Genitori spazzaneve

Chi sono i genitori spazzaneve? E perché il loro intervento costante nella vita dei figli nuoce gravemente alla loro conquista dell'autonomia? Perché sarebbe auspicabile che i bambini imparassero sin dai primi giorni di scuola a cavarsela da soli? 

Articoli Correlati



Li chiamano genitori spazzanve. Sono mamme e papà convinti che fornire ai figli un aiuto costante e continuo nello svolgimento delle loro attività quotidiane (per esempio i compiti a casa) sia il modo migliore per incoraggiarli, far sentire la loro presenza e stare loro vicini. 


Uno studio delle Università della Finlandia orientale e di Jyväskylä ha evdenziato, invece, esattamente il contrario: i bimbi lasciati liberi di sbagliare, di prendere un brutto voto, di non riuscire a finire tutti i compiti, acquisiscono maggiore consapevolezza dei propri limiti e, allo stesso tempo, degli strumenti per superarli; inoltre, sono più autonomi, hanno minor paura di sbagliare e, di conseguenza, si dimostrano più coraggiosi nell'affrontare le situazioni e le prove e rivelano una maggiore capacità di apprendimento.

Soprattutto per ciò che riguarda compiti e vita scolastica, i genitori dovrebbero imparare a farsi da parte.

Il loro ruolo non è quello di affiancare i figli nell'esecuzione degli esercizi o nella correzioni degli stessi. Al contrario, dovrebbero sostenerli insegnando loro a sbagliare da propri errori, impegnandosi a fondo pur di ottenere i migliori risultati. Dove per 'migliori risultati' non si intende diventare i più bravi della classe. Ma ottenere il massimo da se stessi, impegnandosi a fondo e rialzondosi quando si cade.

In particolare alla scuola primaria, la tentazione di mamma e papà di fare i compiti insieme al bambino è fortissima. 
Per il loro bene, invece, sarebbe preferibile intervenire solo se interpellati, evitando di correggere i compiti del piccolo (spetta agli insegnanti farlo, non ai genitori), ma aiutandolo a trovare un metodo di studio, favorendolo nella ricerca della concentrazione e sostenendolo in caso di brutto voto.

REGOLE PER LO SVOLGIMENTO DEI COMPITI A CASA
  • Fissare un orario (ragionevole) entro il quale il bambino deve terminare i compiti
     
  • Organizzare uno spazio studio che favorisca la concentrazione (niente tablet, cellulare, televisione a disposizione e nessun giocattolo in giro)
     
  • Intervenire solo se interpellati dal bimbo e non per risolvere o eseguire l'esercizio, ma per aiutare il bambino, con il ragionamento a trovare la soluzione
     
  • Non sostituirsi alle insegnanti: la correzione dei compiti non spetta ai genitori
     
  • Accettare che il bambino possa sbagliare e prendere un brutto voto. Il voto non è un giudizio. Ma uno stimolo per continuare a migliorarsi


 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Puberta

Primi segnali di pubertà

Il passaggio dall'infanzia all'adolescenza non avviene in un colpo solo dall'oggi al domani. Alcuni segnali precoci, infatti, sono forieri del cambiamento che si verifica, generalmente, intorno agli 11/12 anni.

continua »
Carnevale2019-tendenze

Carnevale 2019: tutte le tendenze

Quali sono le maschere più trendy del Carnevale 2019? Cosa andrà per la maggiore tra adulti e bambini? Una carrellata tra i travestimenti che spopoleranno quest'anno.

continua »
ScuolaSenzaZaino

I 3 valori della Scuola senza Zaino

Dalla disposizione dell'aula alla responsabilizzazione dell'alunno, Scuola Senza Zaino cerca di promuovere un'idea nuova di scuola e di lavoro in classe. Ecco i 3 valori principali di questa teoria.

continua »
Album-figurine

L'album delle figurine: un gioco completo

Cosa imparano i bambini quando cercano di completare un album di figurine? Quali valori trasmette questo gioco antico ai più piccoli?

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network