La cronaca spiegata ai bambini

Fatti come quelli di Parigi aprono il dubbio su quale sia il modo migliore per affrontare argomenti di cronaca, anche nera, con i bambini. Ce ne parla la dottoressa Cristina Savatteri

Articoli Correlati

La cronaca spiegata ai bambini


A un mese di distanza, torniamo a parlare di Parigi e dei fatti tragici che l'hanno vista protagonista per cercare di comprendere anche come raccontare ai bambini episodi di cronaca nera, stragi, devastazioni.
Se, infatti, un adulto riesce a dare un senso anche alla tragedia, per i bambini spiegare certi fatti è difficile se non impossibile.

Innanzitutto, perché la loro capacità di comprensione passa proprio attraverso l'adulto, che spesso fornisce informazioni frammentarie o non totalmente intellegibili per un bimbo.
Soprattutto per i piccoli che non fanno domande, la capacità di comprensione e accettazione diminuisce e la mancanza di certezze provoca disturbi quali, per esempio, la difficoltà di addormentarsi, una sorta di inquietudine.

Il consiglio è, di fronte a episodi gravi sentiti in televisione o ascoltati dalle chiacchiere di mamma e papà, è di dare informazioni precise, prestare attenzione alle domande dei bimbi, non minimizzare le loro paure, espresse in modo palese o attraverso il silenzio o l'inquietudine.
La comprensione del loro stato d'animo passa attraverso il racconto, ma anche attraverso il linguaggio non verbale, il disegno, un ottimo strumento per capire o provare a capire i sentimenti dei bimbi.
Rassicurarli, star loro vicini, utilizzare un linguaggio e parole semplici rappresentano il modo migliore per eliminare i dubbi, cancellare i timori.
E' in questo modo che i bambini, anche di fronte a fatti gravi come quelli di Parigi, possono acquisire serenità e non aver paura dell'ignoto.

La dottoressa Cristina Savatteri, psicologa e psicoterapeuta, lavora con i bambini e le loro famiglie con particolare attenzioni per le problematiche riguardanti lo sviluppo e i percorsi di crescita, i disturbi dell'apprendimento, i disagi emotivi e le difficoltà  di crescita.
Per maggiori informazioni o per fissare eventuali appuntamenti é possibile contattarla all'indirizzo cristisavaATlibero.it

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Capoeira-2020

Capoeira: tra danza e lotta

Salti, calci, piroette e movimenti dolci. In una parola Capoeira. La danza che arriva dal Brasile e piace tanto ai bambini di tutte le età. Perché sceglierla tra i corsi sportivi.

continua »
Kumon

Kumon. Un metodo di apprendimento per inglese e matematica

Nato in Giappone 60 anni fa e molto diffuso nel mondo, il metodo Kumon ha l'obbiettivo di fornire ai bambini, dall'età di 2 anni, gli strumenti per 'imparare a imparare'. Facilitando, in questo modo, l'apprendimento delle lingue straniere.

continua »
Shopping-scuola-2020

Back to school: i must have del 2020

Oltre a penne, matite e quaderni, ecco i must have che non devono assolutamente mancare nella lista delle cose da comprare per la scuola.

continua »
Mascherine-Backtoschool

Mascherine in classe? Vince il buonsenso

Back to school 2020: tra gli accessori che i bimbi dovranno portare con loro in cartella, oltre a penne, astucci e quaderni, anche le mascherine. Su cui, parrebbe, si è finalmente arrivati a un accordo.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network