I compiti di Pasqua di una maestra di Ferrara

Ha fatto notizia la decisione di una maestra di Copparo, nel ferrarese, che, nel salutare i suoi alunni prima delle vacanze di Pasqua, anziché la lista dei compiti da svolgere a casa, ha fornito un elenco di indicazioni di vita per affrontare al meglio le vacanze. Ecco alcuni esempi di quello che i bambini dovranno fare.

Articoli Correlati

I compiti di Pasqua di una maestra di Ferrara


C'è chi durante queste vacanze di Pasqua ha dovuto leggere decine di pagine e studiare a memoria poesie e filastrocche. C'è chi si è dovuto impegnare a svolgere temi e riassunti. Chi ha dovuto eseguire difficili operazioni e risolvere complicati problemi. C'è chi è stato costretto a disegnare. A leggere. A imparare.
E poi ci sono loro. Gli alunni di seconda elementare della maestra Margherita Aurora di Copparo, nel ferrarese. Che ai suoi piccoli studenti, prima di salutarli e augurar loro Buona Pasqua, ha consegnato una lista di cose da fare durante le feste. E la lista era talmente sorprendete che dalle pagine di La nuova Ferrara su cui la notizia è uscita inizialmente, ha fatto il giro del web.

Eccola nel dettaglio.

  • Fai delle belle dormite riposanti. Pisolino compreso
  • Se il tempo è bello, non stare chiuso in casa, ma esci e gioca all'aperto
  • Passa tutto il tempo possibile con i tuoi genitori: se la mamma cucina qualcosa, aiutala leggendole la ricetta e allungandole qualche ingrediente; se il papà ha tempo, fai delle belle passeggiate all'aperto con lui, a piedi o in bicicletta
  • Se hai dei nonni vicino a te, fatti raccontare le storie di quando erano piccoli: sono molto divertenti e loro saranno felici di parlartene. Se ti va, fai con loro il disegno di quello che ti hanno narrato, lo appenderemo in classe al ritorno
  • La sera, prima di dormire, fatti leggere una storia o un bel libro a puntate. Se la mamma o il papà sono troppo stanchi, leggi tu per loro. Non dimenticare, prima di addormentarti, qualche bella coccola.
  • Gioca in allegria con fratelli, sorelle, cugine, amici, ricordando di avere rispetto e pazienza
  • Cerca di guardare meno tv possibile: in alternativa, leggi o fai un bel disegno. Lo appenderemo in classe al ritorno
  • Se hai animali domestici, curali con particolare attenzione e gioca tanto con loro: hanno bisogno della tua compagnia e del tuo affetto
  • Se fai un breve viaggio con i tuoi, non giocare tutto il tempo con i videogames: guarda il paesaggio, leggi i cartelli lungo la strada e segna sul quaderno di italiano, su un taccuino o su un foglio i luoghi che visiti, magari accompagnando i luoghi con un disegno delle cose che più ti hanno colpito o con una bella cartolina acquistata là. Se farai questa cosa su un foglio, poi l'appenderemo in classe.

  • Solo l'ultimo punto della lista, aveva il vago sapore di compito delle vacanze. Ma questo era l'unico 'dovere' che ai piccoli alunni era chiesto di portare a termine:
  • Martedì, ultimo giorno di vacanza, ripassa le tabelline da 0 a 5 ripetendole ad alta voce. Inoltre, controlla con cura l'astuccio e la cartella in modo da tornare a scuola ordinato.



    Commenta questo articolo
    • Commento inserito da Renza docente il 8 maggio 2019 alle ore 09:31

      Oltre che condividere i consigli della maestra ottimi credo anche che i principi vadano condivisi con I colleghi o nel plesso altrimenti resta un caso isolato e gli alunni interessati da questo piccolo progetto si sentiranno dei privilegiati

      Dopo lunghi anni di esperienza questo è il mio timido consiglio

      Tengo a precisare che il lavoro di ogni docente va adattato alla classe in modo personalizzato

    • Commento inserito da sonya colombo il 5 maggio 2015 alle ore 23:30

      condivido la sua idea di compito intesa a dare indicazioni di come il proprio prezioso tempo libero andrebbe valorizzato al meglio , non diamo per scontato infatti che tutti siano in grado di farlo o che i tutti i genitori abbiamo il tempo o la voglia di insegnare ai propri figli ad impegnarsi a svolgere con qualità le varie attività. quindi impegnarsi a farlo e' un Compito importante con la C maiuscola ..di nuovo grazie.

    • Commento inserito da maria giancola il 24 aprile 2015 alle ore 21:15

      Splendida, maestra Margherita. Sono perfettamente d'accordo con te.Non ho fatto come te una ista delle cose da fare, ma ho detto ai miei alunni di riposarsi e divertirsi. Brava!!!!!!

    • Commento inserito da Silvia Buttiglieri il 23 aprile 2015 alle ore 08:58

      Super complimenti alla maestra; per fortuna che ogni tanto c'è qualcuno che sa uscire dagli schemi, tanto meglio se lo fa con garbo e simpatia.

    • Commento inserito da Maria il 8 aprile 2015 alle ore 23:03

      Sono una mamma ma anche una maestra e condivido pienamente l'idea di compito di questa collega! Brava! Ho fatto la stessa cosa e sono profondamente convinta della bontà di questi suggerimenti perché nessuno di noi, andando in vacanza, vuol essere subissato di compiti e quelli assegnati sono, per certo, i più importanti e necessari per maturare in conoscenze e competenze, nella testa ma, soprattutto, nel cuore.

    • Commento inserito da mascia dolores il 6 aprile 2015 alle ore 18:17

      Complimenti a questa Signora maestra: persona sensibile e professionale! Sono esattamente queste le cose che i bambini devono fare per diventare adulti sani nel corpo e nella mente. Grazie Signora maestra spero che i suoi alunni la rispettino come lei rispetta loro







    • Leggi tutti i commenti

    Ricetta della settimana

    Forse ti potrebbe interessare
    bambo_desideri

    La scuola e il Banco dei Desideri

    Quarta edizione di questa bella iniziativa della Fondazione Mission Bambini per donare materiale scolastico a bambini e ragazzi in difficoltà.

    continua »
    bambina-scrittrice-hp

    Si torna sui banchi di scuola

    Anche quest’anno le vacanze per tutti i bambini e/o ragazzi stanno volgendo al termine, si abbandonano i luoghi di gaie spensieratezze per far ritorno alla routine quotidiana scandita dai ritmi scolastici

    continua »
    notte_bianca_aidf

    Notte bianca: letture per educare all'ascolto

    Grazie alla partnership fra AID (Associazione Italiana Dislessia) e Audible è nato un progeto di educazione all’ascolto con l'obiettivo di scoprire o riscoprire il piacere della lettura anche in presenza di dislessia.

    continua »
    primo-giorno-scuola-2

    Il primo giorno di scuola

    I giorni che precedono l’inizio della scuola e quelli immediatamente successivi possono costituire per un bambino una fonte di ansia e stress. Ma perché la scuola fa paura? E come aiutare il piccolo?

    continua »
    Cerca altre strutture