Paracetamolo: è davvero sicuro?

Bambini imbottiti di farmaci e antipiretici al primo stato febbrile. Ma sono davvero utili tutti questi medicinali? Aldilà degli effetti collaterali, se usati in modo improprio, non finiscono per 'compromette' il sistema immunitario dei più piccoli impedendogli di rafforzarsi?


Da anni si discute sull’abuso di farmaci per accelerare la guarigione dei bambini. La polemica su antibiotici prescritti e dati come fossero acqua fresca non è cosa di oggi e da tempo, ormai, infiamma i dibattiti sull’argomento. Medici e pediatri, in un certo senso, si sono impegnati per fare formazione presso le famiglie, insegnando loro a utilizzarli nel modo corretto, solo sotto stretta prescrizione medica e solo in caso di patologie batteriche. Inutili, infatti, per combattere i virus, hanno anche pesanti effetti collaterali che possono compromettere il benessere, più che la salute, dei bimbi.
Diverso, invece, è il caso degli antifebbrili. Considerati spesso, e a torto, innocui e dati ai bimbi senza alcuna indicazione medica, al primo rialzo febbrile.


Ma sono davvero così innocui? E a cosa servono, esattamente?

FEBBRE. COME SI CURA?

La febbre non è una patologia, ma la reazione dell’organismo per difendersi dai virus. Il rialzo febbrile, quindi, anche quando importante, non dovrebbe preoccupare i genitori che, anzi, dovrebbero considerarlo come la prova che il sistema immunitario del bambino sta lavorando per riportarlo alla guarigione.
Purtroppo, invece, quella che viene definita febbre-fobia sembra colpire tutti o quasi tutti e alle prime linee di febbre il bambino viene “curato” con antifebbrili (sotto ai sei anni, farmaci a base di paracetamolo e, da qualche anno, di ibuprofene) per far scendere la temperatura.
Niente di più sbagliato. Lo scopo degli antipiretici non dovrebbe essere quello di eliminare la febbre, ma, eventualmente, di alleviare il malessere del bambino, laddove questo sia presente (e spesso non lo è affatto). Insomma, se il piccolo sembra infastidito dagli effetti collaterali della temperatura elevata, può avere un senso dargli il farmaco. In caso contrario, anche di fronte a temperature che superano i 38°, no.

IL PARACETAMOLO È DAVVERO INNOCUO?
In Italia sono i farmaci a base di paracetamolo a essere maggiormente utilizzati in età pediatrica. Vengono usati per qualsiasi evenienza, sia come antipiretici che come analgesici: il bambino ha la febbre? Paracetamolo. Il bambino sta mettendo i dentini? Paracetamolo. Il bambino ha mal di testa? Paracetamolo. Il bambino ha fatto le vaccinazioni? Paracetamolo. La donna è incinta e non si sente bene? Paracetamolo.
Insomma, il paracetamolo come panacea di tutti i mali.
Ma è davvero così privo di controindicazioni?
Assolutamente no. I danni di un uso smodato e scriteriato del paracetamolo e dei farmaci a base di sono noti da tempo e riguardano soprattutto il fegato. Recentemente, però, è stato anche dimostrato che i bambini che abbiano fatto uso continuato di paracetamolo sotto ai 15 mesi siano maggiormente esposti al rischio di diventare sensibili agli allergeni e di sviluppare sintomi come l'asma entro i sei anni di età.
L’altro farmaco noto come antipiretico nella prima infanzia è a base di ibuprofene, un principio attivo che in Italia è stato introdotto da poco nella farmacologia pediatrica ma che sta riscuotendo un discreto successo, rimpiazzando, talvolta, il più noto medicinale a base di paracetamolo.
Gli effetti collaterali, in questo caso, hanno a che fare con danni all’apparato gastro-intestinale, soprattutto in bambini predisposti a sanguinamenti.

Per saperne di più sui farmaci, è possibile consultare il sito Informazione sui farmaci.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da margo il 3 ottobre 2013 alle ore 22:58

    Bisogna anche dire che se la febbre è troppo alta è meglio dare il paracetamolo, poichè la temperatura troppo elevata può compromettere sia la funzione celebrale che far venire crisi epilettiche e svenimenti.


    Se poi il paracetamolo è usato come se fosse una caramella, è logico che come ogni farmaco, può nuocere al nostro organismo.


  • Commento inserito da Dionisia il 3 ottobre 2013 alle ore 11:57

    La febbre è come se il corpo bruciasse con il calore i germi, se tu spegni "il forno" con l'antipiretico, tutto il lavoro per combattere i germi da parte dell'organismo è annullato. Quando i miei figli hanno la febbre, l'antipiretico lo do dopo un giorno intero di febbre alta (sopra i 38,5)passato con la pezza fredda sulla fronte, e somministro solo la dose più bassa per l'età del bambino perchè così è più tranquillo e dorme sereno la notte senza fare continui pisolini e risvegli che non lo fanno riposare. Faccio così da sempre (anche neonato) e con tutti e due i miei figli.

  • Commento inserito da Redazione (Risposta a Susanna) il 3 ottobre 2013 alle ore 11:19

    Nell'articolo non si dice che l'uso di paracetamolo sia dannoso. L'abuso, però, sì. Come per tutti i farmaci, naturalmente.

    Il paracetamolo, però, ha un problema aggiuntivo. Che, proprio per la sua mancanza di effetti collaterali, viene dato ai bimbi per ogni evenienza. Alla prima febbre, anche sotto ai 38.

    Questo era il focus dell'articolo.

    Non fare terrorismo psicologico sul paracetamolo.

    Ma cercare di spiegare che spesso è meglio lasciare che la malattia faccia il suo corso (con qualche linea di febbre) piuttosto che ricorrere immediatamente al farmaco.

  • Commento inserito da susanna il 3 ottobre 2013 alle ore 09:46

    onestamente, dopo 8 anni vissuti da mamma, tre figlie tre gravidanze in cui io stessa ho assunto paracetamolo, mi venite a dire che questo non è innocuo. terrorismo psicologico? io lo ho sempre usato per necessità, mai abusato, e credo questo valga per qualunque mamma coscienziosa.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Registrazione-scuola2018

Iscrizioni scolastiche 2018-2019 al via

A partire da oggi, 16 gennaio 2018 fino al 6 febbraio 2018, è possibile effettuare l'iscrizione a scuola per i bambini che il prossimo anno si troveranno a frequentare la classe prima della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado. 

continua »
Registrazione-Miur

Iscrizioni a scuola: da oggi è possibile registrarsi

A partire da oggi, martedì 9 gennaio 2018, è possibile registrarsi al sito del Ministero dell'Istruzione per ottenere il PIN funzionale a effettuare l'iscrizione vera e propria a partire dal 16 gennaio. 

continua »
Dieta-contro-influenza

Una dieta contro l'influenza

Una dieta adeguata, ricca di vitamine e sali minerali e a base di prodotti di stagione, permette di prevenire e combattere i virus influenzali che stanno mettendo a letto tanti bambini (e adulti) in questi giorni.

continua »
Modulo-TempoPieno

Iscrizioni a scuola: modulo o tempo pieno?

In vista delle iscrizione a scuola di gennaio, facciamo un po' di chiarezza sul Tempo Scuola: meglio modulo o tempo pieno?

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network