Pidocchi. Vero o falso?

Nel caso in cui il bambino prenda i pidocchi (cosa non difficile con il ritorno a scuola e la frequentazione di palestre e strutture sportive) ecco cosa fare e non fare per accelerarne la scomparsa. Tutto quello che c'è da sapere sulla pediculosi.

Articoli Correlati

Pidocchi. Vero o falso?


Sebbene i pidocchi siano vivi e attivi durante tutto l'anno, è anche vero che la ripresa delle attività scolastiche e della frequentazione di palestre, piscine e strutture sportive in genera, facilita la loro diffusione, con vere e proprie epidemie di pediculosi proprio a ridosso dei mesi autunnali e invernali.
Tra l'altro, a dispetto di quello che si potrebbe pensare, i pidocchi sono parassiti 'democratici', dal momento che colpiscono indistintamente grandi e piccini (anche se, ovviamente, sono proprio questi ultimi i principali veicoli di trasmissione), ricchi e poveri, teste pulite e teste sporche, bimbi grandi e bimbi piccoli.


Per poterli prevenire, dunque, e soprattutto combattere, è necessario sfatare alcuni miti e alcune credenze popolari, concentrandosi su quelli che sono i soli sistemi accertati per debellarli.


In caso di pediculosi, affinché il trattamento sia efficace, è necessario rasarsi a zero?

La risposta è no. Sebbene, infatti, i pidocchi trovino un miglior habitat nelle chiome con tanti ricci e boccoli, gli antiparassitari oggi disponibili garantiscono un'azione efficace indipendentemente dalla lunghezza dei capelli. Semmai, tagli corti facilitano la rimozione con un pettine a denti fitti delle lendini e dei pidocchi morti. Inoltre, sono più pratici qualora il bimbo, come è probabile, cerchi di sottrarsi al trattamento.

Come si distinguono le lendini dalla forfora?
A un primo sguardo forfora e lendini appaiono uguali, ma un esame più attento rivelerà l'inganno: al contrario della forfora, infatti, le lendini non si riescono a rimuovere dai capelli con un semplice soffio o un leggero tocco delle dita.

In caso di pidocchi gli animali di casa rappresentano un ulteriore problema e un ulteriore veicolo di trasmissione?
Assolutamente no. I pidocchi dell'uomo vivono solo su questo, quindi nessun rischio di infestazione per cani e gatti di casa. Anche se è vero che un pidocchio potrebbe stare qualche giorno nel loro pelo per poi cercare di passare sulla testa di qualche malcapitato padrone.

I pidocchi possono causare infezioni?
No. I pidocchi non trasmettono virus o batteri con i loro morsi. Piuttosto, sono le escoriazioni causate dal continuo grattarsi (specie se si hanno le unghie sporche) a indurre infezioni.

I pidocchi vivono solo sulle teste sporche? Questa è un'antica credenza che associava la presenza di pidocchi alla sporcizia, alla povertà, alla mancanza di possibilità di lavarsi. In realtà non è affatto così. Anzi, sembrerebbe che i pidocchi prediligano proprio le teste pulite. Ecco perché, in caso di infestazioni, tutte le teste sono a rischio...

Lendini e pidocchi muoiono lontano dall'uomo?
C'è una fondamentale differenza: la sopravvivenza del pidocchio adulto è di 48-72 ore, mentre le uova possono rimanere vitali per una decina di giorni. Ecco perché, oltre al trattamento antiparassitario, si rende necessaria un'accurata 'disinfestazione' di biancheria e capi d'abbigliamento soprattutto contro le lendini.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
KidsCookIt

Kids Cook it. Il primo club di cucina per bambini

Un modo diverso di vivere la 'cucina' con i più piccoli. Kids Cook it è un vero e proprio club che permette di avvicinare i bimbi al tema del food attraverso una serie di laboratori, da fare a casa, pratici e divertenti. Ecco come funziona.

continua »
Giudizi-scuola-primaria

Alla Primaria, tornano i giudizi descrittivi

Niente più voti per i bambini della Scuola Primaria. In seguito a un'Ordinanza del 4 dicembre emanata dal Ministero dell'Istruzione, alle Elementari tornano i giudizi descrittivi.

continua »
redoc_home_nat

Natale con Redooc

Attendi il Natale con il calendario dell'avvento e prepara la tua letterina per Babbo Natale.

continua »
DAD-noproblem

DaD no problem. Un'assaciozione aiuta i bambini rimasti indietro

Un progetto speciale lanciato da un gruppo di universitari fiorentini per aiutare i bambini rimasti indietro a causa della didattica a distanza. Ecco come funziona.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network