Imparare le tabelline giocando

Giochi, app e piccoli trucchi per imparare le tabelline in modo in modo semplici, divertente ed efficace.

Articoli Correlati

Imparare le tabelline giocando



Lo studio delle tabelline è l'incubo ricorrente dei genitori con bambini che frequentano la scuola primaria (generalmente, si comincia nel secondo quadrimestre in seconda elementare per completare l'apprendimento in terza quando la conoscenza viene data per assodata). Il metodo è lo stesso in quasi tutte le scuole italiane: ai piccoli studenti, infatti, viene chiesto di ripeterle a memoria, anche in ordine sparso, senza utilizzare le mani per contare.


Se, però, un tempo gli unici strumenti erano pazienza e memoria, oggi esistono diversi giochi e attività ludiche che possono aiutare il bambino a impararle facilmente e rapidamente.

IL METODO ANALOGICO PER L'APPRENDIMENTO DELLE TABELLINE


Il metodo analogico ideato dal maestro Camillo Bortolato prevede un apprendimento che procede mediante metafore e analogie. Nel caso delle tabelline l'associazione è quella con il colore che funge da elemento aggregante.
Il libro - appunto Imparare le tabelline con il metodo analogico - associa a ogni risultato delle tabelline un'immagine che serve per aiutare la memoria a fissare meglio il valore.
Il libro fornisce anche indicazioni in merito a come deve essere utilizzato: si parte con una fase di studio ad alta voce, si passa a una fase di ripasso e si termina con l'esercitazione.
Ogniqualvolta viene introdotta una nuova tabellina, vengono sempre riprese anche quelle precedenti.



LE TABULINE 


Le Tabuline, un gioco che può essere proposto anche ai bimbi della scuola di infanzia, sono una soluzione originale e divertente per iniziare a familiarizzare con le tabelline: si tratta di carte studiate a misura di bambino, piacevoli da vedere e manovrare, utili per coinvolgere i piccoli in attività che aiutano l’apprendimento in modo ludico.
Sul sito www.letabuline.it sono spiegati alcuni giochi sia per piccoli gruppi (da 2 a 4 persone) che per la classe (Le Tabuline Ordinate, Le Tabuline Disordinate, Le Tabuline Rubate, La Sequenza, Animali nascosti, Domino) ed è possibile acquistare il gioco a 9,90€ più le spese di spedizione.

IL TUBO PITAGORICO

Il Tubò Pitagorico è uno strumento che facilita e aiuta lo studio delle tabelline. Consiste in un tubo con due manopole colorate ai lati e un “display”. Una volta girate le manopole impostando due numeri, sul “display” apparirà il risultato della moltiplicazione. Se invece del secondo numero della moltiplicazione, si imposta la “T” il bambino visualizza tutti i risultati della tabellina della cifra scelta.
Il Tubò Pitagorico è un gioco/strumento che sfrutta la memoria visiva, rendendo più piacevole e semplice il momento dello studio delle tabelline.






 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
uefa-playmakers-disney

Uefa e Disney insieme per promuovere il calcio femminile

Playmaker è il programma messo a punto da UEFA in collaborazione con Disney per promuovere la diffusione tra le bambine del calcio femminile.

continua »
Lezioni-sul-sofa

Lezioni sul sofà

In questi tempi di scuole chiuse e bambini a casa da scuola da giorni, Lezioni sul Sofà è il sito nato dall'iniziativa di un gruppo di autori e scrittori per l'infanzia per intrattenere i bambini con favole, racconti, giochi...

continua »
Coronavirus-spiegato-aibambini

Il coronavirus raccontato ai bambini

Da una lettera scritta (e pubblicata su Facebook) da un medico e psicoterapeuta dell'età evolutiva a sua figlia di 11 anni per tranquilizzarla su quanto sta accadendo, alcuni consigli per spiegare il coronavirus ai bambini. 

continua »
Artonauti-Album-figurine

Artonauti. Il primo album di figurine dedicato alla storia dell'arte

Acquistabile on line o in edicola a partire dal 15 marzo, arriva Artonauti, il primo album di figurine interamente dedicato alla storia dell'arte e ai suoi protagonisti. Assolutamente da non perdere.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network