Iro-Iku. Il metodo che aiuta i bambini a concentrarsi

 Iro-Iku è un termine giapponese che indica un metodo basato sull'utilizzo del colore negli arredi e nello spazio destinato ai bambini che stimola la concentrazione, la capacità comunicativa e l'immaginazione.

Iro-Iku. Il metodo che aiuta i bambini a concentrarsi



Iro-Iku è una parola giapponese che indica un metodo utilizzato per stimolare la capacità di concentrazione, l'immaginazione e la creatività dei bambini attraverso l'uso, negli spazi loro adibiti, del colore.
Ed è ispirandosi ai principi dell'iro-iku che proprio in Giappone è stato realizzato, mesi fa, uno spazio giochi all'interno di un centro commerciale che sin da subito ha mostrato le sue enormi potenzialità nella stimolazione dei piccoli e nella capacità di accogliere e incanalare le loro esigenze.
Mama Smile, infatti, nella cittadina di Mito, è un parco giochi coperto realizzato dall'architetto Emmanuelle Moureaux pensato proprio per incuriosire i bimbi, guidarli attraverso la concezione originale degli spazi e l'uso del colore, alla scoperta di quel mini mondo e coinvolgerli, una volta entrati, nelle attività proposte.


I colori, in una simile concezione, giocano un ruolo chiave, dal momento che suddividono gli ambienti (tutti giocati sul tema della casa) e accompagnano il bambino nel suo percorso di scoperta.

Colori accesi messi a contrasto tra loro: rosa, giallo, blu, azzurro, verde... Con accostamenti cromatici studiati e scelti per il tipo di impatto visivo in grado di ottenere.

Nello stesso modo e con la stessa concezione degli spazi e dei colori sorgono gli asili (nidi e materne) di design e nuova concezione. Nella convinzione che l'ambiente circostante, forme, colori, accostamenti, scelte d'arredo...., siano in grado di influenzare le capacità e le modalità di apprendimento e possano stimolare, nei bambina, fantasia e creatività. Senza costringerli in tappe obbligate, ma lasciandoli liberi di sperimentare e testare.

In questa direzione si sta muovendo anche l'interior design destinato all'infanzia. Che sempre più spesso vede l'abbandono delle linee classiche e dei colori tradizionali per l'arredo e i complementi d'arredo delle stanze dei bambini a favore di forme nuove e sfruttamento delle potenzialità intrinseche in tutta la gamma dei colori.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da ROSARIA il 21 novembre 2015 alle ore 21:34

    Qui a Roma mancano le basi di pulizia e comfort senza parlare dei problemi di infiltrazioni e umidita' che si rimpallano da piu' di 3 anni nelle scuole elementari!!!Il mondo va avanti solo sul.....web...........argh!

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
bambino2 felice_cv

12 cose che rendono felice un bambino

Sottotitolo: senza mettere mano al portafogli. Ossia quali sono le cose che i bambini amano fare e che possono essere proposte loro che non prevedano spese e che non rientrino nella categoria 'vizi'.

continua »
bambino felice_cv

10 cose da dire che rendono felice un bambino

La tendenza è quella di dire al bambino quello che non deve fare. Spesso il suo operato viene messo in discussioni con frasi fortemente negative che minano l’autostima del piccolo. Con i figli si tende a essere più critici che costruttivi. Cosa dire, invece, a un bimbo per renderlo più felice?

continua »
disagicibo_cv

Le difficoltà dei bambini a tavola: disagi o disturbi?

 Disturbi e disagi alimentari non sono la stessa cosa. In entrambi i casi, però, spesso c'è una richiesta di attenzione da parte del bambino che attraverso il cibo manifesta problemi di altro genere.

continua »
bambinicibo_cv

Bambini e cibo: nutriamo il cuore dei bambini

La dottoressa Cristina Savatteri ci spiega come molti dei disturbi alimentari dei bambini derivino da una sbagliata interiorizzazione del cibo nella primissima infanzia. 

continua »
Cerca altre strutture