Lista scuola: quello che le maestre non chiedono ma potrebbe essere utile

Piccola cartoleria. Ovvero quello che le maestre non choedono ma potrebbe essere utile durante l'anno scolastico. 

Articoli Correlati

Lista scuola: quello che le maestre non chiedono ma potrebbe essere utile



Ormai ci siamo davvero. All'inizio della scuola mancano poche ore per alcuni, giorni per altri. Ma le vacanze hanno davvero i minuti contati per tutti. Per i bimbi di tutte le classi arriverà la lista del materiale da comprare per l'anno che sta per iniziare redatto dalle insegnanti. Nell'elenco, i libri, i quaderni, le copertine, il diario, le cartellette, penne, matite... Insomma, una lista completa da cui davvero non manca nulla. Salvo alcuni piccoli oggetti di cartoleria che nel corso dei mesi potrebbero tornarvi utile e che potreste aggiungere al materiale da acquistare.



ETICHETTE
Spesso sono presenti anche nelle liste ufficiali. Qualora non fosse così, ricordatevi di acquistare sempre etichette adesive per contrassegnare libri, quaderni, pennarelli, matite, righelli, quadernoni.... Soprattutto con i bambini delle prime classi sono fondamentali perché nei primi tempi perderanno ogni cosa. E distinguere i propri oggetti da quelli degli altri non sarà facile. 

Le etichette più evolute, utilizzabili anche sulla stoffa, sono utili per contrassegnare grembiuli, tute da ginnastica, scarpe...

SALVABUCHI
Se le maestre richiedono quadernoni ad anelli, anche qualora non fosse indicato, ricordatevi di aggiungere alla spesa anche i salvabuchi. Sono occhielli bioadesivi che servono per proteggere i fogli da eventuali strappi e consentono di mantenere più ordinato il quaderno. Sono universali e possono essere utilizzati sia con i quadernoni in formato A4 sia con quelli piccoli.

RICAMBI PER QUADERNI
Naturalmente, qualora fosse richiesto un quadernone ad anelli, non dimenticate di aggiungere i fogli di ricambio. Delle righe o dei quadretti utilizzati dal bimbo a seconda della classe frequentata. Per proteggerli dagli strappi, oltre ai salvabuchi, potreste utilizzare cartellette di plastica trasparente anch'esse con i buchi.

CARTELLETTE DI PLASTICA TRASPARENTE
Per proteggere fogli e compiti in classe, anche laddove siano conservati in cartellette rigide, fornite al bambino cartellette di plastica trasparente che, tra l'altro, potreste personalizzare con etichette nominali.

REFILL E RICARICHE PER LE PENNE
Senz'altro la maesra indicherà quali sono le penne da adottare durante l'anno. Se, però, non vengono date indicazioni in merito, molto comode sono le penne ricaricabili (disponibili in vari colori) da ricaricare durante l'anno con le apposite cartucce mano a mano che si consumano.

FORBICI
Quasi scontato. Da un astuccio completo non dovrebbero mancare forbici e colla. Usatissimi dai bambini soprattutto delle prime classe elementari.

EVIDENZIATORI
Per i bambini che iniziano a studiare quest'anno, un buon metodo è quello di insegnare loro a sottolineare le parti più importanti e interessanti da ricordare durante lo studio e ripetere nelle interrogazioni. Gli evidenziatori sono fondamentali in questi casi.
 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
bambo_desideri

La scuola e il Banco dei Desideri

Quarta edizione di questa bella iniziativa della Fondazione Mission Bambini per donare materiale scolastico a bambini e ragazzi in difficoltà.

continua »
bambina-scrittrice-hp

Si torna sui banchi di scuola

Anche quest’anno le vacanze per tutti i bambini e/o ragazzi stanno volgendo al termine, si abbandonano i luoghi di gaie spensieratezze per far ritorno alla routine quotidiana scandita dai ritmi scolastici

continua »
notte_bianca_aidf

Notte bianca: letture per educare all'ascolto

Grazie alla partnership fra AID (Associazione Italiana Dislessia) e Audible è nato un progeto di educazione all’ascolto con l'obiettivo di scoprire o riscoprire il piacere della lettura anche in presenza di dislessia.

continua »
primo-giorno-scuola-2

Il primo giorno di scuola

I giorni che precedono l’inizio della scuola e quelli immediatamente successivi possono costituire per un bambino una fonte di ansia e stress. Ma perché la scuola fa paura? E come aiutare il piccolo?

continua »
Cerca altre strutture