Homeschooling: boom di adesioni

Mai alto come quest'anno il numero di famiglie che opta per l'homeschooling come modello formativo per i propri figli. È boom soprattutto alla primaria, complice anche l'esperienza in dad dei due anni appena trascorsi.

Articoli Correlati

Homeschooling: boom di adesioni



La DAD un fallimento? Non per tutti se è vero che, come segnalato nei giorni scorsi da diversi quotidiani, nel 2021 il numero di famiglie che hanno optato per l'homeschooling come sistema edicativo per i propri figli è triplicato. Sono 15.000, infatti, gli studenti che quest'anno studieranno a casa, seguiti da tutori, educatori o dai genitori stessi. Tra questi, la maggior parte sono bambini, in particolare della prima classe della scuola primaria. Si parla di oltre 10.000 piccoli scolari (lo scorso anno erano stati poco più di 2900) concentrati soprattutto nella Regione Lombardia, in Lazio e in Sicilia, le tre regioni in cui è più attivo il fenomeno.



Perché una scelta così estrema? 
Le ragioni sono molteplici. Ma alla base l'esigenza di una scuola diversa, più libera e che sia davvero a misura di bambino. Capace di offrire allo scolaro/studente un'alternativa allo studio e al metodo imposti dal Ministero.

Chi lo desidera, ma non è obbligatorio a meno che non si desideri rientrare nel sistema scolastico nazionale, può sostenere un esame al termine di ogni anno che attesi il livello di competenze. La maggior parte, però, soprattutto alla Scuola Primaria, preferiscono non farlo.
I genitori che optano per l'homeschooling, infatti, non necessariamente seguono le regole e i tempi della scuola italiana. L'approccio, nella maggior parte dei casi, è totalmente diverso e punta alla multidisciplinalità, al rispetto dei bisogni dello scolaro (ecco perché, tra i bambini educati a casa, molti non imparano a leggere a sei anni ma arrivano anche fino a 8/9 senza aver aperto un libro).
L'idea di partenza è che i bimbi non siano tutti uguali, che possano manifestare interessi diversi, che non sia contenitori vuoti da riempire sempre nello stesso modo.
Per quanto riguarda la didattica, che però viene proposta in modo molto fluido, c'è chi si rivolge a uno o più tutori, chi si appoggia a una rete di amici e parenti, chi opta per un apprendimento day by day naturale.

I vantaggi, secondo quanto dicono i sostenitori di questo sistema, sarebbero molteplici:
maggiore autostima del bambino; capacità di rispondere in modo puntuale ai suoi reali interessi e bisogni; multidisciplinarità a 360° (non esistendo materie di studio, tutto diventa materia di studio, compresi i fumetti, i videogiochi, la danza classica, la tecnologia....)
 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Tangram

Tangram: fantasia al potere

Il Tangram, antico gioco cinese che prevede la costruzione di figure a partire da 7 pezzi geometrici diversi, è molto più che un gioco per bambini. E aiuta a sviluppare concentrazione e metodo.

continua »
Coding2022

Coding: passatempo estivo

3 consigli per avvicinare i bambini al coding in modo divertente, ludico e veloce. Senza stress e bypassando l'idea che programmare sia un'attività noiosa da nerd.

continua »
Analfabeti-funzionali

Adolescenti analfabeti funzionali

Allarme di Save the Children: un adolescente su due non capisce quello che legge. Lo comunica il presidente dell'Associazione Claudio Tesauro.

continua »
Giochi-senza-frontiere

Come organizzare una giornata 'sportiva' con tutta la classe

Volete organizzare una giornata all'insegna dello sport e del divertimento con tutta la classe? Cercate idee per coinvolgere bambini e genitori in un campionato all'insegna dei giochi senza frontiere? Leggete qui.

continua »
Cerca altre strutture