Kiddle, il motore di ricerca per bambini

Si chiama Kiddle. E' in fase di perfezionamento ed è il primo motore di ricerca per bambini, in grado di unire le potenzialità di Google Safe Search con il lavoro di una squadra di editor che ha selezionato un numero enorme di siti esclusivamente per i più piccoli.

Kiddle, il motore di ricerca per bambini


E' il primo motore di ricerca che, utilizzando gli stessi sistemi di ricerca di Google, restituisce risultati che, nelle prime pagine, si possono considerare al 100% bimbo friendly.
I primi tre link proposti da Kiddle sono, infatti, siti per bambini. Dal quarto al settimo link appaiono siti non pensati espressamente per i più piccoli ma, comunque, scritti con un linguaggio semplice, abbordabile per un bambino. Dall'ottavo risultato in poi, appaiono i siti normalmente proposti da Google Safe Search, ossia link sicuri ma non necessariamente abbordabili, in termini di linguaggio, da un bambino.



Nonostante la somiglianza grafica (scelta dei colori, web design...), Kiddle non è stato sviluppato da Google e non ha nulla a che vedere con Google: la stringa di ricerca appare al centro, sotto al logo come avviene per il più famoso motore di ricerca, e campeggia al centro di una pagina costruita sul tema dello spazio. Un piccolo robot fa da tutor ai bimbi ricercatori spiegando loro quando un termine non possa essere preso in considerazione, ai fini della restituzione dei risultati, perché considerato bad word.

A questo proposito, in fase di lancio del prodotto, le polemiche non sono mancate. Molti termini di ricerca, infatti, sono considerati 'bad words' esclusivamente per la tematica cui fanno riferimento. Un esempio per tutti: tutte le parole legate al mondo gay e lesbian così come tutti i termini relativi alla sessualità maschile e femminile (comprese parole quali mestruazioni, ovulazione...).
A questo proposito, è evidente che il sistema vada ancora perfezionato e ci siano delle falle. Noi, infatti, abbiamo voluto provarlo ottenendo un risultato negativo anche per termini assolutamente impensabili quali 'apple', 'play', 'trein'...

A ogni modo, è un ottimo passo in avanti per quanto riguarda la presenza dei bambini sulla rete, la loro navigazione e la possibilità di accedere o meno a siti ritenuti 'pericolosi'.
Esiste, infatti, anche la possibilità di creare una lista personale di parole chiavi considerate cattive e di siti pericolosi, stringendo ulteriormente i parametri di ricerca e, quindi, di navigazione.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Tangram

Tangram: fantasia al potere

Il Tangram, antico gioco cinese che prevede la costruzione di figure a partire da 7 pezzi geometrici diversi, è molto più che un gioco per bambini. E aiuta a sviluppare concentrazione e metodo.

continua »
Coding2022

Coding: passatempo estivo

3 consigli per avvicinare i bambini al coding in modo divertente, ludico e veloce. Senza stress e bypassando l'idea che programmare sia un'attività noiosa da nerd.

continua »
Analfabeti-funzionali

Adolescenti analfabeti funzionali

Allarme di Save the Children: un adolescente su due non capisce quello che legge. Lo comunica il presidente dell'Associazione Claudio Tesauro.

continua »
Giochi-senza-frontiere

Come organizzare una giornata 'sportiva' con tutta la classe

Volete organizzare una giornata all'insegna dello sport e del divertimento con tutta la classe? Cercate idee per coinvolgere bambini e genitori in un campionato all'insegna dei giochi senza frontiere? Leggete qui.

continua »
Cerca altre strutture