Il bambino fa la pipì a letto? Consigli per aiutarlo

Cosa fare quando il bambino, anche dopo il compimento di un’età in cui dovrebbe essere raggiunto completamente il controllo sfinterico, continua a bagnare il letto? Consigli e suggerimenti per aiutarlo a superare il problema senza traumi.

Articoli Correlati

Il bambino fa la pipì a letto? Consigli per aiutarlo



Un bambino enuretico, ossia un bambino che continua a bagnare il letto anche a un’età in cui il controllo sfinterico dovrebbe essere, ormai, acquisito da tempo sia di giorno che di notte, è un bimbo che, molto probabilmente, vive in una situazione psicologica frustrante. L’enuresi, infatti, è un disturbo medico curabile (e che, nella maggior parte dei casi, tende a risolversi da solo con l’adolescenza), che consiste nella perdita involontaria di urina durante la notte e che, spesso, durante il giorno è accompagnata da altri sintomi quali, per esempio, il bisogno frequente di fare pipì. Si tratta di un problema che non dovrebbe allarmare i genitori ma che, per le conseguenze psicologiche e sociali che comporta, è vissuto malissimo sia da chi ne soffre sia da familiari, che purtroppo vengono assaliti da dubbi, perplessità, domande.
Cosa fare, dunque?
Innanzitutto, cercare di non drammatizzare. Quindi, rivolgersi al proprio pediatra per affrontare insieme il problema e trovare insieme la strategia migliore. Dopodiché, seguire alcuni semplici accorgimenti che aiutano a migliorare notevolmente, se non tanto il problema, per lo meno le condizioni esterne che l’enuresi tende spesso a compromettere.



5 CONSIGLI PRATICI PER VIVERE AL MEGLIO L’ENURESI DEL BAMBINO

Sul sito www.nottiasciutte.it by DryNites®, il problema dell’enuresi è affrontato in ogni suo aspetto ed è possibile leggere le esperienze di tante altre mamme che hanno vissuto o si trovano a vivere la medesima situazione.
Qui, vi condensiamo alcuni dei suggerimenti pratici generali utili per tutti coloro che si trovano ad affrontare la problematica, in modo da aiutare il bambino a superarla e a non viverla in modo eccessivamente traumatico.
  • Non colpevolizzare il bambino, non sgridarlo, non prendersela con lui. Anche se cambiare il letto tutti i giorni può essere stancante e faticoso, nessun bambino si fa la pipì addosso volontariamente. Un atteggiamento accusatorio non farebbe altro che frustrare il piccolo, minando la sua autostima.
  • Dare maggiore consapevolezza al piccolo di ciò che avviene nel suo corpo, spiegandogli, in modo chiaro e semplice, cos’è la pipì, come viene prodotta e come viene espulsa. Questo lo aiuta a comprendere meglio il processo e ad averne un maggiore controllo.
  • Abituare il bambino ad andare in bagno in modo regolare (almeno con una cadenza di ogni tre ore) svuotando completamente la vescica.
  • Evitare di far bere il bimbo ripetutamente nell’orario serale e, comunque, prima di andare a nanna (da circa tre ore prima di andare a dormire).
  • Far indossare al bambino una mutandina apposita, sottile e discreta, studiata appositamente per trattenere l’urina in modo da non bagnare il letto e che risulta praticamente invisibile sotto al pigiama. In questo modo, il bimbo potrà avere una vita sociale regolare e non dovrà rinunciare a eventuali inviti per dormire a casa di amici o compagni e gite di classe.


Per tantissime altre informazioni consultate il sito www.nottiasciutte.it by DryNites®.

Questo articolo è sponsorizzato

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
bambino2 felice_cv

12 cose che rendono felice un bambino

Sottotitolo: senza mettere mano al portafogli. Ossia quali sono le cose che i bambini amano fare e che possono essere proposte loro che non prevedano spese e che non rientrino nella categoria 'vizi'.

continua »
bambino felice_cv

10 cose da dire che rendono felice un bambino

La tendenza è quella di dire al bambino quello che non deve fare. Spesso il suo operato viene messo in discussioni con frasi fortemente negative che minano l’autostima del piccolo. Con i figli si tende a essere più critici che costruttivi. Cosa dire, invece, a un bimbo per renderlo più felice?

continua »
disagicibo_cv

Le difficoltà dei bambini a tavola: disagi o disturbi?

 Disturbi e disagi alimentari non sono la stessa cosa. In entrambi i casi, però, spesso c'è una richiesta di attenzione da parte del bambino che attraverso il cibo manifesta problemi di altro genere.

continua »
bambinicibo_cv

Bambini e cibo: nutriamo il cuore dei bambini

La dottoressa Cristina Savatteri ci spiega come molti dei disturbi alimentari dei bambini derivino da una sbagliata interiorizzazione del cibo nella primissima infanzia. 

continua »
Cerca altre strutture