L'album delle figurine: un gioco completo

Cosa imparano i bambini quando cercano di completare un album di figurine? Quali valori trasmette questo gioco antico ai più piccoli?

Articoli Correlati



Un evergreen per tante generazioni di bambini. Si comincia perché li regalano a scuola. Insieme a un pacchetto di figurine che, inizialmente, appare quasi inutile.


Poi, piano piano, la moda prende piede nelle classi. In men che non si dica, tutti i bimbi iniziano a raccogliere le loro figurine, a incollarle sugli album. A scambiare i 'doppioni', come si chiamavano un tempo e, probabilmente, anche oggi, con i compagni.
L'album delle figurine è uno dei giochi più divertenti, avvincenti e istruttivi con cui i bimbi tra i 6 e i 10 anni (è quella l'età di riferimento) hanno a che fare durante la loro infanzia.
Un gioco da fare in solitudine nella propria cameretta ma, al contempo, un gioco di società. Perché è solo con la collaborazione di tutti, anche se non proprio di collaborazione si tratta ma di proprio tornaonto personale, si può sperare di completare la raccolta.

Di seguito, alcuni motivi per cui riteniamo che l'album delle figurine sia un gioco da incentivare tra i più piccoli:
  1. Insegna loro a contare. Soprattutto per i bambini più piccoli (prima e seconda elementare) è un ottimo sistema per imparare a conoscere la scala numerica, per capire la differenza tra numeri a una cifra, a due cifre e a tre cifre. E per comprendere come leggere i numeri in modo che questi abbiano un valore.
     
  2. Aiuta a coltivare la pazienza. Per completare la raccolta, infatti, occorre tempo. Bisogna sapere aspettare, assaporare il gusto di aprire il proprio pacchetto e sperare che su 5/6 figurine, le doppie non superino più del 50%. Man mano che si va avanti, diventa sempre più difficile raggiungere questo obiettivo. È anche vero, che a ogni figurina nuova che si trova aumenta la gioia di averla trovata.
     
  3. Insegna a essere precisi. Incollare le figurine dentro i bordi previsti, infatti, richiede molta precisione.
     
  4.  Stimola la collaborazione. Mettendo, infatti, insieme le figurine di tutti, è possibile completare prima la propria raccolta. Ecco perché gli scambi sono parte integrante del gioco stesso. Occorre stipulare alleanze. Dare un valore alle proprie figurine (quanto vale la figurina che si sta aspettando da tanto tempo? Tre figurine? Cinque?...)
     
  5. È parte dei ricordi della propria vita scolastica. Chi di voi non ricorda i primi album di figurine? O quell'unico che alla fine, dopo tanta fatica, si è riuscito a completare?

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Puberta

Primi segnali di pubertà

Il passaggio dall'infanzia all'adolescenza non avviene in un colpo solo dall'oggi al domani. Alcuni segnali precoci, infatti, sono forieri del cambiamento che si verifica, generalmente, intorno agli 11/12 anni.

continua »
Carnevale2019-tendenze

Carnevale 2019: tutte le tendenze

Quali sono le maschere più trendy del Carnevale 2019? Cosa andrà per la maggiore tra adulti e bambini? Una carrellata tra i travestimenti che spopoleranno quest'anno.

continua »
ScuolaSenzaZaino

I 3 valori della Scuola senza Zaino

Dalla disposizione dell'aula alla responsabilizzazione dell'alunno, Scuola Senza Zaino cerca di promuovere un'idea nuova di scuola e di lavoro in classe. Ecco i 3 valori principali di questa teoria.

continua »
Libri-Shoa

La Shoa nei libri per bambini

In occasione del giorno della memoria che ricorre il 27 dicembre, alcuni titoli da leggere con i bambini per spiegare loro il tema dell'Olocausto attraverso la lettura.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network