Basta crederci.
Spiega come ciascuno di noi, per quanto timido, impacciato, deluso, triste, sfigato, sia in grado, se lo vuole, di trasformarsi in un super eroe. Mettendo da parte le paure, i rimpianti, il giudizio degli altri. E come di come la vita, anche la più buia, possa cambiare in un attimo. Diventando magica e speciale come dovrebbe essere sempre. Soprattutto se a viverla é un bambino.

Il libro, edito da Camelozampa é in libreria dal 21 settembre. Al costo di 9,90€.
Per saperne di più consultate anche il blog dell'autrice isabellapaglia.blogspot.it

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Skateboard-bambini

A lezione di skateboard

Sempre più lo skateboard è diventata un'attività fisica da proporre ai bambini al posto dei soliti corsi sportivi del pomeriggio. Perché ha senso e quali sono i benefici per i più piccoli.

continua »
Visita-endocrinologica-adolescente

Visita endocrinologica pediatrica: a cosa serve

A cosa serve e quando va fissata la visita endocrinologica pediatrica per valutare il corretto sviluppo e la crescita staturo-ponderale nel bambino e nell’adolescente.

continua »
Deodorante-bambini

Deodorante per la pubertà: pro, contro e caratteristiche

Intorno ai 9-10 anni l'odore dei bambini cambia e si fa più acre e pungente. È uno dei primi segnali della pubertà ormai alle porte. È consigliato l'uso del deodotante? E se si, come deve essere?

continua »
Educazione-lettura-bambini2021

Come appassionare i bambini alla lettura

L'educazione alla lettura è un processo lungo che richiede tempo e che non sempre avviene in modo automatico. Anzi, spesso il confronto con smartphone e tablet rende il libro obsoleto e poco attrattivo. Ecco come fare.

continua »
Cerca altre strutture