Iro-Iku. Il metodo che aiuta i bambini a concentrarsi

 Iro-Iku è un termine giapponese che indica un metodo basato sull'utilizzo del colore negli arredi e nello spazio destinato ai bambini che stimola la concentrazione, la capacità comunicativa e l'immaginazione.

Iro-Iku. Il metodo che aiuta i bambini a concentrarsi


Iro-Iku è una parola giapponese che indica un metodo utilizzato per stimolare la capacità di concentrazione, l'immaginazione e la creatività dei bambini attraverso l'uso, negli spazi loro adibiti, del colore.
Ed è ispirandosi ai principi dell'iro-iku che proprio in Giappone è stato realizzato, mesi fa, uno spazio giochi all'interno di un centro commerciale che sin da subito ha mostrato le sue enormi potenzialità nella stimolazione dei piccoli e nella capacità di accogliere e incanalare le loro esigenze.
Mama Smile, infatti, nella cittadina di Mito, è un parco giochi coperto realizzato dall'architetto Emmanuelle Moureaux pensato proprio per incuriosire i bimbi, guidarli attraverso la concezione originale degli spazi e l'uso del colore, alla scoperta di quel mini mondo e coinvolgerli, una volta entrati, nelle attività proposte.


I colori, in una simile concezione, giocano un ruolo chiave, dal momento che suddividono gli ambienti (tutti giocati sul tema della casa) e accompagnano il bambino nel suo percorso di scoperta.

Colori accesi messi a contrasto tra loro: rosa, giallo, blu, azzurro, verde... Con accostamenti cromatici studiati e scelti per il tipo di impatto visivo in grado di ottenere.

Nello stesso modo e con la stessa concezione degli spazi e dei colori sorgono gli asili (nidi e materne) di design e nuova concezione. Nella convinzione che l'ambiente circostante, forme, colori, accostamenti, scelte d'arredo...., siano in grado di influenzare le capacità e le modalità di apprendimento e possano stimolare, nei bambina, fantasia e creatività. Senza costringerli in tappe obbligate, ma lasciandoli liberi di sperimentare e testare.

In questa direzione si sta muovendo anche l'interior design destinato all'infanzia. Che sempre più spesso vede l'abbandono delle linee classiche e dei colori tradizionali per l'arredo e i complementi d'arredo delle stanze dei bambini a favore di forme nuove e sfruttamento delle potenzialità intrinseche in tutta la gamma dei colori.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da ROSARIA il 21 novembre 2015 alle ore 21:34

    Qui a Roma mancano le basi di pulizia e comfort senza parlare dei problemi di infiltrazioni e umidita' che si rimpallano da piu' di 3 anni nelle scuole elementari!!!Il mondo va avanti solo sul.....web...........argh!

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Ultimo-giorno-scuola

Come organizzare la giornata dopo la fine della scuola

Dal tempo libero ai compiti delle vacanze. Dai centri estivi ai pomeriggi al parco. Ecco come riorganizzare la giornata dei bambini una volta che la scuola sarà terminata.

continua »
DAD-ScuolaElementareADistanza

Come organizzare lo studio per la didattica a distanza

Torna l'incubo della DAD per molti bambini della scuola primaria, costretti a passare 4, 5, 6 ore davanti a un monitor per seguire le lezioni e interrogazioni. Ecco come attrezzare la loro postazione.

continua »
Piedibus2021

Piedubus: l'autobus che va a piedi

Il Piedibus è una carovana di bambini che vanno a scuola in gruppo, accompagnati da due adulti, un “autista” davanti e un “controllore” che chiude la fila. Ecco come funziona e perché sarebbe bello fosse attivo in tutte le scuole d'Italia.

continua »
TikTok_Privacy

Tik Tok obbligato a verificare l'età dei suoi iscritti

Dopo il caso drammatico della bambina di Palermo morta nel tentativo di superare una challenge lanciata su Tik Tok, il Garante della Privacy è intervenuto a tutela dei minori: ora il social network dovrà verificarne l'età.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network