Iscrizioni a scuola: modulo o tempo pieno? - Età scolare - Bambinopoli




Iscrizioni a scuola: modulo o tempo pieno?

In vista delle iscrizione a scuola di gennaio, facciamo un po' di chiarezza sul Tempo Scuola: meglio modulo o tempo pieno?

Articoli Correlati


Tra le varie scelte che i genitori dei bimbi che il prossimo anno si iscriveranno al primo anno della Scuola Primaria, c'è anche la scelta su quello che viene definito Tempo Scuola.
Il Tempo Scuola è sostanzialmente l'organizzazione interna delle lezioni secondo modalità di frequentazione differente che prevedono la permanenza del bambino a scuola per periodi di tempo diversi.


In altre parole, quello da tutti conosciuto come Tempo Pieno (40 ore settimanali) o Modulo (30 o 36 settimanali).
Come si differenziano l'uno dall'altro? Cosa cambia realmente?

IL TEMPO PIENO
Il tempo pieno si articola su un Tempo Scuola di 40 ore settimanali dal lunedì al venerdì di cui 30 di lezioni in aula e 10 suddivise tra mensa e attività extra-scolastiche o gioco con i compagni.
Normalmente l'orario scolastico in questo caso va dalle 8.00/8.30 del mattino fino alle 16.00/16.30 del pomeriggio con diverse pause e intervalli nell'arco della giornata e la frequentazione della mensa tutti i giorni della settimana.
Il vantaggio per i genitori che lavorano è indubbio: il bimbo rimane a scuola praticamente tutto il giorno con la possibilità, per altro, di essere iscritto al pre e al dopo-scuola.
PRO:
I sostenitori del Tempo Pieno, poi, sostengono che in questo modo i piccoli hanno la possibilità di adattarsi con calma all'ambiente scolastico imparando a conoscerne non solo i momenti legati alle attività in aula, ma anche tutto quello che concerne il 'tempo libero' con la possibilità di approfondire le amicizie con i compagni e la conoscenza degli insegnanti che, in effetti, diventano un vero e proprio punto di riferimento per i bimbo.
CONTRO:
I detrattori, di contro, sono convinti che 40 ore all'interno della struttura scolastica siano troppe per un bambino, soprattutto nei primi anni. E che il Tempo Pieno gli sottragga, di fatto, il suo Tempo Libero, togliendogli la possibilità di 'vivere' al di fuori della Scuola.

IL TEMPO MODULARE
Il Tempo Modulare prevede la frequentazione del bambino a scuola per 24, 27 o 30 ore, a seconda degli Istituti e del numero di famiglie che all'interno del bacino di riferimento ne fanno richiesta, con una frequentazione settimanale che viene stabilita autonomamente dalle scuole stesse tenendo presenti quelle che sono le reali esigenze delle famiglie frequentanti. C'è, dunque, chi effettua due rientri pomeridiani, chi estende la frequentazione al sabato con solo un rientro il pomeriggio...
Naturalmente, questo tipo di scelta sottende che i genitori abbiano la possibilità di ritirare il bambino da scuola subito prima di pranzo e che ci sia qualcuno - mamma, papà, nonni, baby sitter - che rimanga con lui nel pomeriggio e lo aiuti a fare i compiti (che normalmente nel Tempo Pieno non vengono assegnati).
PRO:
Il tempo modulare sembra essere particolarmente adatto per i bambini più piccoli, che si stancano meno. Le classi a modulo sono, in linea generale, frequentati da bimbi in cui le famiglie sono molto presenti e sin dal primo anno i piccoli sperimentano la doppia modalità di fruizione delle lezioni sia collettivamente a scuola, sia in modo autonomo a casa con lo svolgimento dei compiti.
CONTRO:
Sicuramente, il grande problema del tempo modulare è che prevede che almeno uno dei genitori non lavori a tempo pieno o che a casa sia presente qualcuno - nonni o tate - disposto a prendersi cura del bambino nel pomeriggio.
Il rischio, poi, è di delegare alle famiglie quello che, invece, dovrebbe essere fatto in classe - i compiti - impedendogli per altro di sperimentare sulla propria pelle una serie di esperienze del vivere collettivo che, invece, vivono i bambini che frequentano il tempo pieno.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Mara il 3 gennaio 2018 alle ore 17:15

    Quindi alla fine non ci da un vero consiglio questo articolo, anzi mi ha confusa di più

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Zaino-uguale-per-tutti

A Novara zainetto uguale per tutti

Uno zainetto uguale per tutti i bambini. Succede a Novara dove una scuola elementare ha fornito a tutti gli aluni il medesimo zainetto, anonimo, non griffato e gratuito. La storia nasce sui social e apre il dibattto. 

continua »
Bambini-grandi-lettori

Bambini, grandi lettori

7 su 10 bambini di età compresa tra 0 e 13 anni amano leggere e l'82% dei piccoli ha avuto a che fare con la lettura negli ultimi 12 mesi. Incoraggianti i numeri recentemente resi noti in merito al rapporto tra piccoli ed editoria. 

continua »
Papa-Figlia

Tra padre e figlio. Tappe di crescita

Dalla nascita sino alla pubertà, come cambia il ruolo del padre in relazione con il proprio figlio e come influenza la crescita del bebè prima del bambino poi e dell'adolescente e adulto alla fine.

continua »
Lavori-da-grande

Cosa vuoi fare da grande?

Secondo alcuni studi, il 65% dei bambini che oggi frequenta la Scuola Primaria, da grande farà un lavoro che non esiste e che noi adulti non siamo nemmeno in grado di immaginare. Da un'intervista al professor Piero Dominici pubblicata su Morning Future.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network